Cerca

Lottizzazione avanti tutta

La solita vecchia politica
arraffa tutte le poltrone

La casta cieca e sorda di fronte alle richieste di cambiamento: i partiti si prendono tutti posti alle authority per comunicazioni e privacy

E ieri Palazzo Madama ha pure negato l'autorizzazione a procedere per il senatore Pdl Sergio De Gregorio

La verità vera è che dei grillini e dell'antipolitica in senso più largo (intesa come sfiducia ormai cieca dei cittadini nei confronti della politica) la casta se ne fotte letteralmente. Prova ne è quanto accaduto ieri. Un uno-due che è un doppio sputo in faccia a chi chiede che nei Palazzi del potere cambi qualcosa.

Partiamo col fatto più "macro": la nomina dei membri delle due Authority, quella delle Comunicazioni (Agcom) e quella per la Privacy. I partiti ci avevano illuso (o preso per i fondelli, giudicate voi), con quei 90 curricula arrivati di altrettanti potenziali candidati ai posti. Ma non devono nemmeno averli aperti, visto che sono andati a pescare, ancora una volta, esclusivamente nelle loro file, tra gente paludatissima in politica. Ora, forse gli italiani non lo sanno: non è scritto da nessuna parte che i membri delle authority (che tra l'altro dovrebbero essere per statuto "autonome" e "indipendenti") così come quelli delle aziende pubbliche, debbano essere persone facenti parte dei partiti o comunque legate a doppio filo con essi. Si tratta solo di partitocrazia all'estremo livello. Un (mal)costume in voga ormai da così tanti anni che il cittadino ci ha fatto purtroppo l'abitudine. E lei, la casta, con queste abitudini va avanti, sorda a tutto e a tutti.

L'altro "episodio" ha avuto per protagonista il senatore del Pdl Sergio De Gregorio, per il quale l'aula di Palazzo Madama ha negato l'autorizzazione a procedere. De Gregorio è accusato di riciclaggio di denaro nell'ambito dell'inchiesta sul faccendiere Valter Lavitola. Martedì, la giunta per le autorizzazioni  dovrà esprimersi sulla richiesta d'arresto per Luigi Lusi, il senatore ed ex cassiere della Margherita accusato di aver sottratto al partito di Rutelli decine di milioni di euro. Vedremo cosa avranno il coraggio di fare.

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sommesso49

    07 Giugno 2012 - 22:10

    Non so se lo pubblicate, però il giornalista sembra prenderci per il culo. Perchè ha scritto "Palazzo Madama (concetto astratto)ha negato l'autorizzazione a procedere" e non ha scritto (correttamente) il PDL, il terzo polo e alcune frange del PD e della Lega hanno negato l'autorizzazione a procedere"? Paura di Silvio, ehhh..!!! Però, almeno, non offendete la nostra intelligenza. DIFFICILMENTE LA PUBBLICATE

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    07 Giugno 2012 - 15:03

    I partiti fanno man bassa finché possono. Alle prossime elezioni prenderanno una batosta tale che non resteranno loro nemmeno le sedie di casa.

    Report

    Rispondi

  • gioch

    07 Giugno 2012 - 13:01

    Stanno a dibattere sul perchè i grillini ormai superano il PDL e presto il PD.Indagini sociologiche per sviscerare il fenomeno M5S.Altre due Authority e si avvera quanto pronosticato da Grillo:100%.Errore,scusate.Impossibile che tutti 'sti parlamentari stronzi si convertano.

    Report

    Rispondi

blog