Cerca

Il Cav all'attacco

Berlusconi a muso duro contro Monti:
"E' la ruota di scorta di Bersani,
e alle elezioni prenderà pochi voti"

Berlusconi a muso duro contro Monti:
"E' la ruota di scorta di Bersani, 
e alle elezioni prenderà pochi voti"

 

Silvio Berlusconi attacca a muso duro Mario Monti. Il Cav vuole fare luce su come sono andate le cose in quel novembre del 2011 quando il suo governo sotto i colpi dello spread fu costretto a dare le dimissioni. In quel momento c'é stata una vera e propria congiura e noi, vincendo, instaureremo subito una commissione per esaminare quei fatti". Il Cav è un fiume in piena e attacca senza giri di parole l'operato del governo Monti.  Per Berlusconi il Prof è un uomo che non mantiene la parola data: "Monti ha contraddetto le garanzie che aveva dato all'inizio della sua avventura di presidente del Consiglio. Aveva garantito al presidente della Repubblica, a me presidente del Consiglio uscente e agli italiani che non avrebbe approfittato della pubblicità, dello stare sul pulpito in questo periodo di governo tecnico per poi presentarsi come protagonista della politica", ha dichiarato Berlusconi intervistato dall'Agenzia Televisiva Vista

Monti ruota di scorta - Il Cav è un fiume in piena e pensa ad una caduta di stile da parte del premier: "Monti si è presentato, credo con una caduta di credibilità rilevante - prosegue Berlusconi - lo ha fatto essendo già senatore a vita senza presentarsi nelle liste elettorali ma assumendo il ruolo di leader della coalizione dei partitini del centro e mettendo fuori un programma scritto in gran parte dal giuslavorista del Pd Piero Ichino, che ha lasciato il Pd, un programma in quasi totale sintonia con il programma del Pd". Per il Cav la missione di Monti è chiara: "Farà da ruota di scorta del Pd continuando quella politica di austerità che ha portato l'Italia in queste condizioni e che purtroppo secondo la loro sensibilità dovrebbe essere continuata". 

Il Prof prenderà pochissimi voti - Il Cavaliere dopo una giornata di interviste da Roma è tornato in treno a Milano, con lui anche Francesca Pascale. Alla Stazione Centrale intervistato dai giornalisti ha continuato a parlare delle scelte di Monti: "Sono sicuro che prenderà pochi voti. Sono partiti piccoli e lui si è abbassato al livello di Fini e Casini. Non penso ci siano così tanti italiani che possano dargli fiducia. La sua candidatura è una mossa per favorire la sinistra. Io sono tranquillo perchè i moderati voteranno per noi". Infine Berlusconi ha chiarito il rapporto del Pdl con la Lega Nord: "Sono sicuro di un accordo con la Lega. Se vengono con noi sosterremo la candidatura di Maroni in Lombardia. Formigoni mi ha detto che se ci sarà un'intesa lui sarà pronto ad appoggiare la candidatura di Maroni al Pirellone"


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    02 Gennaio 2013 - 13:01

    ma cosa stai dicendo, veramente quel poco di "diritto giurisprudenziale" lo hai studiato veramente poco e male. guarda che il primo ministro non viene eletto dal popolo, viene nominato dal parlamento e dal capo dello stato, ma cosa cazzo parli di COSTITUZIONE quando non la conosci? è il parlamento che viene eletto dal popolo... ma voi BANANAS siete tutti cosi? ma mia è, ovviamente, una domanda retorica.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    01 Gennaio 2013 - 23:11

    Per quel pco di diritto giurisprudenziale che ho studiato, il tacere di certi reati al momento in cui accadono, manifesta l'assenso a quanto sta succedendo e per cui cè manifesto coinvolgimento nel reato. Credo che Berlusconi o è al corrente che nessuno di questi muoverà un dito in quanto sono tutti conniventi l'un l'altro con il potere corrotto oppure è uno0 scemo.

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    01 Gennaio 2013 - 19:07

    ps i 145 miliardi ti tasse di silvietto non sono state introdotte per colpire gli sprechi, o massimo deficente. sono, fra le varie cose, l'introduzione della imu, l'aumento dell'iva (un punto ogni anno per tre anni e un mezzo punto nel 2014), l'aumento delle tasse per transazioni finanziarie, aumenti delle accise, aumento del bollo per portafoglio titoli (passato da 35 euro a 350 euro) ecc ecc ecc. dove lo vedi la lotta verso gli sprechi? IDIOTA! non sei solo un rozzo ignorante, sei STUPIDO! e poi dai dell'andicappato a me...INCREDIBILE! a parte il fatto che non sai veramente contare: 145 miliardi in 4 anni fanno 36,25 per anno. i 63 miliardi di Monti, invece, vanno divise per tre anni, quindi: 21 miliardi. l'incompetente sei tu. ma che cazzo stai dicendo? IDIOTA! non sono io che vi do del COGLIONE, è quello che scrivete che lo dimostra.

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    01 Gennaio 2013 - 19:07

    dalla tua risposta si evince che non capisci un cazzo. le manovre economice si sviluppano sempre in anni, compresa quella di Monti. ma vedi, caro il mio coglione, quei dati li ha usati il tuo nano preferito per cercare di dimostrare che monti ha impoverito gli italiani. infatti è riuscito a dire che monti ci è costato di più sostenendo che ci è costato 2500 euro. come dimostrato dallo studio della cgia, però, le cose stanno diversamente. i 2500 euro di monti si devono (come stranamente hai intuito tu) dividere per tre anni, quindi 839 euro di media a famiglia. però si è dimenticato dei 145 miliardi delle tasse messe dal nano, tremonti, bossi ecc., quindi in totale 208 miliardi di euro che si devono dividere per quattro anni. alla fine il nostro nano preferito ha messo le mani nelle tasche degli italiani per 1.161 EURO (di media) all'anno per 4 anni. oltre ad essere un perfetto coglione non sai fare neanche di conto. IDIOTA!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog