Cerca

Bersani finto tonto

Pd, trasparenza nelle parlamentarie:
nelle liste condannati, prescritti,
e rinviati a giudizio, ecco i nomi

Pierluigi Bersani

Pierluigi Bersani ha detto: "Piero Grasso è un simbolo della legalità". Nulla da dire sul curriculum dell'ormai ex Procuratore nazionale Antimafia. Il Pd ha la medaglietta della legalità. Ma le cose non sono così trasparenti come appaiono. Il 29 e 30 dicembre in tutta Italia si vota per le "parlamentarie" di Pd e Sel. E a dare un'attenta occhiata alla lista dei candidati qualcosa non torna. Il Pd e Bersani non stanno facendo proprio di tutto per poratre la legalità nel nuovo parlamento. Infatti fra i candidati del Pd alle parlamentarie ci sono quei nomi che non ti aspetti e che stridono fortemente con le promesse del segretario. Tra i candidati ci sono condannati, prescritti, indagati e rinviati a giudizio. Non male per un partito che chiama Piero Grasso a fare il capolista. A Messina c'è la candidatura di Francantonio Genovese, indagato per abuso d'ufficio e al centro di una polemica per una rete familiare piazzata negli enti di formazione regionale. Qualche chilometro più a sud, ad Enna c'è la candidatura di Vladimiro Crisafulli che è sotto inchiesta per abuso d'ufficio. Se si va verso nord le cose non cambiano. All'Aquila tra i candidati spunta Giovanni Lolli, rinviato a giudizio per favoreggiamento, prescritto. A Potenza invece c'è Antonio Luongo, rinviato a giudizio per corruzione. Antonio Papania invece, candidato a Trapani, ha patteggiato la pena per abuso d'ufficio. Infine c'è anche Andrea Rigoni a Massa Carrara che si è beccato una condanna in primo grado per abuso edilizio, ora prescritta. Tutti questi nomi non sono alla prima esperienza in politica. Non sono al primo tentativo, ma sono tutti deputati uscenti, già eletti a Montecitorio nelle file del Pd. Non basta Piero Grasso per dare una lavatina ai vetri e mettersi l'arbre magique dell'antimafia e della legalità. E di sicuro le 300-500 firme da raccogliere per accedere alla candidatura alle parlamentarie non sono proprio un ostacolo per questi signori.

Ombre su chi deve garantire - E i dubbi vengono anche a guardare chi "garantisce" la regolarità di queste parlamentarie. Caterina Romeo, ex segretario provinciale del Pd a Torino, ora garante per le primarie è stata condannata a un anno e quattro mesi per irregolarità elettorali. Inoltre Giancarlo Quagliotti che presiede la commissione che ha valutato le firme raccolte dai candidati, è stato condannto a sei mesi di reclusione per finanziamento illecito al partito. Il Pd forse doveva controllare meglio. E Bersani doveva vigilare di più. Prima di alzare il telefono e chiamare Piero Grasso. Altrimenti la coerenza nei fatti non c'è. E nemmeno nelle parole. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    07 Gennaio 2013 - 17:05

    Visto che nelle parlamentarie chi ha avuto i maggiori voti sono la massa di prescritti, rinviati a giudizio ecc... vuol dire che hanno fatto bene il loro lavoro di corruzione ecc... tanto che l'ITALIANO che ha avuto sicuramente favori da questa gente continuerà a votarli. STA' NEL PARTITO di fare pulizia ma perdere voti crea problemi anche per il "candido" Bersani.

    Report

    Rispondi

  • caiogracco

    07 Gennaio 2013 - 14:02

    Di questo passo gli invidiosi trinariciuti arriveranno a candidare non solo indagati e prescritti, ma addirittura condannati in primo grado a quattro anni ed interdetti dai pubblici uffici. Non c'e' proprio limite alla faccia tosta!!!

    Report

    Rispondi

  • Dacascos91

    04 Gennaio 2013 - 22:10

    Non si capisce cosa c'entri Berlusconi se nelle primarie del pd ci sono dei rinviati a giudizio. Le faccende dell'ex premier non giustificano in nessun modo i magna magna altrui. Dopo i vari Lusi, Penati, Frisullo... è ridicolo che il pd si consideri ancora moralmente superiore.

    Report

    Rispondi

  • meris5

    03 Gennaio 2013 - 10:10

    ma perchè questa gente pretende la pulizia morale degli altri quando a casa sua c'è il fango puzzolente, questi sono proprio arroganti e prepotenti il sig. bersani appena vinto le primarie è volato in libia, già si sentiva primo ministrto alla faccia dell'umiltà, questi non vogliono perdere la poltrona e i privbilegi, nessuno di loro ha parlato di riduzione di nessun genere debbono andare tutti a casa a 360° non vogliamo più le stesse facce e gli stessi ladri vogliamo cambiare, facciamo rubare un po' tutti e che cavoloooooo!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog