Cerca

Trentatreesima edizione

Formigoni imbarazza Cl
Fuori da programma Meeting

Il nome del governatore lombardo non compare nell'agenda dei lavori del festival di Rimini di Comunione e liberazione

Il presidente, nome forte del Movimento, messo in difficoltà dalle notizie sulle vacanze offertegli dal faccendiere Pierangelo Daccò, arrestato per i crac della sanità lombarda
Formigoni imbarazza Cl
Fuori da programma Meeting

Ieri, nell'ambasciata italiana presso la Santa Sede, si presentava la 33esima edizione del Meeting di Comunione e Liberazione, che si terrà a Rimini tra il 19 e il 25 agosto. Sarà il meeting del governo tecnico, quello di quest'anno, sempre ammesso che per la fine di agosto l'esecutivo Monti sia ancora in sella a Palazzo Chigi. Sul palco di Rimini sfileranno infatti tantissimi ministri: Corrado Passera, Lorenzo Ornaghi, Paola Severino, Corrado Clini, Giulio Terzi, Francesco Profumo e, forse, anche Elsa Fornero. Ma la notizia vera è un'assenza. Che non può passare inosservata. nel programma ufficiale distribuito alla presentazione dell'evento, non compare infatti il nome del governatore della Lombardia Roberto Formigoni, il politico di Cl per eccellenza e presenza fissa al Meeting in tutte le sue edizioni. Emilia Guarnieri, anima della manifestazione, ha minimizzato dicendo che "Formigoni è sempre vicino a noi". Ma si fa presto a collegare l'assenza del suo nome dal programma con l'imbarazzo che il presidente lombardo sta causando in queste settimane al Movimento per le continue notizie sulle vacanze che gli sono state pagate dal faccendiere Pierangelo Daccò, coinvolto in alcuni scandali della sanità lombarda. E il pensiero non può non andare alla lettera che Carla Vites, moglie del'ex assessore Antonio Simone pure lui finito agli arresti per gli scandali e ciellina della prima ora, scrisse alcune settimane fa al Corriere della Sera: "Credo anch'io che Robertino (Formigoni, ndr) non abbia mai raccolto soldi od altri effetti dalle frequentazioni col faccendiere Daccò: a lui bastava l'onore di essere al centro di feste e banchetti, yacht e ville. Che se ne dovrebbe fare dei soldi uno così narcisista? I soldi a lui non servivano. Tranne per qualche camicia a fiori o per una giacca orrendamente gialla. Cl, a mio avviso, deve avere un sussulto di gelosia per la propria identità, per quello che Giussani pensava al momento della fondazione". Che sia venuto il momento del sussulto?

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • herbavoliox

    23 Giugno 2012 - 13:01

    Troppi anni nella medesima posizione amministrativa, non va bene. Lo dimostrano i fatti, si diventa collusi a scapito della onestà. Gli uomini in posti di comando vanno sostituiti ad ogni mandato.

    Report

    Rispondi

  • IoSperiamoCheMeLaCavo

    07 Giugno 2012 - 14:02

    Evidentemente se CL ritiene opportuno di non invitare ufficialmente formigoni (perlomeno a salire sul palco, ufficiosamente nessuno gli vieta di presentarsi tra il pubblico) qualche serissimo dubbio sul suo comportamento deve avercelo, almeno finché tutta la faccenda non viene chiarita definitivamente. Il fatto che poi la mozione di sfiducia non sia passata é semplicemente un calcolo politico, La Lega non vuole perdere anche la Lombardia, e quindi facendo cadere adesso Formigoni e con nuove elezioni ravvicinate il CDX in Lombardia sparirebbe. Quindi meglio chiudere un occhio adesso e sperare in meglio l'anno prossimo.

    Report

    Rispondi

  • doblone

    07 Giugno 2012 - 11:11

    Formigoni imbarazza tutte le persone oneste!!

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    07 Giugno 2012 - 11:11

    Vedete,queste sono valutazioni che piacciono molto al PDL e in particolare al Cavaliere, difendere a spada tratta i truffaldini della Gang.Sono nati per salvare i Kuli alla gente e li riesce molto bene. Prima o poi finirà la cuccagna.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog