Cerca

L'intervista

Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni: "Alle Regionali Berlusconi e Forza Italia giocano a perdere. Ecco cosa faremo noi"

Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni: "Alle Regionali Berlusconi e Forza Italia giocano a perdere. Ecco cosa faremo noi"

"Berlusconi gioca a perdere, noi per vincere". E' durissima Giorgia Meloni nella sua intervista sul Corriere della Sera. La leader di Fratelli d'Italia si difende dopo la decisione di non appoggiare la sua esponente Adriana Poli Bortone alle regionali  in Puglia, scelta come candidata da Forza Italia, confermando invece il sostegno a Francesco Schittulli, uomo di Raffaele Fitto. Una scelta che ha provocato la reazione veemente del Cavaliere. "A Berlusconi non interessa più vincere - spiega la Meloni -, non vuole battere Renzi, il renzismo gli piace. Noi invece vogliamo mandare a casa questo governo". Sui candidati in Puglia è netta: "Schittulli lo avevamo proposto per primi e tutto il centrodestra era d'accordo, poi Berlusconi ha litigato con Fitto e si è spostato sulla Poli Bortone a cui dico di non prestarsi a questa operazione strumentale che ha lo scopo di saldare i conti interni a Forza Italia. Non tradisca il suo partito". 

Alleanze e candidati: la strategia di FdI - Nel tetris delle alleanze, ora Fratelli d'Italia si trova insieme a Ncd in Puglia, quello stesso Ncd alleato di Forza Italia in Campania, Lombardia e Umbria. "C'è poca differenza tra loro e Forza Italia che stava al governo con Monti, Letta e che con Renzi stringe improbabili patti. I rapporti con la Lega restano inalterati", assicura la Meloni, secondo cui la linea strategica di Fratelli d'Italia sarà quella di "decidere in base alla possibilità di battere la sinistra". E così, in Toscana largo a "un nostro candidato di rottura, Giovanni Donzelli, contro il renzismo dilagante. Poi valuteremo se ci sarà un nome più competitivo". In Veneto e in Campania sarà invece fronte comune con Forza Italia dietro i governatori uscenti Luca Zaia e Stefano Caldoro. Nelle Marche Forza Italia appoggia Gian Mario Spacca: "E' del Pd, fanno una capriola incredibile - attacca la leader di FdI -. Per noi è impossibile allinearci, presenteremo il nostro candidato e vedremo se ci saranno altre convergenze". E in Liguria? "Siamo perplessi sulla modalità con la quale Forza Italia ha scelto Giovanni Toti. Vedremo...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 1robinhood2

    06 Maggio 2015 - 17:05

    A mio parere per risolvere i problemi delll'Italia occorre mandar via la sinistra . dal governo

    Report

    Rispondi

  • 1robinhood2

    06 Maggio 2015 - 17:05

    Questo governo non si smentisce mai e dimostra di essere iniquo anche nella vicenda delle pensioni, dopo gli 80 euro concessi solo ad una parte dei contribenti : in effetti la sentenza della Corte Costituzionale fa presente il diritto dei pensionati ad avere l'aggiornamento della pensione al costo della vita e cio' deve valere per tutti o per nessuno .

    Report

    Rispondi

  • burbero2

    17 Aprile 2015 - 11:11

    Cara Meloni Berlusconi non ha litigato con fitto. Invece è il contrario, perché fitto vuole fare quello che hai fatto tu qualche anno addietro . Pertanto non è Berlusconi che gioca a far perdere il centro destra , bensì siete voi due, ingrati, ambiziosi senza meriti e per giunta doppi traditori. Gli italiani vi hanno votato come rappresentanti di centro destra non per far vincere la sinistra.

    Report

    Rispondi

  • mariaester

    16 Aprile 2015 - 09:09

    Premesso che x Berlusconi ho comunque una grande stima , ma attualmente non si capisce assolutamente dove voglia andare a parare .Mi spiace moltissimo , ma temo che Forza Italia diventerà un partito minimo . Almeno spieghi qual è il suo vero obiettivo , se lo ha.

    Report

    Rispondi

    • LIBEROSTATO

      16 Aprile 2015 - 10:10

      La geriatria (dal greco γέρων, "vecchio, anziano" e ἰατρεία, "cura") è una disciplina medica che studia le malattie che si verificano nell'anziano[1] e le loro conseguenze disabilitanti, con l'obiettivo fondamentale di ritardare il declino funzionale e mentale, mantenendo al contempo l'autosufficienza e la miglior qualità di vita possibile.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog