Cerca

Il ballottaggio

Primarie Pd, vince Bersani, Renzi fermo al 40%

Il segretario trionfa contro il rottamatore, che su Twitter riconosce la sconfitta. Una vittoria del vecchio sul nuovo
Primarie Pd, vince Bersani, Renzi fermo al 40%

Vince Pierluigi Bersani, vince il "vecchio" Partito democratico. Nessuna sorpresa al ballottaggio delle primarie Pd, con il segretario che schianta il rivale Matteo Renzi, il rottamatore del partito: il segretario del Pd ha battuto Matteo Renzi con il 61,1% dei voti contro il 38,9% del sindaco di Firenze. Oltre 2,6 milioni gli elettori tornati alle urne, mezzo milione in meno del primo turno. Bersani ha confermato il suo successo nelle grandi città, al Nord e al Sud e si è ripreso le regioni rosse e ha ceduto il passo a Renzi solo in Toscana e a Firenze in particolare. La vittoria di Bersani ha delle inevitabili conseguenze anche sul centrodestra e, in particolare, sul futuro di Silvio Berlusconi che, a questo punto è sempre più tentato dal ritiorno in campo. Nello schieramento di centrosinistra non c'è stato quel cambiamento generazionale e politici e quindi, sul fronte contrapposto, non c'è più la necessità per il Cavaliere di fare un passo indietro. 

Ritorno al passato - L'impressione, infatti,  è che nonostante le dichiarazioni ufficiali, il Partito democratico abbia fatto un deciso passo indietro: alla novità, anche rischiosa, elettori e soprattutto dirigenti hanno preferito affidarsi a quello che Renzi ha definito con amara ironia "l'usato sicuro". Anche con qualche trucchetto, come il pasticciaccio sulle regole e il rifiuto di accettare 9 richieste di registrazione su 10 di chi al primo turno non aveva votato ma che, chiamato a raccolta soprattutto da Renzi, era disponibile a farlo per il ballottaggio. D'Alema e Bindi andranno a casa, probabilmente, ma tutto il resto resterà, ricompattato dal voto pro-Bersani. Compresa l'alleanza con Sel di Nichi Vendola. Più che socialdemocrazia all'italiana, pare più un bel ritorno al passato. Alle politiche de 2013 il giudizio finale: e lì non voterà solo il popolo della sinistra.

Bersani: non racconterò favole - Poco dopo le 22 Pier Luigi Bersani arriva al teatro Capranica di Roma, per il suo discorso da candidato premier del centrosinistra: “Dedico la vittoria alla mia famiglia, grazie a tutti quelli che hanno lavorato attorno a questa grande avventura”. Bersani ringrazia i volontari e gli alleati, ringrazia Puppato, Tabacci e Nichi Vendola “che mi ha invitato a sentirmi addosso un profumo di sinistra se non lo sentissi non riconoscerei il mio onorato”. Bersani parla anche di Matteo Renzi, dice: “Gli riconosco una presenza forte e fresca in queste primarie, il contributo che ha dato per dare senso a queste primarie. Adesso devo fare due cose: riuscire a dare un forte profilo di governo e di cambiamento al centrosinistra, poi devo predisporre i percorsi e gli spazi per dare spazio e occasione alla nuova generazione”. Bersani spiega che subito, il giorno dopo la vittoria, andrà in Libia e pensa a quella che chiama la “sfida più ardua”, dice: “Dobbiamo vincere ma non si può vincere raccontando favole perché poi non si governa. Noi abbiamo problemi enormi a cominciare dal problema numero uno, il lavoro, per poi venire al distacco tra politica, cittadini e istituzioni”. 

Renzi, torno a fare il militante Matteo Renzi ammette la sconfitta non appena arrivano i primi dati. Lo fa su twitter: “Era giusto provarci, è stato bello provarci insieme, grazie di cuore”. Quando il risultato era ormai certo il sindaco è andato ala Fortezza da Basso a Firenze: “La vittoria di Bersani è netta che nessun discorso sulle regole può compromettere. E’ stata una partita bellissima ma finisce qui. Tornerò a fare quello che ho sempre fatto, il militante Pd e il sindaco di Firenze". "Non sono riuscito a scrollarmi di dosso, fuori della   Toscana, l’immagine del ragazzetto ambizioso", dice, arrivando a   chiedere scusa per i suoi errori: "io ho sbagliato, c'è uno che ha   perso, voi andate a casa orgogliosi di quello che siete riusciti a   fare in questi tre mesi".    Il sindaco di Firenze insiste su un concetto chiave: il suo   intento non era quello di partecipare, ma quello di vincere le   primarie. "La nostra ambizione non era la scommessa di un ragazzetto",  scandisce. E, ancora, "non eravamo qui per fare una battaglia di   testimonianza". L’obiettivo era un altro. "Volevamo prendere il   governo del paese, non ci siamo riusciti", ammette ancora una volta.  

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    05 Dicembre 2012 - 14:02

    Da questo punto di vista dobbiamo dire che Bersani è stato davvero onesto. Egli non solo non ha raccontato favole, ma non ha detto proprio nulla. Durante il dibattito sulla RAI ha detto "..la situazione è grave...occorre far qualcosa.." e lo ha detto tre volte. Allora la domanda logica è "cosa vuole fare?". Risposta: non lo sa nessuno, neanche lui. Pensioni, Lavoro, Fiscal Compact, Ilva (ah, ah, forse dovrà restituire i soldi a Riva)...sappiamo solo che vuole mantenere il finanziamento pubblico ai partiti e che...c'è da far qualcosa. Auguri a tutti noi italiani perché il futuro, ormai saldamente in mano a questa casta di politici immortali, è davvero fosco!

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    04 Dicembre 2012 - 17:05

    ma allora siamo proprio incorreggibili idioti? la grande vittoria di bersani? è il frutto di quella capillare organizzazione ex pci che ha messo in campo i suoi fedelissimi delle sezioni , quelli che ormai vivono nel ricordo del migliore, quelli che hanno sempre creduto nell'avvento del comunismo reale aggiunti ai neofiti dipendenti statali che sentono già vacillare la loro lobby, quella del fancazzismo spalleggiata dai sindacati amici. Ne vedremo ed assaggeremo delle belle sul cambiamento , precipiteremo nelle mani di chi da 20 anni in quà non ha saputo fare altro che rompere gli zebedei a chi tentava di governare col cercare nelle camere da letto motivi per attaccare non l'avversario, ma il nemico.Comunque chi crede che la politica possa cambiare una sola virgola nel sistema italia attraverso il parlamento, è elemento da ricovero .La sinistra già tutta in fermento, è ai blocchi di partenza per le poltrone. Grillo potrebbe avere il merito di evitare la rivoluzione,riflettiamo.......

    Report

    Rispondi

  • amb43

    04 Dicembre 2012 - 09:09

    Bersani, ricordati che non hai stravinto. Nel PD c'è il 40% di persone che non ti vogliono.....

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    04 Dicembre 2012 - 08:08

    soerano e voterebbero chiunque li fara' mangiare sulle spalle degli altri: ecco bersani, il nuovo che avanza. Tasse, spesa pubblica a palate, sindacati, parassiti e vitalizi: e gli imprenditori scappano all'estero. Ma non bastera', si sono mangiati tutti i soldi e i debiti: presto i debitori vorranno i soldi e allora? che importa: i parassiti avranno mangiato per qualche mese in piu', a loro solo mangiare interessa. Non era meglio un Paese produttivo? Certo ma i parassiti se fossero stati capaci e intelligenti mica facevano i mantenuti statali, no?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog