Cerca

Quote rosa

Doppio voto di genere
La proposta della Carfagna
ora è legge

Alle prossime amministrative si potranno esprimere due preferenze. Una maschile e una femminile. "E' una svolta culturale storica"

Adesso per le donne in politica ci sarà più spazio. E gli elettori potranno votare per due candidati. Sia per un uomo che per una donna
Doppio voto di genere
La proposta della Carfagna 
ora è legge

Mara Carfagna

Doppia preferenza di genere alle prossime elezioni amministrative. In pratica si potrà votare sia un uomo che una donna al consiglio comunale. Una legge, quella approvata oggi, che dà una scossa all'immobilismo culturale sulla rappresentanza femminile nelle amministrazioni locali. La proposta di legge era nata nell'aprile del 2011 dall'allora ministro alle pari opportunità Mara Carfagna. Oggi quella proposta è diventata una legge che può dare uno spazio in più alle donne in politica. "Non voglio sentire parlare di quote rosa. Qui si parla di rappresentanza. E' un diritto che viene dato sia al cittadino sia a chi si candida. Il diritto di rappresentare e votare tutti e due i generi", spiega la Carfagna. L'ex ministro ha visto concludersi con soddisfazione l'iter parlamentre di una legge a cui teneva molto. "E' un provvedimento, quello del doppio genere che già esisteva in Campania e la mia idea è stata quella di estenderlo a livello nazionale. La donna - continua - deve stare in politica. E' un suo diritto. E visti gli ultimi scandali penso sia doveroso pensare per gli elettori ad una rappresentanza femminile. Sono poche le donne elette che sono state coinvolte in qualunque indagine o scandalo. Forse noi sappiamo fare meglio degli uomini". Mara Carfagna sottolinea anche come questa legge sia una svolta sotto diversi aspetti: "E' un passaggio storico, sociale, politico e culturale importantissimo. Volevo che la propensione ad una rappresentanza femminile in politica fosse spontanea ma così non è stato. E allora spero che la legge possa aiutare a dare finalmente un'inversione di tendenza ad un certo tipo di mentalità". L'ex ministro guarda anche con fiducia verso il futuro e si auspica una soprpresa per il Quirinale. "Ci sono tante donne a destra e a sinistra che possono fare il presidente della Repubblica. Sarebbe una scelta importante per il parlamento. Sperò un giorno possa essere normale scegliere una Presidente donna". Infine Mara Carfagna parla anche della situazione attuale dentro il Pdl. "Io sostengo Angelino Alfano, e le primarie servono per scegliere chi è il candidato premier per il Pdl. Servono a questo. E se Alfano le vincerà sarà lui il candidato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicolas1980

    01 Maggio 2014 - 14:02

    Penso che questo sia una sconfitta per le donne!!! Perche' significa che hanno bisogno dell'aiuto della doppia preferenza per poter andare avanti!!! Inoltre sembra anche illegale se non e' abbinato a un egual numero di candidati maschili e femminili in una stessa lista: immaginate una lista formata da 10 uomini e 2 donne per esempio...quasi certamente le 2 donne passeranno...

    Report

    Rispondi

  • MaIn2012

    14 Novembre 2012 - 18:06

    una legge idiota. eleggere qualcuno per sesso. ci ritroveremo tante incompetenti, figlie,mogli,AMANTI.... ma forse la Carfagna protegge solo la sua categoria

    Report

    Rispondi

  • gigi primo

    14 Novembre 2012 - 11:11

    vendola?

    Report

    Rispondi

  • uffa

    14 Novembre 2012 - 10:10

    Continuare a creare contrapposizione sui "generi", come sono stati definiti, lo trovo stupido. Naturalmente la Carfagna non fa altro ovviamente che seguire una linea ben definina (paladina dei diritti femminili) che le consente di ottenere consensi. La Donna, come l'uomo, deve andare avanti per merito, non per disposizione di legge. Invece di festeggiare per queste cosucce da due soldi, porti a casa risultati di peso sui diritti della Donna. Ad esempio tutele vere per le donne in gravidanza in rapporto al mondo del lavoro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog