Cerca

Abolizione province

La Camera approva il ddl Delrio e Forza Italia protesta: "È un golpe"

La Camera approva il ddl Delrio e Forza Italia protesta: "È un golpe"

"È un golpe, questo è un golpe". La Camera approva il decreto Delrio sull'abolizione delle province e, in Aula, divampa la protesta di Forza Italia. A inveire contro il ddl, dagli scranni di Montecitorio, è Renato Brunetta. Il capogruppo dei deputati azzurri ha voluto dar voce al dissenso espresso dal suo partito proprio mentre il presidente di turno, Roberto Giachetti, comunicava il risultato della votazione: 260 sì, 158 no e 7 astenuti.

"Una porcata" - Poco dopo - nel corso della conferenza stampa indetta insieme ai colleghi Russo, Palese e Centemero - l'ex ministro della Pubblica Amministrazione ha annunciato le sue prossime mosse: "Il Senato si riempirà di consiglieri rossi, nominati dalla sinistra. Chiederemo al presidente della Repubblica di non promulgare il testo della legge Delrio per manifesta incostituzionalità". Poi, si è rivolto direttamente a Napolitano: "Il Quirinale - ha avvertito - non si renda complice di questa porcata”. 

La replica del ministro Boschi - Oltre a Forza Italia, contro il decreto legge hanno votato anche M5S, Lega, Sel e Fdi. A favore, si sono espressi Pd, Nuovo Centrodestra, Scelta Civica e Popolari per l’italia.Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi ha commentato così l'opposizione di Brunetta: "Non condivido le perplessità sulle elezioni di secondo livello. Sindaci e consiglieri sono espressione di una maggioranza popolare quando vengono eletti. Si tratta di un meccanismo previsto anche in altri ordinamenti di comprovata democrazia come Francia o Germania".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    04 Aprile 2014 - 11:11

    Ma quale golpe?! Questa è una furbata alla toscana. In un sol colpo Renzi ha: propagandato la chiusura delle province. Eliminato quel cancro del suffragio universale, letale per i partiti. Ha messo sotto il diretto controllo dei partiti, e quindi dei segretari, un ente statale di spesa. E i fessi plaudono alla velocità del Premier. Pensate se questa schifezza l'avesse fatta il B. dove saremmo ora

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    04 Aprile 2014 - 09:09

    Si è levata "alta" la voce di Brunetta. Ahahahahahahah....!!!!!

    Report

    Rispondi

  • andrimail

    04 Aprile 2014 - 09:09

    Cambiare tutto, per non cambiare niente,..anzi, per peggiorare le cose,..

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    04 Aprile 2014 - 09:09

    Un Golpe ? Ma se c'e' stata una votazione .non puo' essere un golpe.... Certi politici sono proprio idioti sin dalle luci del mattino quando si alzano e si guardano allo specchio vivendo nel loro mondo fantastico di idioti in abiti eleganti,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog