Cerca

La mancia elettorale

Governo, Delrio: "Gli ottanta euro sono stati un errore, ma non ci sarà un'altra manovra"

Governo, Delrio: "Gli ottanta euro sono stati un errore, ma non ci sarà un'altra manovra"

Che fosse stato un errore ne erano tutti al corrente. Solo il governo ha aspettato prima di buttare giù la maschera: gli 80 euro sono stati un fallimento. Non hanno rilanciato i consumi e probabilmente hanno aggravato la situazione delle casse dello Stato. Matteo Renzi con la mancia Irpef ha fatto il pieno alle Europee, ma adesso deve fare i conti con le coperture che in via xx settembre faticano a trovare per far diventare il bonus strutturale anche nel 2015. Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio confessa in un'intervista alla Stampa: "Pensavo che gli 80 euro avessero più effetto. Ma bisogna pensare cosa sarebbe successo se non ci fossero stati. Hanno avuto effetti se pur più mascherati". Insomma di quel bonus non resta che il sapore di una mancia elettorale per incassare voti lo scorso 25 maggio.

"Non vivacchiamo" - Delrio ormai appare sempre più lontano dalle grazie di Renzi e così affonda il colpo. Poi però smentisce dissidi col premier e le indiscrezioni che parlano delle sue imminenti dimissioni: "Dobbiamo ragionare di un arco di legislatura per arrivare al 2018 consegnando un Paese diverso - ha ribadito il sottosegretario -. Nessuno di noi è qui per vivacchiare". Infine l'ex sindaco di Reggio Emilia assicura che in autunno "non ci sarà nessuna manovra nè nuove tasse". Eppure i soldi per coprire il regalino elettorale da 80 euro da qualche parte vanno recuperati. In tanti ormai non hanno più fiducia nè nel governo nè nelle promesse (fragili e da marinaio) di Matteo Renzi. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ugo_lenzi

    18 Agosto 2014 - 22:10

    sinceramente o lo fanno apposta o sono scemi, Come hanno potuto pensare che gli 80 euro stimolassero i consumi? A questo punto mi viene da pensare che credano veramente di poter stimolare la domanda con un deficit di bilancio .........

    Report

    Rispondi

  • Roberto Caprini

    18 Agosto 2014 - 12:12

    Non si può dire che è sono stati uno sbaglio elargire gli 80 euro, quando questa elargizione ha contribuito notevolmente al raggiungimento del 40,8% per il PD. Oggi emerge chiaramente che questa elargizione è stata una promozione elettorale, anche se nonostante questo regalo, pagato da noi contribuenti, il Renzi ha preso 1.200.000 voti meno di Veltroni alle elezioni Politiche del 2008.

    Report

    Rispondi

  • nivangio.macrodi

    18 Agosto 2014 - 09:09

    Ahahahahaha ...... Il Governo Renzi dovrebbero mandarlo al circo .... e gli Italiani gli hanno creduto .... che gonzi .... vendersi per 80 euro pari ad una serata in pizzeria per papà mamma e due figli, con bibite e dolce ..... e ancora credono nell'euro .... Beh a questo punto al Signor Renzi bisogna presentare anche il conto di Letta jr. brutalmente e anche inutilmente defenestrato ...

    Report

    Rispondi

  • edangelo

    17 Agosto 2014 - 20:08

    Egregio Giacomo, gli 80 euro li hanno avuti un numero ristretto, molto ristretto di persone, persone che comunque già avevano un reddito. Perché un pensionato con 8.000 euro annue non l'ha avuto mentre un dipendente con 20.000 euro annui li ha avuti (sia pure in proporzione)? Perché gli incapienti non l'hanno avuti?. E' stato solo compravendita di voti, squallida compravendita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog