Cerca

Il commento di Filippo Facci

La condanna a Silvio Berlusconi?
Una roba mai vista prima...

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

 

di Filippo Facci

Così però non si era mai vista. Già nel 1998 Berlusconi prese una condanna in primo grado, è vero, ma non così. Seccamente: il Cavaliere, a Milano, è stato condannato in primo grado a 4 anni nel processo sulle presunte irregolarità nella compravendita dei diritti tv da parte di Mediaset; la sentenza è durissima per quattro ordini di motivi: perché prevede anche l’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici (se confermata in Cassazione), perché i pm avevano chiesto una pena addirittura inferiore (3 anni e 8 mesi) e perché il dispositivo prevede un versamento di dieci milioni all’Erario come risarcimento dei danni, questo «in via provvisionale», il che significa che Berlusconi dovrà pagarli subito. Nota: il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, è stato invece assolto con formula piena mentre il produttore statunitense-egiziano Frank Agrama, presunto socio occulto di Berlusconi, ha beccato 3 anni di carcere. Nota due: i 4 anni di Berlusconi diventano uno solo grazie all’indulto del 2006. Il quarto motivo di gravità, proseguendo, è che il presidente del collegio della Prima sezione penale, Edoardo d’Avossa, dopo aver letto il dispositivo della sentenza è passato a leggerne immediatamente anche le motivazioni (per due ore) secondo una procedura d’urgenza invero rara per procedimenti di tale complessità: ed è qui che ha ravvisato, in Silvio Berlusconi, «una naturale capacità a delinquere mostrata nella persecuzione del disegno criminoso». Naturale, ha detto. 

Il giudizio pendente E non è finita ancora: la sentenza è arrivata nonostante sia pendente un giudizio della Corte Costituzionale su un già noto conflitto di attribuzioni con la Camera: la presidenza di Montecitorio si era rivolta alla Consulta dopo che il tribunale milanese aveva rifiutato il rinvio di un’udienza nonostante Berlusconi fosse ufficialmente impegnato in attività di governo: era il marzo 2010. Che i giudici non aspettino la decisione della Consulta può anche accadere, ma è molto raro, anzi: è prassi che i giudici si fermino poco prima di una sentenza in attesa di una decisione che appunto riguarda quello specifico processo. Se la Consulta decidesse che a suo tempo vennero violate le prerogative del premier, del resto, la sentenza di ieri potrebbe uscirne azzerata: ma il giudice D’Avossa non è stato dell’idea. Una scelta che ne ricorda un’altra, risalente all’ottobre 2008: il giudice Nicoletta Gandus, nel processo che vedeva imputati Berlusconi e l’avvocato David Mills, decise di non attendere il parere della Corte Costituzionale circa un ricorso presentato dal pm Fabio De Pasquale contro il Lodo Alfano: e preferì proseguire il dibattimento solo nei confronti del coimputato Mills. A comportarsi diversamente, per paradosso, fu proprio il giudice D’Avossa, che a margine dello stesso ricorso presentato da De Pasquale, nel tardo settembre 2008, sospese invece il processo in attesa della decisione della Consulta: per il giudice, evidentemente, le eccezioni di costituzionalità non sono tutte uguali. D’Avossa è lo stesso giudice contro il quale, nel 2007, appena iniziato il dibattimento, i legali di Berlusconi proposero istanza di ricusazione perché si era già occupato del Cavaliere nel filone d’indagine Medusa: in quella sede aveva definito Mediaset «una società nota per i fondi neri all’estero». L’istanza fu respinta, ovviamente: ma fu uno solo dei tanti percorsi a ostacoli che hanno caratterizzato il processo. Si parla di nove anni di indagini, un’udienza preliminare interminabile, i rinvii a giudizio nel 2006, i singhiozzi procedurali tra richieste di ricusazione, l’istanze di astensione presentate dai giudici, capi d’imputazione che cambiano, slittamenti dovuti al Lodo Alfano, il citato ricorso alla Consulta, richieste di trasferimento, legittimi impedimenti e altro ancora: servirebbe una pagina, sul serio.

Processo lunghissimo Detto questo, spiegare i dettagli di questo processo non è solo difficile: è inutile. Non si tratta - come pure nei dibattimenti Mediatrade o Mills 1 e 2 - di processi in cui una tesi e un’antitesi possano essere seriamente prospettate in una quadro che, mediaticamente, permetta di farsi un’idea: l’istruttoria è stata imperniata su sfilze di testimoni, rogatorie internazionali provenienti da paesi e legislazioni diverse (50 mila pagine attraverso rogatorie in 12 paesi) e sorretta soprattutto su consulenze di società tecniche incaricate ad hoc dalla Procura, come per esempio la Kpmg;  dall’altra, le tesi della difesa sono state egualmente imperniate su sfilze di testimoni - in parte defalcati - nonché su contro-deduzioni tecniche svolte da vari professionisti nei confronti delle consulenze addotte dall’accusa: in mezzo a tutto questo, per sei anni, c’erano - quando c’erano - i cronisti interdetti oltreché il giudice Edoardo D’Avossa, il quale ha meramente deciso che una tesi era più convincente dell’altra. A complicare le cose ci sono i diversi calcoli sulla prescrizione e le diverse valutazioni della procura di Milano rispetto a quella di Roma, a cui è finito uno stralcio del processo: ma su questo si veda l’articolo di Franco Bechis.  In soldoni, comunque, il giudice ha accolto in pieno le tesi dei pm Fabio De Pasquale e Alfredo Robledo secondo i quali Berlusconi, pur non ricoprendo più cariche formali all’interno di Mediaset, si occupava lo stesso degli affari di famiglia. È lui che avrebbe disposto il pagamento dei diritti dei film hollywoodiani da trasmettere sulle reti Mediaset, il tutto a prezzi gonfiati per produrre uno «scrigno» di fondi neri per oltre trecento milioni di euro, poi approdati sui conti esteri della famiglia. Traduzione: falso in bilancio e frode al fisco. Il citato manager Agrama, in pratica, secondo l’accusa rivendeva i film a Berlusconi a prezzi nettamente superiori a quanto pagato alle case cinematografiche di Hollywood, ignare. La differenza, dal 1995, avrebbe permesso a Mediaset (ex Fininvest) 120 miliardi di lire di risparmi sul fisco.

La difesa Va da sé che la difesa del Cavaliere l’abbia messa in tutt’altro modo: «La Procura ha dimostrato di non conoscere il mercato dei diritti tv», disse l’avvocato Niccolò Ghedini nel gennaio scorso. Un teste chiave, secondo quest’ultimo,  doveva essere Andrea Marcotulli, ex direttore generale dell’Anica (Associazione nazionale Industrie Cinematografiche) ed esperto di diritti tv. A dire di Ghedini, l’esperto dimostrò la legittimità dell’utilizzo degli intermediari come Frank Agrama nel mercato internazionale dei diritti: e Marcotulli evidenziò in effetti una serie di carenze contenute nella relazione di Kpmg, la società che aveva fornito consulenze all’accusa. Il giudice non sembra averne tenuto conto, e infatti secondo le difese «la sentenza è incredibile e va contro le risultanze processuali». Sentenza che parla di «evasione notevolissima», «sistema fraudolento», di «diretta riferibilità a Berlusconi del sistema dei diritti televisivi» poiché Berlusconi «gestiva il sistema anche dopo la discesa in campo», lui «dominus indiscusso». Così recita la sentenza, e le sentenze si dovrebbero rispettare. Una volta comprese.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    18 Aprile 2014 - 21:09

    Guardatela bene, allora. Le sentenze patlano di ''risultanze documentali' Se risulta che dai documenti 10 non é due... il resto é ovvio.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    09 Maggio 2013 - 09:09

    E' l'unico potere dello Stato che ha ''tenuto''. Il resto é crollato. Poi, le procure che si sono interessate di B. ormai sono in tutt'Italia. Possibile che siano tutte kokomuniste? Se ne accorse proprio B. e disse che prima di essere nominati i giudici passavano dalla scuola della Frattocchie (scuola ideologia kokomunista). Ci furono molte risate al riguardo. La mescolanza imprenditoria/politica é un dato di fatto nell'intero paese (cfr. Mani Pulite). Farebbe eccezione solo B. ? Incredibile. Non vi credette Confalonieri e disse che per le aziende era un guaio la discesa in campo di Berlusconi. Ma il conflitto di interessi non é mai stato regolato. E di bugie costui ne dice a iosa (affare Ruby.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    29 Ottobre 2012 - 19:07

    Cioè,tu ci dici che la malafede e il dolo dei magistrati è indimostrabile.Quindi possono fare sentenze aborto,o errori madornali,senza che questi paghino mai?

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    29 Ottobre 2012 - 19:07

    Ma tu lo sai quanti processi di merda si sono basati su fatti,su testimonianze,su riscontri,per poi crollare miseramente in Appello?Siamo sempre l',il Diritto Penale è materia ostica,la Matematica in confronto è un passatempo.Ma se vi sforzate,spinti dalla curiosità e fate delle ricerche nel web,anche i più profani si renderanno conto dello schifo che è la Magistratura italiana.Prova a vedere quanti sono stati condannati ingiustamente,perfino fiono alla Cassazione,per poi scoprire che non esisteva nessuna prova,sono stati condannati sul niente.Medita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog