Cerca

Nuovi maialini

Legge elettorale: metà del Parlamento sarà fatto di "nominati"

1
Legge elettorale: metà del Parlamento sarà fatto di "nominati"

Da un parlamento di nominati, quello eletto con il "Porcellum" a un Parlamento di "mezzi nominati". E' questo lo scenario post-voto se si andasse alle urne col sistema che a spanne è stato definito ieri, mercoledì 12 novembre, dopo l'ultimo incontro tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi, che prevede un premio di maggioranza alla lista che raggiunge il 40% e elezione automatica dei capilista in 100 collegi. A ricostruirlo, partendo dai consensi raccolti dai partiti secondo i più recenti sondaggi, è il sito di news huffingtonpost.it.

I calcoli - Partendo da uno scenario con il Pd al 40 per cento, M5S al 20 per cento, Forza Italia al 15 per cento, la Lega all’8 per cento, Fdi e Ncd al 3 per cento e la sinistra al 5 per cento, la situazione è tale per cui il partito di Matteo Renzi avrà 100 parlamentari scelti con le liste bloccate cui si aggiungono 240 eletti con le preferenze. L'M5S avrà 100 “bloccati” più 2 eletti con le preferenze, Forza Italia avrà 78 bloccati e la Lega ne otterrà 42 , FdI e Ncd avranno rispettivamente 15 parlamentari eletti perché scelti dal partito e non dai cittadini . La Sinistra, se si attesta sul 5 per cento, avrà 25 bloccati. La somma porta ad un totale di 375 parlamentari scelti dai partiti, pari al 60,8 per cento e 242 scelti con le preferenze e pari al 39,2 per cento. È chiaro che molto dipenderà da come verranno disegnati i collegi. Ma appare comunque più che fondata l'ipotesi che oltre metà del nuovo Parlamento sfugga ancora alla scelta degli elettori.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    13 Novembre 2014 - 20:08

    e, secondo la Corte costituzionale, i nominati sono ILLEGITTIMI! Quindi oltre mezzo parlamento è incostituzionale! Sono solo mariuoli!

    Report

    Rispondi

media