Cerca

Borsino azzurro

Giù Letta, Santanché, Bonaiuti
Su Brunetta e Bergamini
Il nuovo potere in Forza Italia

Daniela Santanchè e Deborah Bergamini

Daniela Santanchè e Deborah Bergamini

C'è chi sale e c'è chi scende nelle grazie di Silvio Berlusconi. E questo è il momento di Deborah Bergamini che ha sostituito nel borsino della fiducia del Cav niente di meno che Paolo Bonaiuti, consigliere storico che però si è permesso di esprimere i suoi dubbi la politica pugilistica contro il governo e il Colle. La Bergamini, che è stata nominata nuovo responsabile della comunicazione di Forza Italia e non ha mai smesso di dare del "lei" a Berlusconi, secondo il retroscena raccontato da Mattia Feltri sulla Stampa, sarebbe stata incaricata di smistare leader e parlamentari nelle trasmissioni televisive e di mandarci Daniela Santanché il meno possibile. La pitonessa, infatti, sta perdendo punti agli occhi del Cav: lui stesso una sera a cena si sarebbe sfogato sostenendo che Daniela gli ha fatto danno perché è una che litiga e divide e in questo momento ha bisogno di tutto tranne che di toni focosi e di risse. Deborah ci prova a tenerla lontano dalle telecamere, ma la Santanché non ne vuole sapere. Così la scavalca e si fa invitare direttamente dai conduttori che una del genere in studio la vogliono sempre. 

Nell'inner circle, secondo Mattia Feltri, in questo momento ci sono solo due persone, due donne per la precisione: la fidanzata Francesca Pascale e la matrona Mariarosaria Rossi. Gli storici consigliori sono stati allontanati: non c'è più Gianni Letta che seppure amato come un fratello ha fallito missioni importanti come quella con il Capo dello Stato e con la Cassazione. Certo Palazzo Grazioli è sempre la sua casa, ma i rapporti si sono freddati. Stessa sorte per Niccolò Ghedini (per i risultati non proprio brillanti raggiunti) che però rimane, anche per via dei processi in corso, tra i più assidui frequentatori del Cav insieme a Franco Coppi con l'incarico di studiare strategie. 

Sono invece in salita, nel retroscena della Stampa, le quotazioni di Renato Brunetta (lo si vede spesso sul palco e al Cav pare piaccia molto il suo Mattinale che è una sorta di rassegna stampa con supplemento di agonismo che arriva ogni giorno per mail), di Daniele Capezzone (che è riuscito a conquistarsi le simpatie di Dudù dopo l'iniziale diffidenza) e Raffaele Fitto, al quale però Berlusconi rimprovera di aver messo su qualche chilo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    01 Dicembre 2013 - 09:09

    Che Brunetta sale (''su Brunetta ''). Fosse stato ''giù Brunetta'', dovevamo scavare per trovarlo. Ma c'era pur sempre la voce che ci avrebbe indirizzato nelle viscere della terra: parla sempre ! E a sproposito...,

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    29 Novembre 2013 - 21:09

    Dopo aver sentito la cittadina Taverna del M5S la Santanché sembra uno stradivari...

    Report

    Rispondi

  • FalceMartello

    29 Novembre 2013 - 18:06

    La grande fortuna di berlusconi è che in Italia non abbiamo una sinistra credibile (ve lo dice uno che è più rosso di un pomodoro). Con questa sinistra vincerà sempre lui, docaduto o meno... I vari Dalema, Bersani e compagnia bella sono solo fuffa, neppure la sbiadita fotocopia di come dovrebbe essere una sinistra VERA. Sono stati contagiati dal più grosso tumore politico dopo il facismo, cioè: il berlusconismo... quel modo di fare politica basata sulle chiacchere, sulla carriera ed il totale menefreghismo per il Paese. Poveri noi...

    Report

    Rispondi

  • monrefuge

    29 Novembre 2013 - 12:12

    è la figlia di Dio fatta Donna, l'Unta del Signore. L'UNICA CON LE PALLE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog