Cerca

Sussurri

I nomi della squadra di Della Valle: una (clamorosa) sorpresa femminile

Diego Della Valle

Scalda i motori, Diego Della Valle, pronto al suo ingresso in politica con l'associazione-movimento Noi Italiani, per la quale è già stata trovata la sede a Milano. Nel mirino c'è Matteo Renzi, bersaglio prediletto di mister Tod's. Si attende dunque il convegno dei Giovani di Confindustria che si terrà a Capri, dove Della Valle interverrà e dove, s'ipotizza, potrebbe scagliarsi contro il premier proprio come si scagliò contro Silvio Berlusconi nel 2006, nel celebre e infuocato intervento a Vicenza. Ora, però, i tempi sono cambiati, tanto che il patron della Fiorentina si è significativamente riavvicinato al Cavaliere, con il quale condivide la lotta contro l'inquilino di Palazzo Chigi e contro il (teorico) Partito della Nazione.

Fuori i nomi - A Capri, oltre che un attacco contro Renzi, Della Valle potrebbe anche svelare alcuni dei nomi del suo nuovo progetto politico. Nel frattempo circolano dei nomi, alcuni dei quali vengono anticipati da Affaritaliani.it. Molti industriali, alcuni volti nuovi e, si sussurra, anche una big della politica attuale. Tra i nomi che circolano, va da sé, quello di Luca Cordero di Montezemolo, da tempo molto vicino a Della Valle. Quindi Luigi Abete e Claudio Malagò. A questi si potrebbero aggiungere tutti gli industriali che, oggi, non vedono più in Berlusconi la loro guida. E tra questi nomi, a metà tra politica e industria, secondo Affaritaliani.it anche uno clamoroso: quello di Daniela Santanchè, che potrebbe sposare il progetto di mister Tod's, o quantomeno essere il trait d'union tra Forza Italia e Noi italiani. Ultimo nome snocciolato è quello di Santo Versace. Per ora, solo indiscrezioni. A breve si attendono le conferme ufficiali, quelle del diretto interessato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    16 Ottobre 2015 - 22:10

    La Santanché passa da Sallusti a Della Valle? Minkia che successo

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    16 Ottobre 2015 - 18:06

    ormai è dimostrato, gli industriali in Italia per avere successo devono allearsi con i politici corrotti o con la mafia. Berlusconi e company insegnano. Peccato che dall'altro lato non c'è di meglio.

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    16 Ottobre 2015 - 17:05

    forse abbiamo bisogno d'altro.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    16 Ottobre 2015 - 16:04

    Sembra una squadra studiata apposta per far fiasco.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog