Cerca

L'ex-legale di Silvio

Pecorella: "L'Aventino del Pdl? Solo una scusa per far cadere il governo"

In un'intervista a La Stampa spiega: "Quello della Cassazione è stato un passaggio tecnico. L'obiettivo è fare pressione sui giudici"

Gaetano Pecorella

 Gaetano Pecorella, ex-legale di Silvio Berlusconi ed ex-parlamentare del Pdl sempre più distante dagli azzurri e da Berlusconi. In un'intervista a La Stampa boccia la linea dura tenuta dal Pdl dopo la decisione della Cassazione di anticipare a fine luglio il verdetto del processo Mediaset

Ogni scusa è buona per fare la guerra... - Dichiara al quotidiano torinese: "Se uno vuole fare la guerra, le ragioni si trovano anche in un filo d'erba. La Cassazione ha semplicemente applicato la legge, trasferendo la trattazione alla sessione feriale perché c'era un rischio di prescrizione. Tutto qui". Insomma, sostiene Pecorella, la minaccia di un "Aventino" parlamentare è tutta una scusa. Un cavallo di troia dietro cui si nasconde la volontà di far cadere l'esecutivo guidato da Enrico Letta. Spiega l'ex avvocato del Cav: "Se si rischia una prescrizione nei 45 giorni successivi alla fine del periodo feriale, che termina il 15 settembre, la Cassazione è tenuta ad accelerare la trattazione della causa e ad affidarla alla sezione feriale. È un passaggio tecnico". Poi lancia un affondo a tutto il Pdl: "Che cosa c'entri qui il Parlamento, che è un organo sovrano e primario dello Stato, francamente non lo capisco. Né che cosa c'entri il governo, peraltro. Per dirla tutta, mi pare una modesta scusa per attaccare il governo da parte di chi, nel centrodestra, non l'ha mai digerito".

Vogliono far cadere il governo e pressare i giudici - Ma perché il centrodestra dovrebbe volere la caduta del governo? Pecorella prosegue poi ribadendo che i politici non c'entrano con una decisione, quella della Cassazione, di ordine procedurale. Poi scaglia una stilettata: "A meno che qualcuno non abbia fatto il seguente calcolo: se facciamo così tanta cagnara su un passaggio in fondo inoffensivo come la fissazione dell'udienza, figurarsi nel caso di un'eventuale sentenza di condanna. Un modo di fare pressioni sui giudici". Cioè, quella del Pdl sarebbe solo una mossa per influenzare il giudizio della Corte. Una strategia difensiva sbagliata, sostiene Percorella, che nei giorni scorsi non ha mancato di criticare aspramente il lavoro di Niccolò Ghedini. Ed è ancora lui, Ghedini, seppur indirettamente, il bersaglio di Pecorella: "È la stessa logica, in fondo, di chi organizza le manifestazioni di piazza davanti ai tribunali. Logica che a Berlusconi fa più male che bene, secondo me. Ma tant'è". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gici50

    12 Luglio 2013 - 08:08

    Reputavo l'avv. Pecorella un valido penalista ed una persona di degna della massima stima. Valido penalista può darsi che sia rimasto, ma sicuramente no una persona da stimare: basta leggere le sue ultime uscite, tutte intrise del più livore antiberlusconiano, forse perché il cav. lo ha scaricato e così ci ha rimesso forti guadagni. Dovrebbe, in ogni caso, essere grato al cav. che lo ha fatto eleggere più volte in parlamento, garantendogli così una pensione piuttosto consistente. E' sicuramente una grande scemenza affermare che quello della Cassazione è stato un "passaggio tecnico" per evitare la prescrizione: stiamo parlando di un reato (l'evasione fiscale)che non desta particolare allarme sociale (tipo omicidio, associazione mafiosa ecc.). Pecorella, poiché conosci il sistema giudiziario, con le tue dichiarazioni hai dimostrato di essere una persona ingrata e per giunta in mala fede.

    Report

    Rispondi

  • danianto1951

    12 Luglio 2013 - 08:08

    controlli bene all'anagrafe perchè è più probabile che il suo cognome sia Pecorone e non Pecorella.

    Report

    Rispondi

  • keko70

    11 Luglio 2013 - 22:10

    Pecorella sino a qualche tempo fa sosteneva una tesi completamente in contrasto con quella di oggi. Le questioni sono due:o sparava scemenze prima o le spara adesso. Una cosa è certa: con questo comporatamento ha dimostrato, comunque stiano le cose,che lui scemo lo è sicuramente.

    Report

    Rispondi

  • solerosso34

    11 Luglio 2013 - 21:09

    PURTROPPO CE NE SONO TANTI,E, FANNO POLITICA. PER ESEMPIO LA SIGNORA BINDI CON CIVATI FANNO TANTO DANNO AL PD E NESSUNO HA IL CORAGGIO DI METTERGLI UN TAPPO IN BOCCA. Più PARLANO EPIU' IL PD PERDE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog