Cerca

La mossa

Italicum, Berlusconi: "Sì alla riforma solo alla Camera"

Italicum, Berlusconi: "Sì alla riforma solo alla Camera"

"Prendiamo atto con grave disappunto della difficoltà del Presidente del Consiglio di garantire il sostegno della sua maggioranza agli accordi pubblicamente realizzati. Come ulteriore atto di collaborazione, nell'interesse del Paese, a un percorso riformatore verso un limpido bipolarismo e un ammodernamento dell'assetto istituzionale, manifestiamo la nostra disponibilità ad una soluzione ragionevole che, nel disegnare la nuova legge elettorale, ne limiti l'efficacia alla sola Camera dei Deputati, accettando lo spirito dell'emendamento 2.3". E' questa la nota con cui Silvio Berlusconi pone fine al vertice di Forza Italia convocato per fare il punto sulle modifiche della legge elettorale. Il Cavaliere è deluso da Renzi, che non è stato in grado di imporre ai suoi (al Pd e agli alleati) le proposte di riforma concordate nel "patto del Nazareno" di alcune settimane fa. Ma disinnesca quella che era stata definita la "bomba" dell'emendamento D'Attorre, ovvero l'ipotesi che le regole dell'Italicum vengano applicate solo per l'elezione della camera dei deputati. Giusto ieri, il presidente dei deputati azzurri renato brunetta aveva gridato allo scandalo, minacciando tuoni e fulmini qualora nella maggioranza avesse prevalso l'ipotesi di una riforma "dimezzata", ossia valida solo per uno dei due rami del Parlamento. Oggi, invece, il Cavaliere cambia linea, soprendendo un po' tutti e mostrando ancora una volta quella "buona volontà" sulla strada delle riforme che finisce per prevalere su valutazioni strettamente politiche. "Per il resto - prosegue nella nota Berlusconi - confermiamo integralmente l'accordo pubblicamente realizzato, senza alcun "patto segreto" come maliziosamente insinuato da alcuni organi di stampa. Ribadiamo dunque piena collaborazione su questo piano, e una chiara opposizione sui temi economici e sociali, e su tutto quanto, a partire dalla necessaria riduzione della pressione fiscale e del peso dello Stato, ci rende naturalmente alternativi alla sinistra".

Una cambiale in bianco - Il quadro adesso però è abbastanza fosco. Silvio ha di fatto firmato una cambiale in bianco. Accettando la riforma dell'Italicum solo alla Camera non ha garanzie sui tempi delle riforme e soprattutto su un eventuale voto anticipato. La mossa del Cav però testimonia la volontà del leader di Forza Italia di non abbandonare il tavolo delle riforme. Silvio vuole tenere aperto il dialogo con Renzi e giocarsi ancora le sue carte durante questa legislatura. Berlusconi concede l'ok sull'Italicum, ma comunque chiede tempi stretti per le riforme ed anche un sostanziale cambio di passo sul fronte fiscale. A chiarire i "paletti" di Forza Italia è Altiero Matteoli che afferma: "l'importante "è che ci sia l'impegno a fare le riforme in brevissimo tempo perché se si tenta di portare a casa la legge elettorale e rinviare le elezioni sine die non siamo d'accordo".

Renzi risponde - Intanto dalla Tunisia Renzi risponde a Forza Italia: "Vorrei far notare a Berlusconi e a tutti che stiamo realizzando ciò che ci eravamo impegnati a fare. Le polemiche di oggi non le capisco. Vediamo se venerdì ci sarà legge elettorale e speriamo si chiuda dopo 20 anni la pagina delle riforme istituzionali". E aggiunge: "Questa discussione sull'articolo 2 della legge è secondaria, è per addetti ai lavori: i cittadini devono sapere che andranno a votare solo per la Camera perchè il Senato non ci sarà più, il resto è secondario". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo pinna

    carlo pinna

    06 Marzo 2014 - 07:07

    Non si tratta con un governo che non è espressione del popolo italiano. Non si tratta con chi non mantiene la parola data. Non si tratta con chi vuole togliere il reato di immigrazione clandestina, dopo averci affogati e affamati di lavoro con questa marea di escrementi dell'europa dell'est. Non si tratta con chi non vuole andare al voto. Napolitano la deve smettere. Legge elettorale e voto subito

    Report

    Rispondi

  • encol

    05 Marzo 2014 - 07:07

    Ennesima fregatura per FI ed ennesima legge BOIATA. Oramai mi sono convinto che sia questo il paese inventore delle boiate ovvero delle cose fatte a metà o mai finite. In ogni caso un leader è tale fino a quando è in grado d'essere un riferimento ma quando non fa altro che trasformarsi in un "taglia e medega" è giunta l'ora di passare il testimone.

    Report

    Rispondi

  • GAVIRATI

    05 Marzo 2014 - 06:06

    Ma chi ci crede ????

    Report

    Rispondi

  • auvido

    04 Marzo 2014 - 20:08

    ma come, ieri ha detto che se Renzi tradiva i patti aavrebbe rivelato i contenuti del patto e oggi accetta la proposta della minoranza della sinistra in accordo con ncd per salvare i posti a lungo??? ma il leade che ha in pugno la situazione dov'è finito? cos'è tutta questa benevolenza verso Renzi?? siamo diventati subalterni al PD adesso e diciamo si a tutto dopo che per giorni abbiamo detto il contrario. ahi ahi la vedo nera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog