Cerca

Figlia ingrata

Moretti, tradisce Bersani per Renzi

Alessandra Moretti, ex bersaniana di ferro

Tutto è cominciato nel febbrile mese di aprile per l'elezione del Presidente della Repubblica. Lei, Alessandra Moretti, allora ancora bersaniana di ferro, durante le votazioni per Franco Marini presentò una scehda bianca. Fu questo il primo tradimento. Da allora, le stoccate della "figlia ingrata" contro Bersani sono state un crescendo mentre parallelamente, aumentavano le strizzate d'occhio a favore di Renzi. Il primo outing risale allo scorso gennaio, quando in un'intervista a La Repubblica, definì il sindaco di Firenze: "Bravo e rispettoso. E' una risorsa". Intervistata dal sito L'inkiesta sulla segreteria del Pd dice. "A me piace molto Gianni Cuperlo, e stimo anche Matteo Renzi". Ufficialmente non si sbilancia, ma voci di corridoio si rincorrono insistenti nel sostenere che la "Carol Bouquet del Pd" abbia del tutto tradito Bersani che alla segreteria ha candidato Fassina, per sostenere fortemente la candidatura di Renzi.

L'outing -  Nell'intervista lei si definisce ancora bersaniana "nella misura che l'ex segretario aveva dello stato sociale, delle liberalizzazioni e dei diritti. Il manifesto presentato da Bersani prima delle recenti politiche è un manifesto in cui credo ancora". La Moretti dice che le voci di un suo avvicinamento all'entourage di Renzi sono "alimentate da alcuni miei avversari di partiti o da chi non ha apprezzato il mio gesto di autonomia e coraggiio. Non ho fatto una scelta di convenienza. Insomma sono voci per svilire la mia presa di posizione. Tant'è che ho aderito ad un manifesto sottoscritto da una cinquantina di parlamentari che desiderano un Pd che lavori sui contenuti e sui programmi. Un Pd inclusivo, aperto, plurale, con un forte radicamento in tutto il territorio nazionale e nei nostri circoli". La Moretti dice di non aver ancora preso una decisione sul nome del possibile segeretario: "Secondo me ne usciranno degli altri nelle prossime settimane. Secondo me ne usciranno degli altri nelle prossime settimane. Ad esempio, è uscito il nome di Fassina. A me piace molto Gianni Cuperlo, ma, come ho detto in diverse occasioni, stimo anche Renzi. Mi aspetto di leggere i vari progetti prima di prendere una decisione.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    29 Giugno 2013 - 15:03

    che porta sfiga, Bersani docet.

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    29 Giugno 2013 - 14:02

    Anche l'Alida Valli dei poveri tiene famiglia. Vuole restare in parlamento tra l'invidia delle colleghe rifatte. Dicono che la Boldrini non osi piu' interrogare il suo specchio da quando le e' venuto il sospetto di non essere piu' lei la bella del paese.

    Report

    Rispondi

  • Beauty

    29 Giugno 2013 - 14:02

    ormai Bersani è finito. Meglio attaccarsi al carro di un probabile vincitore. Coerente, leale per nulla arrivista: una signora, una persona da apprezzare.

    Report

    Rispondi

  • bonavia

    29 Giugno 2013 - 13:01

    Ecco una che ha capito tutto su come bisogna fare per sgomitare in politica, copiare gli uomini in tutto! Non avrà una coda tra le gambe ma, ragazzi, quella sa come farsene crescere una fuori dal letto!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog