Cerca

La polemica

Il partito di Fini affonda:
in Fli si scornano sui gay

La Perina: "Sosteniamo il gay pride". Ma Menia e Bocchino la stoppano: "E' una posizione del tutto personale"

Il vicepresidente di Futuro e Libertà: "E' sbagliato sostenere sfilate allegoriche che spesso con il cattivo gusto hanno fatto danno a chi giustamente reclama diritti"
Gianfranco Fini

I futuristi si spaccano sui gay

"Futuro e Libertà sostiene anche quest’anno il Gay Pride", assicura Flavia Perina. Anzi, no. Perché Roberto Menia derubrica l’affermazione della collega di partito all’ambito delle posizioni "del tutto personali", poiché l Perina è passata dalla difesa dei diritti costituzionali al sostegno a "manifestazioni di volgare esibizionismo". Anche il vicepresidente futurista, Italo Bocchino, prende posizione contro la Perina: "Seppure è nota la sensibilità di Futuro e Libertà per la tutela dei diritti civili e delle coppie di fatto, a prescindere dal genere, va chiarito che l'adesione al Gay Pride di Flavia Perina è una posizione personale e non del partito". Il partito di Gianfranco Fini, insomma, si spacca sugli omosessuali.

"Necessaria una presa di posizione" - La Perina, che all'interno di Fli è la responsabile del Dipartimento Integrazione e Diritti Civili, schiera i futuristi "nel nome dei diritti civili e di una assunzione di responsabilità della politica nei confronti delle persone omosesessulai", e ricorda che "quest'anno una netta presa di posizione su questi temi è addirittura più importante che in passato: l'affossamento della legge sull'omofobia in Parlamento, il ripetersi di aggressioni omofobe, l’immobilismo italiano in un contesto europeo che punta a diritti di cittadinanza uguali per tutti, rendono indispensabili scelte nette". E a chi dice che, nel contesto della crisi i diritti civili sono l’ultimo dei problemi, ricorda ancora la deputata Fli, "bisogna rispondere che i diritti i diritti avanzano tutti insieme, o tutti insieme retrocedono. E non è un caso che negli ultimi anni in Italia i diritti sociali abbiano proceduto a passo di gambero, insieme a quelli delle donne e delle minoranze di ogni tipo".

"Sfilate di cattivo gusto" - Peccato però che Menia, il coordinatore nazionale della creatura politica di Fini, sia di tutt'altro avviso. "Con tutto il rispetto per Flavia Perina - ha spiegato - la sua è una dichiarazione tutta personale. Futuro e Libertà si schiera a tutela dei diritti costituzionali di tutti i cittadini, a prescindere da lingua, razza, religione e sesso. Altre cosa è dare sostegno a manifestazioni kitsch, di volgare esibizionismo e di dubbio gusto. Poi, come detto, si è dissociato anche il pasdaran Bocchino: "Fli - ha sottolineato il braccio destro di Fini - ritiene che per tutelare i diritti degli omosessuali, tenendo sempre distinte tali coppie dalla famiglia, servano proposte concrete e non sfilate allegoriche che spesso con il cattivo gusto hanno fatto danno a chi giustamente reclama diritti". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vito la Civita

    21 Giugno 2012 - 13:01

    Si pentito, di aver dato il mio voto e quelli della mia famiglia, per tanti anni a questo essere inutile!Non si è disperato per tutte le cose negative e tradimenti fatti ai suoi alleati,ora è disperato per i gay? Ma mi faccia il piacere! Le sceneggiate sapeva farle solo il grande Merola !

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    21 Giugno 2012 - 10:10

    Lo sanno tutti che i seguaci di AN sono i frequentatori piu' accaniti dei trans...

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    21 Giugno 2012 - 08:08

    per anni mi sono sentito missino poi an perché credo nel futuro e non nel restauro ma da qui a sostenere i gay e le loro manifestazioni carnevalesche no e nemmeno a dare loro matrimoni o adozioni sarò bigotto lo so ma per essere gay è un modo di non affrontare la realtà di essere etero e combattere contro una donna o uomo nella sua contrarietà umana, è troppo facile dire sono gay perché non mi piacciono le donne potrebbe essere stato un problema di chimica e poi è una scelta esserlo o no è il tuo cervello che ti fa essere gay ti piace prenderlo dietro è una tua scelta non malattia è scappare dalla realtà. Realtà? Un uomo e una donna punto. Adesso FLi per avere i voti sostiene i diritti civili e dei gay politica di bassa lega ed incoerente. Siccome i due poli sono falliti e non volevo più votare mi sa che voterò proprio l'UDC riconosco la vittoria delle armi della politica a CASINI ha vinto il bipolarismo non funziona e fa solo danni.Sapete che vi dico W il centro almeno saremo salvi

    Report

    Rispondi

  • marina58

    20 Giugno 2012 - 22:10

    io veramente avevo creduto in codesto individuo...e la cosa grave; è...che lo trovavo AFFASCINANTE! eppure in tanti mi avevano messo in guardia, sulla sua doppiezza! ora mi domando: ma con quale occhi l'ho...guardato!! non me lo perdonerò MAIII!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog