Cerca

Durante Belgio-Usa

Mondiali, l'italiano invasore di campo: "L'ho fatto per Ciro e le Favelas"

3
Mondiali, l'italiano invasore di campo: "L'ho fatto per Ciro  e le Favelas"

"Questa persona è l’esempio peggiore. È una vergogna". Jerome Valcke, segretario generale della Fifa, si esprime così su Mario Ferri, in arte Falcò. Ieri il giovane è stato protagonista di un’invasione di campo, l’ennesima della sua carriera. Lo specialista delle invasioni, 25enne di Montesilvano, Pescara, con un passato recente da candidato al consiglio comunale per Fratelli d’Italia, ha fatto irruzione al 16’ di Belgio-Stati Uniti all’Arena Fonte Nova di Salvador. Ferri, come documentano anche alcune foto, è entrato allo stadio con un biglietto riservato ad un disabile. "Era per una buona causa, per veicolare un messaggio e poi ho donato la sedia a rotelle", ha detto in un'intervista telefonica a La Repubblica.

L'invasione - Ha attraversato tutto il campo di Salvador, il tutto nello stupore generale del pubblico che non stava capendo chi fosse quel ragazzo con la solita maglia di Superman con scritto sopra “Ciro vive” in memoria del tifoso napoletano vittima degli scontri nel pre partita della finale di Coppa Italia. "Volevo far vedere una maglia su cui c’era una scritta Save Favelas Children e Ciro Vive, dedicata al popolo brasiliano che soffre ed alla prematura scomparsa di un ragazzo innocente".

L'arresto - Il ragazzo è stato rilasciato questa notte alle 4 ora brasiliana, dopo esser stato arrestato subito dopo l'invasione. Ora a stabilire la sanzione dovrà essere la giustizia dello stato federale, che già gli ha ritirato il passaporto. Poi spiega come è riuscito a farla franca e a fingersi disabile. "C'è stato un grosso lavoro dietro. Mi sono portato la sedia a rotella dall'Italia, mi sono fasciato una gamba e ho fatto un falso certificato dell'Inps grazie all'aiuto di un grafico". Poi spiega di aver ottenuto un accredito da fotografo a bordo campo per fare un reportage fotografico sulle favelas, per un giornale italiano. "Sono anche andato a prendere i biglietti per la partita sulla sedia a rotelle. Un po' mi sento in colpa per i disabili, però la questione è che era l'unico modo per lanciare un messaggio positivo. Comunque chiedo scusa a queste persone. Ho infatti, donato la sedia a rotelle".

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • plaunad

    03 Luglio 2014 - 10:10

    Mi domando come vive questo psicolabile. Chi gli paga le innumerevoli trasferte-spettacolo?

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    03 Luglio 2014 - 08:08

    ma vai a cagare terrone.....poi si lagnano che le peggio cose vengono dal sud.....falsi ciechi, falsi disabili, pagliacci.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    02 Luglio 2014 - 19:07

    Pensi, Mario ferri, che noi italiani siamo pieni di gente così. Poi al Sud, per ricompensa, ci dicono che se al Nord siamo tutti tristi, loro ridono e se la spassano. Mbeh, ti credo..

    Report

    Rispondi

media