Cerca

Tutti gli uomini di Berlusconi nel governo Renzi

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi ufficialmente non fa parte del governo Renzi, ma i suoi uomini sono entrati nel nuovo esecutivo e messi in alcuni posti chiave così come prevedevano gli accordi del Nazareno. A cominciare dal ministro Federica Guidi allo Sviluppo Economico. L'imprenditrice nega di essere andata ultimamente a cena ad Arcore, ma di certo è amica di vecchia data del Berlusconi anche se ci tiene a precisare che si rivolge al Cav dandogli ancora del "lei".
Di certo si danno del "tu" con Berlusconi, Enrico Costa e Cosimo Ferri. Questi ultimi sono stati nominati da Renzi sottosegretari alla Giustizia ed entrambi provengono dalle fila del Pdl, poi Forza Italia, e infine traghettati da Alfano nel Nuovo Centro Destra.

Enrico Costa, 44 anni da Cuneo, è alla sua terza legislatura. E' un avvocato e qualcuno fino a qualche tempo fa lo definiva un mini-Ghedini perché, da capogruppo in Commissione Giustizia alla Camera, è stato in prima fila per perorare le battaglie di Silvio Berlusconi per riformare la giustizia. Costa è stato anche il relatore del Lodo Alfano e del disegno di leggio sul legittimo impedimento e ora fa parte della squadra del ministro alla Giustizia Andrea Orlando.

Il sottosegretario Cosimo Ferri, 43 anni, vuole essere considerato un "tecnico". Magistrato in servizio al tribunale di Massa Carrara (ma noto soprattutto per la sua attività "sindacale", nella corrente più a destra dello schieramento giudiziario, Magistratura indipendente, che lo portò al Csm) fino alla nomina nell’esecutivo guidato da Enrico Letta, nel maggio 2013. In quota Forza Italia. Ma quando Berlusconi tolse il sostegno a Letta lui rimase al suo posto. Senza schierarsi col Nuovo centrodestra di Alfano. "Sono un tecnico — spiegò —, come tale ho cercato di dare il mio contributo , e continuerò a farlo sin quando sarà ritenuto utile". Sul suo nome sono state molte le perplessità del ministro Orlando che pure ora se lo ritrova nella squadra come sottosegretario.

Infine c'è Antonio Gentile di Ncd. Famoso per aver bloccato le rotative de "L'Ora della Calabria". E' lui l'uomo che ha candidato Silvio Berlusconi al Nobel per la Pace ed è stato nominato da Renzi sottosegretario al ministero di Lupi, le Infrastrutture.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    14 Marzo 2014 - 08:08

    E' molto pericolo illudersi. A parte, forse, Federica Guidi, tutti gli altri sono stati risucchiati dal Nuovo Centro Destra di Alfano, Dati i precedenti, non sembrano affatto sensato che il Cavaliere possa contare sul loro apporto. Anche perché occupano posizioni subordinate. Berlusconi farebbe molto meglio a prodigarsi nel mettere ordine nel proprio partito, sempre più in ebollizione.

    Report

    Rispondi

  • Cosean

    02 Marzo 2014 - 12:12

    "Gli uomini di Silvio nel governo Renzi" Solo degli idioti pensano di essere all'opposizione!

    Report

    Rispondi

  • FreeItaly

    01 Marzo 2014 - 18:06

    Berlusconi si è sempre occupato soltanto dei fatti suoi. Quindi ha raggiunto un accordo molto chiaro con Matteo. Non gli farà una vera opposizione purché lo protegga dalla magistratura e lasci in pace le sue aziende.

    Report

    Rispondi

  • geompiniliberoi

    01 Marzo 2014 - 18:06

    E' dei suoi Ferri ? quello che ha agevolato i clandestini ? sono contento proprio contento, se il Cav vince si tira dietro tutti questi arroganti e deficienti? e noi dobbiamo sperare che lui vinca, cav. invece di cercare i voti di grillo cerca di non perdere quelli che già ti hanno votato, altro che cazzate varie siamo stufi e molto ,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog