Cerca

Sconfitta all'orizzonte

Senato, Bersani ora è nei guai
Nelle regioni chiave Pdl avanti
e Pier si sente premier senza voti

Pierluigi Bersani

Bersani piange a "Porta a Porta"

Pier Luigi Bersani è riuscito in un'impresa tipica del centrosinistra: vincente all'alba della campagna elettroale, perdente con scricchiolio inquietante a un mese dal voto. Dopo la presentazione delle liste e degli apparentamenti sono chiare alleanze e le startegie per la partita a Risiko che si gioca al Senato. Un dato è chiaro, nelle regioni chiave per avere una maggioranza a palazzo Madama Pier rischia una sonora sconfitta che lo inguaia. 

In un'intervista a La Repubblica Bersani ha bacchettato Casini: "La teoria di Pierferdinanado che comanda chi prende meno voti la considero insostenibile oltreche inaccettabile". E su questo punto Bersani ha ragione da vendere, se non fosse che anche lui con una partita maledettamente in bilico, si sente premier senza avere i voti. Ormai il vantaggio sta scendendo di giorno in giorno e un presidente del Consiglio senza maggioranza ala Senato non può governare. Con il porcellum il premio di maggioranza viene assegnato su base regionale. In pratica basta perdere di poco per vedere gongolare l'avversario che si porta a casa un vagone di seggi.

Perdente ovunque -  In Lombardia, come ga già ricordato ieri un sondaggio di Renato Mannheimer il Pd è sotto. E di brutto. Oggi secondo una rilevazione Ipso all'ombra del duomo il centrodestra è al 35,7 e il centrosinistra al 32,3. Dunque lì Berlusconi si porta a acsa la partita. 27 seggi contro 12. Anche in Veneto le cose non vanno bene. Sulla laguna il centrodestra viene dato al 30 per cento e il premio dà 14 seggi a Silvio. Ma non è solo la Lombardia a togliere il sonno a Bersani. Scendendo più a sud c'è la Campania dove Ingroia fa il guastafeste e alimenta la voluptas dolendi del centrosinistra. Lì Bersani deve vincere ma rischia grosso. L'ex pm sta praticamente annullando il vantaggio del centrosinistra e Silvio si prepara a prendere i seggi che gli permetterebbero un clamoroso pareggio. 

Sicilia decisiva - La vera novità però è quella siciliana. Tra Palermo e Catania la partita si è ribaltata. Basti ricordare che il Pd solo 3 mesi fa ha vinto la sfida alale regionali con Rosario Crocetta approfittando di un centrodestra spaccato tra Musumeci e Miccichè. Ora che tutto è più chiaro dopo la presentazione delle liste, il Pdl e i suoi alleati vengono dati al 27 per cento e il centrosinistra solo al 22. In pratica con questi numeri Berlusconi si porta a casa Lombardia, Sicilia, Campania e Veneto. Bottino pieno. Bersani deve vincere almeno in due di queste per portarsi una maggioranza risicata al Senato. Al centrosinistra basta perdere in Lombardia e Campania per avere 153 seggi contro una maggioranza minima di 158. Se dovesse finire così sarebbe la più cocente sconfitta della sinistra degli ultimi vent'anni. E Silvio lo sa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    14 Gennaio 2013 - 22:10

    questi personaggi di malafede. Chi semina zizzanie, non può che raccogliere tempesta. Da un lato, c'è anche da "apprezzarvi" perché vi "inchiap......." tra di voi, come succede con i malavitosi. Che non sia la scusante dopo....abbiamo perso perché quello...o quell'altro....

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    14 Gennaio 2013 - 16:04

    comincia a delinearsi un rovesciamento delle certezze del pd; monti e la sua compagnia non tolgono voti alla destra bensì al pd e la colpa va ricercata appunto in quell'affettuoso abbraccio che bersani e compagni hanno offerto e continuano ad offrire al professore. Gli elettori liberal-moderati che stavano ormai su posizioni filo pd non di certo per ideologia quanto per la tutela dei loro interessi( scordiamoci che la classe operaia rappresenti lo zoccolo duro di questo partito), hanno cominciato a pensare che forse è meglio dare fiducia a monti direttamente che poi rincorrerlo e sbracarsi nella sua agenda del nulla. Renzi aveva catturato nell'ambito del partito qualche milione e più di adesioni in quell'ambito di elettorato , partita iva e professionisti,che aspetta in una specie di limbo il risolutore dei loro problemi ,tasse e liberalizzazioni,soggetti che precedentemente avevano votato pdl e che al momento, delusi, se ne sono allontanati ferocemente.

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    14 Gennaio 2013 - 16:04

    Caro Bersani, che tenero che sei..... ma vedrai che questo è niente !!! perchè stiamo arrivando, allora sì che avrai un vero motivo per piangere: rappresenti la serie B

    Report

    Rispondi

blog