Cerca

I dati

Elezioni europee i risultati in diretta: Pd al 42 per cento, M5S al 20, Forza Italia al 16

Elezioni europee i risultati in diretta: Pd al 42 per cento, M5S al 20, Forza Italia al 16

Un trionfo europeo per Matteo Renzi. Con lo spoglio delle elezioni europee completato, il Pd si prende il 40,8%, segnando un record storico per la sinistra italiana, mai così forte dai tempi del Pci nel 1984 (erano le europee, anche allora, subito dopo la scomparsa di Enrico Berlinguer) e in generale un primato per le elezioni italiane. Solo la Dc di Fanfani nel 1958 raggiunse questi livelli. Ridimensionato il Movimento 5 Stelle che scende al 21,2% (rispetto al 25% delle politiche 2013 e lasciando per strada 3 milioni di voti), mentre Forza Italia crolla al 16,8 per cento. Sorride la Lega Nord che va al 6,2 per cento. Ncd di Alfano mette insieme un risicato 4,4%, mentre la lista Tsipras soffre fino all'ultimo, appesa al 4% tondo dello sbarramento. Restano fuori da Strasburgo Fratelli d'Italia al 3,7 per cento. Meglio i Verdi (0,9) dei montiani di Scelta Europea (0.7) praticamente inesistente. I dati delle proiezioni aumentano i divari previsti dagli exit poll, che davano il Pd primo partito al 34,5%, Movimento 5 Stelle al 25%, Forza Italia terza al 17.

Vince chi paga - In Italia, a differenza di quanto accaduto nel resto d'Europa, l'elettorato sceglie la sinistra europeista. Premiata oltre ogni aspettativa la politica del premier Matteo Renzi: un Pd al 40% è il trionfo del "vince chi paga" e della continuità dell'esecutivo. E adesso, con un governo rinsaldato, potrebbero arrivare le brutte notizie per gli elettori: dalla Tasi alla potenziale nuova manovra, con tasse su rendite finanziarie e una patrimoniale all'orizzonte, gli 80 euro del bonus Irpef potrebbero diventare un amaro ricordo. E attenzione, perché potrebbe crescere la tentazione in Renzi di prendersi tutta la posta in gioco, tornando alle urne per le politiche tra ottobre e gennaio 2015. 

Delusione 5 Stelle - Le opposizioni? Disfatte. Il Movimento 5 Stelle, stando così le cose, sarebbero l'unico partito anti-Europa a non crescere in tutto il Continente. Addirittura, nonostante una campagna elettorale tambureggiante e un anno in Parlamento tra ombre sostanziali e luci mediatiche, Grillo e i suoi avrebbero perso terreno rispetto alle (sorprendenti) elezioni politiche del 2013. Segno che qualcosa, nella comunicazione ma non solo, non ha funzionato. Secondo Youtrend, a fronte di 3 milioni di voti guadagnati dal Pd rispetto alle politiche, i grillini ne avrebbero persi due e mezzo.

Flop Forza Italia - Un crollo è quello che rischia Forza Italia. Silvio Berlusconi, con una campagna elettorale a singhiozzo, non è riuscito a mettere la toppa e il partito potrebbe aver raggiunto il suo minimo storico, intorno al 15%: mai successo, così come gli azzurri non sono mai stati il terzo partito in Italia. E ora il Cavaliere teme un contraccolpo a livello interno, con la fronda anti-renziana che potrà alzare la voce. Dal punto di vista politico, un risultato così deludente legherebbe le mani all'ex premier, non più in grado di candidarsi ad alleato di Renzi sulle riforme o, eventualmente, per le larghe intese.

Gli altri - Gli altri partiti, più staccati, hanno però bilanci molto diversi tra loro. Ride la Lega Nord, il partito anti-euro più convinto e più premiato. Gli altri due, Lista Tsipras e Fratelli d'Italia/Alleanza Nazionale, lotteranno fino all'ultimo con lo sbarramento al 4 per cento. Stesso andamento per Alfano e Nuovo Centrodestra. Il suo obiettivo era arrivare al 7%, difficilmente supererà il 4,5 per cento. Risultato negativo, che mette a rischio il progetto stesso dei fuoriusciti dal Pdl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doberman

    26 Maggio 2014 - 12:12

    Strana questa vittoria, gira e rigira il paese è al punto di prima, e l'aria di cambiamento? Forse con Renzi stesso ci sarà un cambiamento all'interno del pd e di conseguenza al paese.

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    26 Maggio 2014 - 12:12

    L'Italia insieme alla Grecia ha fatto di nuovo in ambito Europeo una figura miserabile: mentre nei grandi Paese come Germania e Francia e Inghilterra le sinistre hanno subito una debacle, in Italia e in Grecia, nei due Paesei più indebitati e piu squalificati e sull'orlo del baratro, vediamo le sinistre trionfare. Questa è la prova dell'insipienza, insulsaggine degli Italiani.

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    26 Maggio 2014 - 12:12

    Il PD non ha vinto, ha ancora una volta brogliato. MA del resto il PD non ha mai vinto senza brogli. Le prove sono sotto gli occhi di tutti e spero che la magistratura intervenga.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      26 Maggio 2014 - 15:03

      ma se TUTTI i rappresentanti di lista del CDX sono così tonti ed incapaci da non accorgersi (e denunciare) che in TUTTI i seggi, di TUTTI i Comuni, ed addirittura in TUTTI quelli all'estero, i sinistri hanno fatto brogli, come fai a votarli per affidargli la guida del Paese? Siete talmente tonti che in una gara di tonti arrivereste secondi

      Report

      Rispondi

    • civimar

      26 Maggio 2014 - 14:02

      Come no, il solito complotto plutogiudaicomassonico appoggiato dalla magistratura rossa con la complicità dei komunisti marziani.

      Report

      Rispondi

    • ramadan

      26 Maggio 2014 - 12:12

      perchè non ci indichi le prove del broglio visto che le conosci ? gradirei conoscerle anche io ma ho la senmsazione che hai sparato una cazzatat

      Report

      Rispondi

  • ryckard56

    26 Maggio 2014 - 11:11

    gli italiani si sono dimostrati il solito popolo di pecoroni infinocchiati bene da una elemosina di 80 euro che oltretutto non vedranno mai. incapaci ormai di un atto minimo orgoglio si metteranno proni di fronte alla merkel che ringrazia. possiamo solo rallegrarci che in paesi migliori del nostro il fronte antieuropeista ha sfondato ,speriamo solo che facciano anche i nostri interessi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog