Cerca

L'indiscreto

Renzi e Berlusconi, il retroscena di Alessandro Cattaneo: "Nel 2009 il Cav mi chiamò ad Arcore per parlarmi di Matteo"

Renzi e Berlusconi, il retroscena di Alessandro Cattaneo: "Nel 2009 il Cav mi chiamò ad Arcore per parlarmi di Matteo"

"Nel 2009 Berlusconi mi chiamò ad Arcore e mi disse: c'è uno sveglio a Firenze, ha presentato un programma perfetto. Imitalo e vincerai anche tu. E così è stato". E' Alessandro Cattaneo, (ex?) delfino del Cavaliere, a raccontare al Fatto quotidiano un aneddoto che la dice lunga sul rapporto speciale tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Sì, perché "il tipo sveglio" era proprio l'attuale premier, allora in corsa per la poltrona di sindaco di Firenze.

L'incontro ad Arcore - Era l'inizio del 2009, Cattaneo era il candidato del Pdl a sindaco di Pavia (elezioni poi vinte) e, ricorda, "non sbagliavano i giornali a chiamarmi il Renzi di centrodestra". In fondo, l'investitura l'enfant prodige del Pdl l'aveva ricevuta proprio da Berlusconi: "Mi chiamò ad Arcore, pensavo fosse semplice incoraggiamento elettorale. Invece mi disse: Lei è una persona sulla quale contiamo, ha dimostrato capacità da tempo. Le do un consiglio da fratello maggiore: abbiamo messo gli occhi un ragazzo molto sveglio, credo che a Firenze abbia presentato un programma perfetto, non perderà. Io le mando il programma di questo Renzi, lei lo segua e vedrà che abbiamo la vittoria assicurata". Si tratta dei famosi "cento punti" che hanno lanciato Renzi prima a Palazzo Vecchio e poi, rivisti ma con lo stesso spirito innovativo, a Palazzo Chigi. Ancora l'incontro a Villa San Martino tra Berlusconi e l'allora sindaco di Firenze non c'era stato, sarebbe arrivato qualche mese dopo. "Di sicuro - prosegue Cattaneo sul Fatto - gli aveva già messo gli occhi addosso, Berlusconi ha occhio lungo e fiuto come nessun altro, si era accorto delle capacità comunicative di questo aspirante sindaco".

Quelle voci su Verdini e Renzi - Anche alla luce di quell'apprezzamento, secondo il primo cittadino di Pavia, nel 2009 Berlusconi e Denis Verdini decisero di non sprecare troppe energie per cercare uno sfidante per Renzi, dando Firenze per persa. A rimetterci fu il candidato del Pdl Giovanni Galli, che non a caso dopo qualche anno ha criticato i vertici del centrodestra e suggerito qualche intesa sottobanco tra Verdini e la famiglia Renzi. L'abbozzo, in fondo, del Patto del Nazareno e di quel "partito della Nazione" di cui tanto si sta parlando in queste settimane. Fanta-politica, forse, ma di sicuro in grado di provocare non pochi maldipancia, anche tra quegli stessi protagonisti. Chiedere, per esempio, proprio a Verdini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    25 Ottobre 2014 - 17:05

    Cattaneo e' famoso a Pavia. Non invitato, ha visitato scuole e pensionati prima di non essere rieletto. Ciao ciao sola berlusconiana, porta via con te le tue slot machines!

    Report

    Rispondi

  • tingen

    25 Ottobre 2014 - 16:04

    Cattaneo è diventato famoso perché voleva fare il formattatore, voleva le primarie nel centrodestra, adesso ha dimenticato tutto e sembra integrato nel cerchio magico. Intanto i suoi concittadini non lo hanno rieletto come Sindaco.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    25 Ottobre 2014 - 16:04

    Caro pinodipino, B. lo ha trovato il suo erede e, infatti, vanno d'amore e d'accordo. Votano le riforme, che decidono nelle loro segrete stanze e si vengono in soccorso a vicenda. Chi ancora nn ha capito che i due sono sulla stessa lunghezza d'onda sono gli ottusi, tra cui mi dispiace ma devo contare anche lei, che ancora nn hanno capito che la distinzione dx e sx è finita, e da un pezzo. Sveglia!

    Report

    Rispondi

    • pinodipino

      25 Ottobre 2014 - 20:08

      darwin lei parla come la minoranza del PD per quanto mi riguarda siete voi che non avete capito una mazza, ma cosa vorreste? Renzi ha preso un paese allo sbando e sta cercando di fare qualcosa dopo vent'anni che al governo c'è stato un signore che si è fatto solo i cazzi suoi, non so se riuscirà a fare qualcosa di positivo ma almeno ci prova e i voti li cerca dove li trova. SVEGLIA!!

      Report

      Rispondi

      • bruscoloni

        bruscoloni

        26 Ottobre 2014 - 14:02

        E li va a cercare a casa dell'evasore convertito alla causa gay? Torni a dormire che il coccio è fragile

        Report

        Rispondi

  • pinodipino

    25 Ottobre 2014 - 13:01

    Berlusconi ha l'occhio così lungo che in vent'anni non è riuscito a trovare uno degno di sostituirlo. Ma veramente nel centrodestra c'è una tale pochezza di gente valida? Per fare vincere un sindaco gli ha suggerito di copiare paro paro il programma di un candidato del centrosinistra e questo Cattaneo non si vergogna a raccontarlo? CENTODESTRA ALLA CANNA DEL GAS!!!

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      25 Ottobre 2014 - 15:03

      Per certe cose occorre il placet degli amici degli amici. Cose che a lei sfuggono. Lei in realtà non è dinodipino ma pinodecoccio

      Report

      Rispondi

      • pinodipino

        25 Ottobre 2014 - 19:07

        Scusi ma di che parla? Cosa vuol dire " che per fare certe cose occorre il placet degli amici degli amici? Forse che Berlusconi per scegliere il suo successore doveva chiedere il permesso a Dell'Utri e che quest'ultimo non glielo ha dato ? Lei più che decoccio mi sembra " de sola "

        Report

        Rispondi

        • bruscoloni

          bruscoloni

          26 Ottobre 2014 - 14:02

          De sola? Ma che inventa? No, guardi lei non è pinodecoccio: lei è tuttodecoccio

          Report

          Rispondi

    • vpmiit

      25 Ottobre 2014 - 14:02

      Che poi deve averlo copiato abbastanza male. Il povero new trota e' stato trombato alla grande alle ultime comunali !!!!!

      Report

      Rispondi

blog