Cerca

Resa dei conti

E' rissa tra i coordinatori
Bondi: Pdl partito fascista, vado via
La Russa: sei servo di Berlusconi

L'accelerazione sulle primarie e il diktat sulla partecipazione degli indagati aggravano le divisioni tra berluscones ed ex-An

Ignazio La Russa e Sandro Bondi

Le primarie del Pdl fanno dicutere il partito. le due anime i "forzisti" della prima ora e i gemelli di An ora si affrontano sul campo. Il primo a prendere in mano la situazione è stato Sandro Bondi che delle presenze degli ex finiani non ne può più: "Le primarie del Pdl sono ormai un pretesto per resa dei conti interna. Gli ex colonnelli di An hanno di fatto riconquistato il partito. Le primarie saranno una manifestazione di An, una pura esibizione di forza. Il Pdl è diventato un partito di destra, il contrario di quello che avrebbe dovuto diventare, cioè un partito liberale e riformista. Angelino Alfano ha rinunciato ad un programma di rinnovamento, ora per me e molti altri si pone il problema di come poter rimanere in un partito che ha spostato il baricentro. Oltretutto ci sono troppe persone all’interno del partito la cui caratteristica è l’arroganza. Io non posso stare in un partito di destra".  Insomma l'ex ministro non sopporta più i colonnelli di An e vede un futuro buio per il Pdl che secondo Bondi ormai è un partito di destra: "Bisognerà fare una riflessione profonda all’interno del partito, per dare una risposta nel più breve tempo possibile. Le primarie squalificano ancora di più questo partito, già ampiamente squalificato. Il futuro del Pdl è il futuro di una destra antiliberale in cui non possono riconoscersi persone che coltivano altri ideali liberali e democratici. Non posso stare accanto a persone che hanno rappresentato una tradizione culturale in cui io non posso riconoscermi".

La furia di Ignazio  La risposta di Ignazio la Russa non si è fatta attendere. L'ex ministro della Difesa oggi ha inviato una lettera a Sandro Bondi chiedendo spiegazioni. "Le tue sono argomentazioni strumentali e prive di fondamento", afferma La Russa e aggiunge: "Io ritengo che questo sia un falso scopo e nasconda in realtà la avversione alle primarie di esponenti non di destra del Pdl". Nella lettera La Russa fa pure i nomi dei veri nemici di Bondi: "Cicchitto, Verdini, Lupi, Fitto, etc, etc". Sulla virata a destra del Pdl La Russa attacca Bondi: " Mi permetto di chiederti, sul piano serio dei contenuti e non degli insulti (di cui non ti credevo capace) di dirci - se lo vuoi - quali sono le posizioni politiche del PdL così 'di destrà da renderti impossibile la coabitazione. Puoi indicarci per favore, quali provvedimenti votati dal PdL non hai condiviso, quale anche semplice dichiarazione di Alfano (il "prigioniero" secondo Te) non è in linea con la carta dei valori del PdL o almeno, quale programma o progetto del PdL è così estremamente di destra da essere antitetico al Tuo pensiero? Prima di rispondere se puoi rileggi per favore anche le dichiarazioni del nostro comune Presidente Silvio Berlusconi (a cui va la mia totale lealtà e mai servile amicizia) per non incorrere in errori o omissioni. A me sembra che nessun atto ufficiale o ufficioso, nessun voto, nessuna posizione del PdL, possa avere la Tua "censura". La resa dei conti è solo all'inizio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tamil777

    24 Novembre 2012 - 11:11

    magari fosse il P.N.F. DOVETE SCOMPARIRE

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    23 Novembre 2012 - 21:09

    Accusa di schiavismo uno che è nato schiavo. Sono stati attirate dal potere e dalla grana berlusconiana. Ora devono andare a vendere tutti i bruscolini nei cinema.

    Report

    Rispondi

blog