Cerca

Duello al veleno

Renzi contro Bersani
finisce dal giudice

La registrazione per partecipare alle primarie viola la riservatezza dei dati personali: il rottamatore denuncia il segretario del Pd all'Authority per la privacy

Il comitato elettorale del sindaco di Firenze chiede anche che sia possibile effettuale la registrazione per le primarie online
Renzi contro Bersani
finisce dal giudice

Il comitato di Matteo Renzi ha chiesto al garante della Privacy di esprimersi sull'opportunità di prevedere una registrazione online alle primarie di centrosinistra. "Allo scopo di consentire agli elettori che vogliamo partecipare alle primarie di avere il tempo di comprendere adeguatamente" l’informativa sulla privacy ed "esprimere un consenso adeguatamente informato" si sottolinea al garante "l'opportunità che si prevedano anche forme di registrazione, sottoscrizione dell’appello ed espressione dei consensi richiesti in modalità elettronica. Un nuovo, pesante affondo contro Pierluigi Bersani e la nomenklatura del partito. Ma le speranze che le vie legali portino al ribaltamento delle regole delle primarie (che lo stesso staff di Renzi aveva definito "una porcata") non sono molte. Il garante della Privacy è Antonello Soro, posto sulla poltrona proprio da Bersani e dal Pd (di cui Soro è militante di lungo corso) nel 2011 dopo molte polemiche politiche. Insomma, probabilmente il segretario democratico giocherà in casa ancora una volta. 

 

Regole sotto accusa - Il regolamento, ricordano gli avvocati del comitato di Renzi Giacomo Bei e Alberto Bianchi, prevede la sottoscrizione di un appello pubblico in sostegno della coalizione di centrosinistra, "il rilascio di una dichiarazione di riconoscersi nella Carta di intenti" e "l'iscrizione del proprio nome nell’Albo" degli elettori. La norma però non è chiara secondo i legali del Comitato. "Ci si può chiedere se la sottoscrizione dell’appello pubblico comporti o meno la diffusione dei nomi dei sottoscrittori e in che forme questo possa avvenire", si spiega. E lo stesso vale per l’albo degli elettori. "Questa intrinseca ambiguità del regolamento è gravemente censurabile", assicurano gli avvocati, "ma ancor più grave è il rischio (che pare davvero attuale) che tanto la sottoscrizione dell’appello pubblico quando l’accettazione dell’inserimento del proprio nome nell’Albo" siano "finalizzati anche alla pubblicazione o comunque alla diffusione dei dati stessi". Quattro i motivi addotti dai legali per chiedere l’intervento "urgente" del garante: violazione di una libertà fondamentale, violazione del principio di necessità e proporzionalità, eccedenza del consenso al trattamento dei dati rispetto alle finalità, violazione delle norme sul consenso informato.Quattro i motivi addotti dai legali per chiedere l’intervento "urgente" del garante: violazione di una libertà fondamentale, violazione del principio di necessità e proporzionalità, eccedenza del consenso al trattamento dei dati rispetto alle finalità, violazione delle norme sul consenso informato.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enio rossi

    24 Ottobre 2012 - 16:04

    Il PD è protetto da tutto l'apparato (Banche, Magistratura,Giornali, Imprese ecc.) penso quindi che il povero Renzi non riuscirà a fare nulla. D'altronde, se fosse pericoloso, si scatenerebbero i PM e sarebbe già sotto inchiesta. Forse potrà far pensare a quelli del PD che non hanno portato la testa all'ammasso (ma non credo siano molti - io vivo a Bologna), che ormai i vecchi comunisti sono fuori dal tempo (come Marchais in Francia)e provare a far nascere un vero partito democratico, sullo stile degli altri paesi civili, che potrà concorrere alla guida dell'Italia in modo civile. Vedremo.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    24 Ottobre 2012 - 14:02

    Non vi dice nulla che bersani & C. si siano fatti delle regole "ad personam" per poter vincere le primarie in barba alla concorrenza ? E quando mettevate le leggi del cav. sulla graticola sbraitando che in democrazia non si possono fare leggi ad personam ? Siete sempre i soliti ipocriti, i soliti sepolcri imbiancati, i soliti doppi pesisti, i soliti farisei falsi, in tutto, sempre e dovunque, insomma siete i soliti comunisti, anche se non vi piace sentirvelo dire.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    24 Ottobre 2012 - 14:02

    E' l'evidenza di come si sono sempre comportati i vertici del Pd per tenersi persone e poltrone che si alternano a vicenda. I nuovi, se hanno idee che non collimano con quelle dei vertici, vanno fatti fuori in qualsiasi maniera. Auguro a renzi di vincere.

    Report

    Rispondi

  • dbell56

    24 Ottobre 2012 - 12:12

    Renzi è un puro, per questo mi piace anche se sono di centrodestra. Però non ha ancora capito che i vecchi marpionacci di partito se lo stanno inchiappettando alla grande e senza oltretutto, vaselina. Tempo fa avevo scritto che lo avrei anche potuto votare ma a condizione che avesse lui fondato un movimento di centro moderato, fuori dal PD, in cui far convergere il voto dei delusi dal Berlusca e compari ladroni. Se lo avesse fatto, sarebbe stato un successo clamoroso. Ora non so se riuscirebbe a recuperare il tempo perduto! Io però spero ancora che rinsavisca.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog