Cerca

Ridere per non piangere

Governo Renzi, tutti gli incompetenti ministero per ministero

Olivero, Boschi, Scalfarotto e Madia

Assomiglia moltissimo a un Letta-bis, il governo Renzi che dovrebbe trainarci fuori dal pantano. E' un esecutivo pieno di vecchie facce, zeppo di compromessi, che ancora una volta ci presenta un tecnico all'Economia (Padoan, mister patrimoniale). Un governo già nel mirino per presunti casi di conflitti d'interesse, richieste di dimissioni di personaggi discutibili (e intanto spunta già qualche indagato). Ma ad impressionare più di tutto, forse, è l'incompetenza di molti dei membri di questa squadra, un'incompetenza fotografata con efficacia su Il Fatto Quotidiano, che ministero per ministero elenca tutti i controsensi dell'esecutivo di Matteo Renzi, nato sotto una cattiva stella.

Le "renzine" - Si parte dalla Riforme, dove troviamo la fedelissima di Matteo, Maria Elena Boschi, deputata da neanche un anno e alla guida di un dicastero fondamentale, soprattutto in questa fase politica, per meriti non meglio precisati. Al suo fianco, in veste di sottosegretario, ecco Ivan Scalfarotto, omosessuale dichiarato, inviso ad Ncd, che con le riforme non si capisce bene che cosa c'entri (la sua nomina appare più una questione di facciata). Quindi sguardo rivolto alla Semplificazione e P.A., dove è stata nominata ministro Marianna Madia, l'ex fedelissima di Veltroni, giovanissima e a poche settimane dal parto (come farà a fare il ministro?), ex collaboratrice di Enrico Letta. Quali le sue competenze in tema di semplificazione e Pubblica amministrazione? Difficile dirlo: per ora la ricordiamo soprattutto per aver confuso, lo scorso dicembre, il ministero del Lavoro con quello dello Sviluppo Economico...

Antimafia... - Poi gli Affari Regionali, dove il ministro è l'ex sindaco antimafia Maria Carmela Lanzetta: un nome di tutto rispetto che però, con gli Affari regionali (lei, farmacista) c'entra poco e nulla. Come c'entra poco e nulla Gianclaudio Bressa, sottosegretario, che si è sempre occupato soltanto di Affari Costituzionali.

Figurine - Fa discutere anche la nomina come sottosegretario agli Esteri di Benedetto della Vedova, ex Pdl, ex Monti e soprattutto economista, non certo diplomatico o qualcosa di simile. Quindi agli Interni, sempre in veste disottosegretari, ecco il riconfermato Filippo Bubbico (laureato in Architettura) e Gianpiero Bocci, 51 anni, che nella sua carriera parlamentare si è esclusivamente occupato di agricoltura. Uno dei capolavori, comunque, è stato compiuto alla Giustizia, dove è stato nominato ministro Andrea Orlando probabilmente perché, dopo il "no" di Napolitano a Gratteri non si sapeva chi mettere. Così è stata spostata una pedina: dall'Ambiente alla Giustizia.

Al dicastero della Difesa ecco che come sottosegretario troviamo un commercialista: Gioacchino Alfano, di nome e di fatto (è di stretto rito "alfaniano"). Quindi due nomi discutibili allo Sviluppo, due sottosegretari: Simona Vicari, architetto di professione e amica di Renato Schifani, e quindi Antonello Giacomelli, franceschiniano di ferro, in Parlamento si è occupato prima di Difesa e poi di Finanza, ora gli spetteranno le comunicazioni. Ai Trasporti, al fianco di Maurizio Lupi, ecco che dopo 22 anni rispunta un socialista di governo: Riccardo Necini, nominato forse per la sua arcinota passione per il ciclismo. Tra i sottosegretari ecco un avvocato penalista (Umberto Del Basso De Caro) e un giornalista pubblicista (Antonio Gentile).

Letterato agricolo - La rassegna degli incompetenti prosegue col laureato in lettere classiche che si occupa di Agricoltura (il ministro Andrea Olivero) e con il sottosegretario laureato in Giurisprudenza, poi giornalista ed ex presidente dell'Unione province italiane (Giuseppe Castiglione). All'Ambiente spunta Gianluca Galletti, spostato dall'Istruzione come se nulla fosse, ed ecco Silvia Velo, sottosegretaria farmacista; il terzetto viene poi chiuso da Barbara Degani, anche lei sottosegretario all'Ambiente dopo aver trattato sempre Affari Istituzionali ed Enti locali. Spettacolosi controsensi all'Istruzione, dove figura il sottosegretario Angela D'Onghia, imprenditrice nel settore della moda e dell'abbigliamento (ma che c'azzecca?, direbbe Tonino Di Pietro). Quindi Roberto Reggi, fedelissimo di Renzi ed ingegnere elettronico.

Il romanziere - Infine mirino puntato sulla Cultura, dove è stato paracadutato dai Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini, il democratico afflitto dalla malattia del compulsivo cambio della casacca (veltroniano, bersaniano, renziano...) nominato, forse, poiché romanziere per hobby. Al suo fianco la sottosegretaria Francesca Barracciu coinvolta in un mezzo scandalo su rimborsi elettorali e, infine, la mitologica Ilaria Borletti Buitoni, imprenditrice montiana che contribuì alla campagna elettorale del Professore tassatore con l'iperuranica cifra di 710.000 euro (insomma, per lei sempre meglio trovarla, una poltroncina...).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudio maestri

    15 Marzo 2014 - 19:07

    ...Come ha fatto a dimenticarsi della Pinotti???...Ministro della Difesa!!! Vogliamo scherzare? Uno dei Ministeri più strategici!!! Altra incapace assoluta(Lettiana...a Genova alle comunali pare abbia avuto manco il totale dei voti dai suoi famigliari!). Questo paese è proprio fuori di testa e lo abbiamo dato in mano ad un pistolastro bugiardo che non ha alcuna cultura nei vari settori...S.O.S.!!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    03 Marzo 2014 - 11:11

    Siamo un paese in gravissima crisi economica con un tasso di disoccupazione "allucinante" e affidiamo le nostre sorti a quattro sbarbatelli assolutamente incompetenti ed incapaci- Il capo ( Renzi) ha già dato ampia dimostrazione del niente che sa fare facendo promesse incompatibili con la realtà , che non conosce, e inconciliabili con le risorse disponibili. Non farà altro che tassare dove già altri prima di lui hanno tassato ovvero trascinerà il paese nel profondo baratro dal quale il suo primo predecessore NON ELETTO si vantò d'averci salvati per il rotto della cuffia. Questo è un paese da affidare ad un pool di imprenditori che hanno dato ampia dimostrazione di ciò che sanno fare mentre i politici per almeno 3/4 anni devono stare a cuccia o meglio andare a lavorare.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    03 Marzo 2014 - 11:11

    Cambierò il paese!?! Oppure lo svenderà? Siamo entrati nella fase più buia della crisi. quando ci sveglieremo dalla sbornia "Renzi santo subito" e ci accorgeremo che si è trattato dell'ennesima presa per il c..o saranno cavoli acidi!

    Report

    Rispondi

  • plantard82

    02 Marzo 2014 - 19:07

    ...perche' non si parla di una riduzione dell'iva al 18%? ...perche' non si riduce il canone rai ...diciamo a soli €50,00 simbolici? ...perche' non si eliminano i senatori a vita? ...e altro ancora. grazie

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog