Cerca

La mossa

Forza Italia, Rotondi presenta il governo-ombra

22
Forza Italia, Rotondi presenta il governo-ombra

Un governo-ombra per seguire passo passo Matteo Renzi. Un po' come faceva il Pds di Occhetto tra fine anni '80 e inizio '90 coi governi del pentapartito. Forza Italia vuole tener d'occhio il premier e così gli azzurri si organizzano e lanciano una squadra anti-Matteo che possa proporre concretamente, settore per settore, piani e programmi per il rilancio del Paese. L'idea è di Gianfranco Rotondi che ha presentato nella sede di Forza Italia in piazza San Lorenzo in Lucina a Roma il governo-ombra azzurro. I ministri sono 16, 6 donne e dieci uomini. 

La squadra - Gianfranco Rotondi presidente del Consiglio, Stefania Prestigiacomo agli Affari esteri, l’economista Antonio Martino alle Finanze, Daniela Santanchè alla Difesa, Francesco Nitto Palma all’Interno, Giancarlo Galan agli Affari regionali. Sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giampiero Catone. Spicca la presenza di un peso massimo del Pd, Vincenzo De Luca, attuale sindaco di Salerno che ora "guiderà" le Infrastrutture e i Trasporti dopo essere stato viceministro delle Infrastrutture dell’esecutivo Letta.

La Polverini al Lavoro - Lo 'shadow cabinet' si completa con Federico Tedeschini alla Giustizia, Nicolò Sella allo Sviluppo economico, Pietro Tarsitano alla Salute, Raffaele Coppola alle Politiche agricole, Alda Boscaro ai Beni culturali, Stefania Fuscagni all’Istruzione, Laura Ravetto all’Ambiente, Renata Polverini al Lavoro e Politiche sociali, Carlo Arrigo Pedretti alla Pubblica amministrazione e Michaela Biancofiore alle Riforme costituzionali e Rapporti con il Parlamento. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luciana113

    11 Marzo 2015 - 10:10

    togliere il vitalizio a tutti!!!!!!!!! è la vergogna del mondo!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    13 Marzo 2014 - 21:09

    a dire la verità il governo ombra del PCI fu una idea di Berlinguer,visto che all'epoca ero saldamente iscritto al PCI. Occhetto ha cercato di riproporlo successivamente con il PDS ma soprattutto per tenere insieme un gruppo che si stava sfaldando.

    Report

    Rispondi

  • cav.uff.

    13 Marzo 2014 - 18:06

    Peggio di cosi' non si puo'. Povera f.i, non riesce proprio a liberarsi da certi imbecilli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media