Cerca

Beghe di governo

Marianna Madia, scontro con Giuliano Poletti su lavoro e pensioni

Marianna Madia

Una grana per Matteo Renzi. Ha un nome e cognome: Marianna Madia, la veltroniana recentemente promossa a ministro per la Pubblica amministrazione dal premier democratico. Una grana non tanto per le (discutibili) polemiche sulla possibilità che possa svolgere al meglio le sue funzioni ora che si trova quasi al termine di una gravidanza (un punto sul quale ha insistito il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini), ma piuttosto per alcune sue improvvide dichiarazioni che hanno, subito, acceso la polemica all'interno del governo.

La "botta" - La bionda Marianna, infatti, ha dichiarato: "In un'epoca in cui oltre il 40% dei giovani non trova lavoro, un milione e mezzo di persone, tra pubblico e privato, cumula lavoro e pensione". Come dire: i pensionati non dovrebbero lavorare, e se lo vogliono fare dovrebbero rinunciare alla pensione. Un punto di vista piuttosto radicale, quello della giovane Madia. Un punto di vista con cui ha fornito un assist per le piccata risposta del suo collega Giuliano Poletti, titolare del dicastero del Lavoro, che ha detto la sua nel corso della trasmissione Mix 24 di Gianni Minoli su Radio 24.

La risposta - Poletti ha spiegato, tranchant: "Non credo sia giusto che i pensionati non possano più lavorare. Credo che bisogna trovare delle modalità nuove che consentano ad ogni persona di avere una cosa da fare". Il ministro ha poi insistito: "Questo lo considero il punto di svolta concettuale di questo governo. Nessuno deve stare a casa, lo dico anche per i giovani e per gli immigrati. Se non ci può essere un cumulo fra chi lavora e la pensione, allora bisogna che ragioniamo su cosa vuol dire cumulo, bisogna decidere per esempio qual è la modalità di uscita". Il ministro Madia, insomma, viene subito rimandata a settembre...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    21 Marzo 2014 - 14:02

    la sua idea e' giusta, ma solo per I pensionati statali che oltre ad avere mangiato e lavorato mai ci prendono per il culo con I secondi lavori in nero facendo addirittura concorrenza sleale ai privati che li hanno dovuti mantenere. prima e pure dopo in pensione (rubata alla gente)

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    21 Marzo 2014 - 09:09

    Cara Madia, vorrei vedere quanti pensionati del PD hanno approfittato della possibilità di lavorare anche dopo essere andati in pensione con tutti i sacri crismi legislativi per non parlare di tutti quelli del PD che fanno lavoro in nero per non pagare le tasse. Meglio coloro che lo fanno e legalmente in quanto contribuiscono a questa società cosa che voi non fate.

    Report

    Rispondi

  • pietro.lacchini

    21 Marzo 2014 - 05:05

    Ma con pensioni da 500€ com'era fa uno a non lavorare ancora. Come fa a pagare le tasse , l'affitto, il mangiare e così via. Forse con la pensione da ex ministro il problema non esiste, quanti migliaia di euro prenderete? Quante pensioni da cinquecento euro si pagherebbereo. Tanti ministri sono lontani dalla realtà , buon lavoro pensionati.

    Report

    Rispondi

  • dulbecco2

    20 Marzo 2014 - 22:10

    ridateci Brunetta!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog