Cerca

Seduta fiume

Jobs Act, al Senato fiducia per Renzi: 165 sì, nel Pd non votano Mineo e Casson

Jobs Act, al Senato fiducia per Renzi: 165 sì, nel Pd non votano Mineo e Casson

Il governo ottiene la fiducia sul Jobs Act al Senato: 165 voti favorevoli, 111 contrari e 2 astenuti. Non hanno partecipato al voto i "dissidenti" del Pd Corradino Mineo e Felice Casson, in parziale "rottura" con il fronte degli altri 34 ribelli che alla fine hanno scelto di confermare la fiducia al premier Matteo Renzi. E uno schiaffo alla linea imposta dal segretario-presidente del Consiglio è venuto da un altro senatore ribelle del Pd, Walter Tocci, che ha rassegnato le proprie dimissioni. Segno che al Nazareno il dissenso c'è ed ancora forte, nonostante l'esecutivo tenti di sedarla a colpi di fiducia.

Rissa e insulti al Senato - Una giornata lunghissima, a Palazzo Madama, con tensione alle stelle, risse, insulti, fuoriprogramma decisamente umilianti per tutta la politica italiana. In mattinata la contestazione dei senatori grillini e sospensione della seduta subito dopo l'intervento del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, che doveva presentare in Aula il testo dell'esecutivo. Nel pomeriggio succede di tutto, con grillini e leghisti che occupano i banchi del governo, tirano monetine e libri all'indirizzo del presidente Pietro Grasso e una rissa scatenatasi a sorpresa tra i banchi della sinistra, con la vendoliana De Petris che ha ferito accidentalmente al polso la dem Fattorini.

Cosa cambia sull'articolo 18 - "Sono sceneggiate, non politica", ha commentato da Milano lo stesso Renzi che incassa il sì al Jobs Act e al superamento dell'articolo 18 ma che vede rinviati alla Camera i nodi fondamentali, soprattutto riguardo al reintegro. Reintegro che, come annunciato da Poletti, resta per i neo-assunti soltanto nei casi di licenziamento discriminatorio o per gravi motivi disciplinari. "Siamo andati sulla piattaforma della destra, favorisce recessione e disoccupazione", è la critica del dem Stefano Fassina. Per Paolo Romani di Forza Italia, che ha votato contro, la riforma non è né carne né pesce, incerta sia sull'articolo 18 sia sui co.co.pro: "Norme troppo generiche, lascia aperte tutte le strade alla legge delega", accusa il senatore azzurro. E la palla ora torna in mano a Renzi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    09 Ottobre 2014 - 19:07

    sono giorni che aspetto di leggere su 'sto giornalino che la Mogherini ha avuto un lunghissimo applauso al suo discorso al Parlamento Europeo. Chissà come mai?

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    09 Ottobre 2014 - 14:02

    Non si può assumere a tempo determinato se ne hai già uno assunto.... ma ATTENZIONE: puoi assumerne quanti ne vuoi e per tutto il tempo che vuoi se vai da cooperative o AG. interinali!!! ergo: o dalle coop o dalle multinazionali tu imprenditore non puoi non conti un cazzo anche se sei tu a dover stabilire se assumerlo e (pagarli - per pagarlo!!) P A G L I C C I !!!!

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    09 Ottobre 2014 - 13:01

    Renzi non ride perché si è reso conto che in quel palazzo ci sono un branco di dementi che remano contro l'Italia. Spero che giunga presto la riforma del Senato e vadano a zappare.

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    09 Ottobre 2014 - 13:01

    La prova del forte dannato complesso d'inferiorità che hanno certi Italiani di sinistra di fronte ai Germanici è stata data ieri da Renzi dopo che la Merkel gli ha dato una pacchetta sulle spalle e gli ha gettano un ossicino come si fa con i can da pagliaio. E come un vero can da pagliaio Renzi gioiva, godeva e guaiva saltellando di qua e di la. Ve lo immaginate il contrario e cioè un Premie

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog