Cerca

Legge di stabilità

Manovra, la sfida di Renzi: "O così o si vota"

Manovra, la sfida di Renzi: "O così o si vota"

"Ho fatto quello che da sempre chiedono le imprese e i lavoratori, ma senza negoziarlo con Confidustria, né con i sindacati". Matteo Renzi gongola con i suoi dopo la presentazione della manovra economica definita dallo stesso premier "la più grande riduzione di tasse della storia della Repubblica". Gongola ed è determinato nonostante resti l'incognita Bruxelles, ovvero se la Commissione approverà o meno la legge di bilancio 2015 approvata ieri da Palazzo Chigi. La linea di Renzi, scrive Elisa Calessi su Libero in edicola oggi 16 ottobre, è di andare diritto in ogni caso, convinto che i "burocrati europei non possono farci niente". Su questo è stato rassicurato anche dai suoi a Bruxelles: anche nel caso di una bocciatura, nell’immediato non accadrebbe nulla. L’Europa potrebbe chiedere una correzione sull’aggiustamento del deficit. Ma sarebbe di due miliardi e mezzo, somma già accantonata, e comunque non se ne riparlerebbe prima della primavera dell’anno prossimo. E in ogni caso, come ha detto Renzi, "rimaniamo sotto il 3%, rispettiamo i vincoli". Se proprio dovesse andar male - se i rigoristi prevalessero, i risultati non arrivassero - Renzi è pronto a trasformare il braccio di ferro con l’Europa in una battaglia politica. "Provassero a dire qualcosa, poi si va davanti agli italiani e si spiega alla signora Merkel che noi, la manovra, la facciamo lo stesso così, perché all’Italia serve questo. Ci fanno un favore, così poi arriviamo al 51%". E qui, a essere maliziosi, si potrebbe leggere una minaccia di andare al voto l’anno prossimo, ipotesi che Renzi smentisce, ma che molti dei suoi evocano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    16 Ottobre 2014 - 12:12

    E' veramente una gran testa di ... Lui quando non sa cosa dire o cosa proporre, continua citare lo spettro delle elezioni. Ma cosa si aspetta ad andare alle elezioni. Lui non è stato eletto da nessuno, ha solo vinto le primarie ahahahah dei komnisti, 2.800.000 votanti in tutta Italia. Basta, ciofecca, ci hai stancato, vai a lavorare in miniera e portati i ministri paracarri che hai.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    16 Ottobre 2014 - 11:11

    Minaccia di andare al voto? Magari: ma ha una paura fottuta che il suo millantato 41% si trasformi in un misero 4,1% dopo i disastri di questo governo..........................

    Report

    Rispondi

  • peppefreddi

    16 Ottobre 2014 - 11:11

    Renzie: o così o si vota. Finalmente una cosa giusta... così ti togli dai coglioni.

    Report

    Rispondi

blog