Cerca

Nervi tesissimi

Direzione Pd, Massimo D'Alema demolisce Renzi. E Pierluigi Bersani attacca: "No al metodo Boffo"

Direzione Pd, Massimo D'Alema demolisce Renzi. E Pierluigi Bersani attacca: "No al metodo Boffo"

La sera dei lunghi coltelli comunisti. A Massimo D'Alema e Pierluigi Bersani un merito va riconosciuto: quello di avere il coraggio di affrontare il nemico, Matteo Renzi, a viso aperto. In svantaggio numerico, forse, ma con la forza di poter svuotarsi le tasche di molti sassolini perché in fondo non hanno più nulla da perdere. Il confronto finale a suon di veleni e pugnalate va in scena alla direzione Pd, caldissima, quella su articolo 18 e Jobs Act. Ma la resa dei conti è più generale. Forse culturale, sicuramente politica.

Bersani: "No al metodo Boffo" - Partiamo dalla coda. Bersani chiude di fatto gli interventi sul palco con un esordio dei suoi: "Qua c'è da raffreddarsi un po' la testa". Poi però il clima si fa subito di fuoco: "Sull'orlo del baratro non ci andiamo per l'articolo 18, ma per il metodo Boffo: uno deve poter dire la sua senza che gli venga tolta la dignità". Parole grosse, che tirano in ballo la gestione stessa del Pd da parte del segretario-premier-padrone. Tra l'altro, Bersani non rinuncia a pizzicare la schiera dei giovani renziani, quando parla di "neofiti della ditta" che gli spiegano come si sta in un partito. E via discorrendo di "deficit di riformismo" e "riforme hard" quelle sì fatte da Bersani e la sua generazione.  

D'Alema, sarabanda di veleni -  "E su quest'ultimo punto verte tutto il discorso di D'Alema, forse il più velenoso della storia recente di Baffino. In cinque minuti o poco più ha provato a demolire Renzi, che aveva parlato poco prima di lui. L'inizio è solo apparentemente "soft": "Ammetto che sono un ammiratore dell'oratoria del segretario del nostro partito, che spesso parla a chi è fuori di qui. E tuttavia...". E via alla sarabanda di battutine maliziose ("scusate la mia prosa terra terra", in contrapposizione alla citazione poetica di Rilke esibita da Renzi), accuse e recriminazioni, da leggere tutte d'un fiato: "Meno slogan, meno spot, più riflessione credo sia la via per ottenere più risultati", "Le parole devono essere ancorate alla realtà, non è obbligatorio sapere i fatti ma sarebbe consigliabile per governare", "L'articolo 18 non è vecchio di 44 anni, è stato cambiato 2 anni fa", "Io ho molti dubbi su una finanziaria fatta di molti spot" e soprattutto quel riferimento all'economista "Stiglitz premio Nobel. I consiglieri del premier no. Temo che ci si inizi ad accorgere dei risultati".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • v.fonta

    30 Settembre 2014 - 15:03

    E'mai possibile che non capiscono che nessuno li vuole più?

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    30 Settembre 2014 - 12:12

    che bello non si ricordano più come hanno fatto fango su Berlusconi e non si sono mai stupiti. bene chi la fa l'aspetti al filosofo bersani ricordo che i proverbi sono la saggezza dei popoli.

    Report

    Rispondi

  • andrea.toscano757

    30 Settembre 2014 - 11:11

    Bersani forse farebbe bene a meditare come è riuscito "quasi a perdere" le elezioni contro un centrodestra allo sbando e con un leader plurindagato.

    Report

    Rispondi

  • kobra12

    30 Settembre 2014 - 10:10

    D'Alema ha mosso a Renzi le stesse critiche che gli fa Brunetta. Brunetta può dire che è un frottolone mentre D'Alema no?!?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog