Cerca

Silvio forza nove

Berlusconi vuole la vittoria:
"Punto al 40%, sono sicuro di vincere"

L'ex premier continua la sua campagna elettorale. E' sicuro di riconquistare i voti dei moderati. Poi attacca gli avversari. "Il Pd in tv più di me". E sul movimento Arancione: "Ingroia è un'anomalia italiana"
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi è sceso in campo per vincere. Ne è convinto. E lo dice chiaramente. "Noi puntiamo alla vittoria e credo che sia alla nostra portata". E ha aggiunto. "Quanto a quello che abbiamo fatto, qui c'è un bell'imbroglio. Tutta la letteratura di sinistra e non solo quella purtroppo quando parla dei nostri 10 anni di governo non ci riconosce alcun merito. Nonostante la difficoltà ad operare dovuta ala fatto che l’architettura istituzionale non dà al Presidente del Consiglio, al governo e alla maggioranza gli stessi poteri come quelli che esistono nelle altre democrazie occidentali, noi abbiamo operato 60 interventi di cui 40 di riforma", ha affermato l'ex premier. Poi fa i calcoli e punta ad una soglia altissima. "Dove vogliamo arrivare? A vincere per poter completare la rivoluzione liberale che da sempre  indico come traguardo ai nostri elettori. Puntiamo al 40% in modo che   con l’attuale legge elettorale avremmo il 55% dei voti alla Camera dei  deputati. Perchè sono sicuro di poter arrivare a questo risultato?   Perchè tutti gli italiani che ci avevano dato il loro voto -spiega il  Cavaliere- nei sondaggi si sono ritirati non sono andati a collocarsi su altri partiti. Io non devo cercare nuovi elettori, ma rivolgermi   agli stessi del 2008 distruggendo bolle di menzogne e rimediando al   fatto che nell’ultimo anno non ho fatto una sola apparizione in tv e indicando con precisione cosa abbiamo intenzione di fare”.

Facce nuove - Sulle liste, Berlusconi vuole fare pulizia. In tanti non saranno ricandidati e vuole facce nuove nel partito. "Abbiamo in mente un grande rinnovamento. Gli ex An, in totale amicizia, si stanno avviando a una nuova formazione politica che resterà nei moderati e che condividerà con noi i voti. Dall’altra ci sarà un’immagine che ritornerà di più a Forza Italia. Coloro che rimarranno nelle liste - aggiunge il leader Pdl - non saranno più di un centinaio, mentre il 50% dei nomi lo prenderemo dal mondo del lavoro, un altro 20% dall’esperienza degli amministratori locali". 

La sinistra in tv più del Cav  - Qualcuno ha accusato il Cav di passare troppo tempo in tv e radio per la sua campagna elettorale. Anche su questo Belusconi risponde a muso duro con i numeri. "La sinistra ha levato strilli circa la mia occupazione della televisione, ma io non ho ancora completato 3 ore di questa 'occupazionè. Tra ottobre e novembre, la sinistra con il pretesto delle primarie è rimasta in televisione 124 ore: 36 Bersani, 28 Renzi, 24 Vendola. Io sono fortissimamente creditore del sistema televisivo, ma la sinistra, come si dice a Napoli, non tiene vergogna".

Ingroia è uno scandalo - Il Cav ha anche parlato dell'ex pm Ingroia definendolo "un'anomalia italiana". "Per fortuna di Pietro è sceso a un minimo dell’1% dopo quello che si è saputo del suo amore per gli immobili con soldi pubblici, naturalmente". "Adesso c'è Ingroia - ha sottolineato l’ex premier - che già faceva politica facendo il pubblico ministero e ora ha lasciato l’altra squadra di pubblici ministeri a fare politica, e approfittando della pubblicità che si è fatto come pubblico ministero intende proporsi come protagonista politico". Per il Cav è inaccettabile: "Questo è uno scandalo che esiste solo nel nostro paese tra le democrazie occidentali, quella di una magistratura che fa politica, che usa la giustizia per abbattere gli avversari politici e usa la giustizia come trampolino di lancio verso una carriera politica".

Una nuova Europa per l'Italia - Infine Berlusconi ha anche parlato dei suoi programmi per una nuova Italia in Europa. Il Cav vuole rinegoziare i patti tra Roma e Bruxelles. "Se vincessi, punterei a una rinegoziazione con l’Europa, perchè se andassimo avanti col patto fiscale dovremmo togliere dall’economia 50 miliardi all’anno. Il Pil ne soffrirebbe e andremo al disastro". E a chi lo accusa di essere antieuropeo risponde: "Io - puntualizza - mi offendo se mi si dà dell’antieuropeo. Io sono convinto che ci vuole più Europa unita, politicamente, sulle politiche monetarie e anche sulla difesa. Diverremmo una grande potenza militare paragonabile agli americani o ai russi. Bisogna pensare a un’Europa diversa da quella di oggi, non un’Europa dei burocrati, ma un’Europa vicina alla gente"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eziogius

    26 Dicembre 2012 - 17:05

    di che?!?! uno che ha accettato Monti, ha votato tutto quelloche ha fatto Monti,e perciò lo ha sfiduciato, lo ha candidato per il centrodestra,lo ha distrutto, senza rendersi conto che così HA DISTRUTTO SE STESSO!!!! Complimenti, come sempre fa tutto da solo, pulendosi i piedi sui parlamentari pdl.......

    Report

    Rispondi

  • direttoreemilio

    25 Dicembre 2012 - 09:09

    Si ! fará mettere il cartello, a tutte le frontiere d´Europa," Vietato l´entrata ai menomati Italiani elettori del psyconano".

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    23 Dicembre 2012 - 15:03

    E lo faranno imperatore del mondo. Avanti così

    Report

    Rispondi

  • tiz70

    23 Dicembre 2012 - 14:02

    nella foto che accompagna questo articolo la mummia mi pare un vecchio leader della ex unione sovietica sembra Brežnev alle ultime apparizione prima di trasvolare dove veniva truccato ritruccato e ritruccato ancora......tanto da apparire, appunto, una mummia. VATTENE ANIMALE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog