Cerca

Le mosse

Pd, Massimo D'Alema e la cena anti-Renzi

Pd, Massimo D'Alema e la cena anti-Renzi

Chiamatela pure la cena dei veleni. Il Pd, anzi la minoranza Pd guidata da D'Alema, Bersani e Cuperlo ci riprova: vogliono far fuori dalla segreteria del Nazareno Matteo Renzi. In una cena top secret, come racconta il corriere, D'Alema&Co. hanno deciso di arginare il premier e sostanzialmente di abbandonarlo al suo destino mentre alle porte si prospetta un braccio di ferro con l'Europa per portare in porto le riforme che ormai restano solo promesse vane nel nulla. Baffino, dicono i bene informati, è irritato con Matteo Renzi: "A me aveva detto determinate cose, sia sulla composizione del governo che sulla nomina europea dell'Alto rappresentante e poi non ha tenuto fede alla parola data. Prima o poi qualcuno dovrà raccontare le bugie che dice quello lì".

La fronda - A far infuriare D'Alema e i suoi fedelissimi c'è anche la battaglia per l'articolo 18. C'è chi propone la linea dura, mentre c'è chi propone di mantenere l'asse con Forza Italia per decidere come va impostata la riforma del lavoro. Durante la cena dei congiurati si è parlato anche del Quirinale. La successione di Giorgio Napolitano fa tremare il Nazareno. Nel timore che Renzi possa spiazzare tutti puntando su una donna viene fatto il nome di Paola Severino, l'ex ministro della Giustizia di Monti. Ma anche le altre minoranze del partito democratico non sembrano voler concedere spazio al premier soprattutto dentro la segreteria. Così le fronde si organizzano. Pippo Civati ha siglato un'alleanza con Beppe Fioroni, ex Ppi, ex Margherita, leader dei cattolici del Pd storicamente lontano dalle posizione civatiane. Iniziative volte a stanare il premier e metterlo in difficoltà. La resa dei conti al Nazareno continua. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    18 Settembre 2014 - 17:05

    Il bue che dice cornuto all'asino.....Qui tra traditori, "staisereno" e coltellate nel buio alla schiena, ne esce proprio un bel quadretto! A proposito, D'Alema è ancora lì, Rosy è ancora lì, Fassino è ancora Sindaco, Violante addirittura alla Consulta...Ma la rotamazione che fine ha fatto, o tocca aspettare 1000 giorni pure per quella?

    Report

    Rispondi

  • farfallabianca

    18 Settembre 2014 - 16:04

    Ma non doveva fare la rottamazione anche di lui? Forse solo la Giustizia Divina provvederà.......forse

    Report

    Rispondi

  • lodocrida

    18 Settembre 2014 - 12:12

    Sono spariti Di Pietro, Fini, Bertinotti ecc.ecc. ma D'Alema e la Bindi sono resistenti. Solo la grazia divina ci può liberare da questi sanguisughe.

    Report

    Rispondi

  • Mattia3000

    18 Settembre 2014 - 11:11

    Per un motivo o per un'altro hanno fatto fuori quasi Berlusconi. Adesso è arrivato il momento che si ammazzano da soli. BENE lo facciano. Spero tanto che Renzi xli faccia fuori definitivamente incominciando dalla vecchia nomenclatura e il residuato bellico dei Popolari iniziando dalla Bindi.

    Report

    Rispondi

    • Bolinastretta

      18 Settembre 2014 - 12:12

      Mattia 3000 - ILLUSO! Il rottamatore si é rottamato le balle! gli hanno detto: se entri da quella porta é perchè NOI (che facciamo i nostri porci comodi qui dentro da 30 anni) lo permettiamo, ergo: o ti pieghi ai nostri ordini, o tra due giorni, tiriamo fuori tutti i tuoi scheletrini nell'armadio e, se non li avessi, li fabbrichiamo e li diamo in pasto ai (nostri) magistrati!! rossi - PD - Style!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog