Cerca

Grandi manovre

Toto-Colle: Padoan in corsa per il dopo-Napolitano

Con le dimissioni ormai in dirittura d’arrivo di Giorgio Napolitano, si infiamma il Toto-Colle.  Una parte del Pd punta su Romano Prodi, nonostante la bocciatura del 2013 causata dai famosi 101 dissidenti e l’incontro a Palazzo Chigi con Matteo Renzi potrebbe lasciar presagire un suo inserimento nella "rosa" proposta dal partito di maggioranza. Il professore potrebbe essere un nome gradito anche al M5S ma potrebbe creare malumori in Forza Italia. 

I nomi - Ma allargando lo sguardo ci sono altri nomi di peso che sono entrati prepotentemente nella corsa per il Colle. Uno lo ha fatto proprio Giorgio Napolitano. Le lodi che il Capo dello Stato ha fatto al ministro Pier Carlo Padoan, sono state lette come un'indicazione di voto: "Molto hanno contato (in Europa, ndr) il valore e l'affidabilità che si riconoscono al ministro Padoan". Quasi un vero e proprio endorsement. Ad ascoltare il Presidente ieri c'erano tutte le massime cariche dello Stato. Tra loro potrebbe esserci il futuro inquilino del Colle. Tra i papabili ci sono il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro della Difesa Roberta Pinotti e quello degli Esteri Paolo Gentiloni. Nel salone delle feste del Quirinale si sono visti anche Bersani, D'Alema e Amato, il cui nome era stato proposto da Silvio Berlusconi.

La Severino - Il Fatto quotidiano va oltre e propone un nome "bipartisan" che potrebbe piacere a buona parte dei democratici e non dispiacere a Berlusconi: l'ex ministro della Giustizia Paola Severino. Secondo quanto viene riferito da fonti parlamentari Berlusconi avrebbe detto ai senatori azzurri: sulla successione al presidente della Repubblica abbiamo la parola che saremo coinvolti. Insomma Renzi non sceglierà il Capo dello Stato da solo. Per farlo ha bisogno di Berlusconi e dei voti dei forzisti. Una condizione vincolante che se non rispettata potrebbe compromettere la tenuta del patto del Nazareno. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierino spinoglio

    03 Gennaio 2015 - 11:11

    A cosa serve un presidente d'Italia? 1 A dire delle stronzate 2 A fare delle stronzate 3 A fare lo stronzo Pier.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    29 Dicembre 2014 - 10:10

    l'uomo delle tasse NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

    Report

    Rispondi

  • ryckard56

    19 Dicembre 2014 - 09:09

    state sereni sostituiranno un pezzo di merda con un altro pezzo di merda! i politici italiani sono tanti rieccoli li trovi un po' li e un po la,per non vederli piu' devono crepare, ma non crepano mai.forse si dovrebbero fucilare!

    Report

    Rispondi

    • pierino spinoglio

      03 Gennaio 2015 - 12:12

      Bravo ryckard56 hai scritto molto più chiaro di quello che pensavo di dire io. Pier.

      Report

      Rispondi

    • pierino spinoglio

      03 Gennaio 2015 - 11:11

      Sono pienamente d'accordo con quanto hai detto anche a pensarci molto bene non avrei trovato di meglio da dire. Pier.

      Report

      Rispondi

  • ramadan

    18 Dicembre 2014 - 16:04

    come mai nessuno fa il nome della bonino ? è al di sopra delle parti, è conosciuta e stimata a livello internazionale, ha preso parte a battaglie epocali, come divorzio e aborto, contribuendo a portare l'italia alla altezza delle altre nazioni civili, non ha mai rubato. cos'altro potremmo pretendere dal presidente di tutti gli italiani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog