Cerca

Precedente imbarazzante

Gli onorevoli di Scelta civica vanno nel Pd. Quando Renzi se la prendeva con i "trasformisti"

Gli onorevoli di Scelta civica vanno nel Pd. Quando Renzi se la prendeva con i "trasformisti"

Dopo Migliore da Sel, dopo i grillini dissidenti, ora il Pd e Matteo Renzi fanno campagna acquisti anche tra gli onorevoli di Scelta civica. Non chiamateli "Scilipoti della sinistra", però, perché al Nazareno si arrabbiano: i dem preferiscono parlare di "allargamento di fronte" o "aperture al processo riformista". Vietato anche tirare in ballo questioni banali di "poltrone", per dirla alla Antonio Razzi. E dire che una volta, prima di diventare premier, anche Renzi si scagliava pubblicamente contro i trasformisti.





Quel video imbarazzante...
Qui era a Porta a porta, ospite di Bruno Vespa, e tuonava contro le cattive abitudini della politica italiana: "Non si sta nel Parlamento con i voti presi dal Pd per andare contro il Pd. E' l'ora di finirla con chi viene eletto con i voti di qualcuno e poi passa di là... Vale per tutti, a destra e a sinistra. Se io prendo e decido di mollare con i miei, è legittimo farlo. Però allora devo anche avere il coraggio di avere rispetto per chi mi ha votato". Parole che stonano con le braccia allargate con cui sta accogliendo gli ex montiani. D'altronde, il doppiopesismo nel Pd non è limitato al leader. Ricordate cosa dicevano quando Sergio Cofferati aveva deciso di mollare il Pd per protesta contro lo scandalo delle primarie in Liguria? "Adesso lasci la sua poltrona all'Europarlamento"...

Matteo contro i "responsabili" -  D'altronde, specie quando al governo c'erano Pdl e Silvio Berlusconi, dalla sinistra i toni erano decisamente più aspri di adesso. "Se uno smette di credere in un progetto politico non deve certo essere costretto con la catena a stare in un partito - diceva lo stesso Renzi nel febbraio 2011, a proposito di Scilipoti & co -, ma questa gente, quando se ne va, deve fare il favore anche di lasciare il seggiolino". E il premier spesso ha fatto campagna elettorale sfruttando a proprio vantaggio l'effetto Scilipoti: "Riappropriatevi della politica - arringava la folla a Novara, in un comizio nell'ottobre 2012 -. Non lasciatela nelle mani dei vari Scilipoti. Noi potremo perdere le primarie, ma non perderemo la faccia". Idem a Cagliari, qualche tempo dopo: "Non lasceremo la politica ai Batman e agli Scilipoti di turno". Altri tempi: oggi i "traditori del popolo" sono diventati, parola di Debora Serracchiani, "persone responsabili verso l'Italia". Hanno cambiato verso anche loro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pastello

    07 Febbraio 2015 - 15:03

    Pertini sosteneva che una cattiva democrazia era meglio di una buona dittatura. Forse si sbagliava.

    Report

    Rispondi

  • gianc46

    gianc46

    07 Febbraio 2015 - 15:03

    Ora chi cambia casacca non è più un traditore ma un responsabile!Lo dice Renzi,ma basta sentire cosa diceva ,meno di un anno fa ,e si può giudicare! Renzi si sta costruendo "un regime" e molti italiani non se ne accorgono!Vorrà dire che nella storia" il fascismo "verrà sostituito con la parola " renzismo " ! sostituto con il "renzismo "!

    Report

    Rispondi

  • filder

    07 Febbraio 2015 - 09:09

    Chi di spada ferisce di spada perisce e non mi meraviglierei se un giorno il pifferaio dal voltafaccia opportunista verrebbe asfaltato dai stessi che lui a sua volta voleva rottamare e che ancora tutt'oggi siedono prendendo posto nella stessa barca.

    Report

    Rispondi

  • encol

    07 Febbraio 2015 - 09:09

    Un partito o una accozzaglia di fannulloni buoni a nulla che fuori dal palazzo finirebbero sotto i ponti ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog