Cerca

Di Mario Giordano

Matteo Renzi in Sudamerica: legge fumetti e pensa a Denis Verdini

Mario Giordano e Matteo Renzi

«Ce l’ho fatta. Sei davvero qui. Un astronauta». «Non mi riconosci?». «Cosa? No. Cos’è questa?». «Quella è una catena. Non tirare». «Porca troia». Se vi chiedete che cosa stia pensando in questo momento il presidente del Consiglio, ecco qui: sta pensando esattamente questo: «Edificio 52. Che cazzo ci faccio qui?». «Sei qui perché ti ci ho portato io». Come facciamo a sapere che Renzi pensa davvero questo? Semplice ce lo ha detto lui. Quello che avete appena letto, infatti, è l’inizio di “I vostri padri dove sono? E i profeti, vivono forse per sempre?” dello scrittore americano Dave Eggers, uno degli 8 romanzi che il premier ha voluto in valigia per il suo viaggio in Sudamerica. In questi giorni, dunque, lo leggerà con tanta passione: ci ha tenuto a farcelo sapere, con un apposito tweet del portavoce Filippo Sensi. «Tornerò quando avrai finito», prosegue il romanzo di Eggers. «Hai finito». «Vaffanculo». La prosa non è troppo elegante, si capisce. Ma per allenarsi al prossimo incontro con la minoranza Pd potrebbe essere perfetto.

Quando si dice pensare sempre alla propria formazione politica. Degli altri 7 titoli portati nel viaggio, infatti, uno sembra particolarmente indicato per approfondire i rapporti della maggioranza con Denis Verdini: è il romanzo di Marco Balzano intitolato “L’ultimo arrivato”. Un altro, invece, sembra fatto apposta per provare a disegnare il futuro del sindaco Marino: si tratta di “Solo bagaglio a mano” di Gabriele Romagnoli. Come a dire: bisogna fare le valigie in fretta. Il dubbio è: sarà chiaro il messaggio? Per altro il premier forse non sa ancora che il libello di Romagnoli si apre con il racconto di un falso funerale: l’autore viene messo nella cassa da morto per finta, poi tirano su il coperchio della bara e lui ritorna come prima. Non è un bel presagio per Matteuccio: e se dovesse finire così anche il funerale (politico) al sindaco di Roma?

Renzi, però, non pare essere preoccupato. Legge e vola, vola e legge. Romanzi. Storie. Racconti di fantasia. Che ci volete fare? Cuor contento il ciel l’aiuta. A Roma c’è una finanziaria che è un cantiere aperto, le tasse sulla casa compaiono e scompaiono, le Regioni sono imbestialite per i tagli alla sanità, l’emergenza profughi è tutt’altro che finita, l’Europa se ne fotte di prendersi i 40 mila immigrati promessi, i clandestini vanno in giro indisturbati a rubare nelle case degli anziani, le mazzette (pardon: ciliegie) girano vorticosamente negli uffici pubblici, l’Anas è corrotta e le strade crollano, l’assenteismo dilaga, gli scontrini sono letali al Campidoglio e fra i suoi sottosegretari. E lui che fa? Legge i fumetti. Proprio così: fra i libri in valigia ci sono anche fumetti di Zerocalcare, quello che scrive cose memorabili come «perché porcoddue è sempre la stessa cosa» o «ma non ti ricordi porcoddue?», quello che racconta le avventure di “Sailor Uranus icona lesbica della nostra infanzia” e pubblica le indimenticabili raccolte “Un polpo alla gola” e la “Profezia dell’armadillo”. Ora è in libreria con “L’elenco telefonico degli accolli”: Renzi, probabilmente, deve averlo confuso con la lista dei parlamentari Ncd.

Dunque ricapitoliamo: Renzi ha preso con sé il romanzo americano con le parolacce, il bagaglio di Romagnoli, l’ultimo arrivato di Balzano e i fumetti legati all’hardcore punk in stile armadillo. Fanno quattro. E gli altri quattro libri? Due sono di scrittori internazionali, Martin Amis (“La zona di interesse”) e Herta Muller (“La mia vita nell’inferno di Ceausescu”). Gli altri sono presi direttamente da quello scaffale in libreria in cui ci sono i libri in testa alle classifiche: Nicolò Ammaniti, con il suo ultimo “Anna”, e “Ognuno potrebbe” di Michele Serra. Perfetto, no? Ci mancano solo le “Ricette in famiglia” di Benedetta Parodi, un tomo di Andrea Camilleri, Geronimo Stilton e l’Almanacco di Antonella Clerici, e poi la top ten di Tuttolibri sarebbe completa. Del resto, si sa, a Renzi piace stare solo con chi vince.

Trattandosi di letture, però, e non di partite alla playstation, qualche dubbio resta. Davvero quello che serve al premier, in questo momento, è informarsi sulle avventure di Anna nel mondo del day after descritto da Ammanniti? Davvero gli servono i fumetti “porcoddue” di Zerocalcare? O i racconti di viaggio di Romagnoli? Distendere i nervi e rilassarsi, va bene, ma viste le lacune mostrate recentemente dal premier in fatto di economia, in mezzo a otto libri non poteva metterci anche qualcos’altro? Magari un manualetto fiscale? Una piccola guida pratica per non inciampare su Imu e Tasi? Un bignami della politica tributaria? Un vademecum della scienza economica? Così, tanto per imparare qualcosa della realtà. Altrimenti, se ostenta in modo tanto orgoglioso la lettura esclusiva di romanzi e fumetti, a qualcuno potrebbe venire il sospetto che voglia imparare solo come si raccontano storie inventate. Come se, nel genere, non fosse già bravo abbastanza.

di Mario Giordano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MIMABEL

    26 Ottobre 2015 - 17:05

    Giordano un uomo o una donna? Un alieno? Uno scrittore di min...ate. Un lecchino.

    Report

    Rispondi

  • marcello.sciarretta

    26 Ottobre 2015 - 09:09

    Renzi legge i libri. Berlusconi, il nuovo Cristo Martire, passava il tempo nella liturgia del Troianesimo elevato a Religione di Stato. Ci parli un poco di questo.. La riforma elettorale, quella dell'articolo 18, l'abolizione dell'IMU ( di cui parlava il suo Cristo Martire ) sono sotto gli occhi di tutti. Legga.

    Report

    Rispondi

  • micael44

    25 Ottobre 2015 - 17:05

    Giordano, sei un grande!

    Report

    Rispondi

    • selenikos

      26 Ottobre 2015 - 09:09

      a micael44......completo il tuo post: Giordano, sei un grande....buffone

      Report

      Rispondi

  • gnova

    25 Ottobre 2015 - 16:04

    Giordano, elencando tutti gli annosi problemi d'Italia che restano in sospeso mentre il PdC è in viaggio, attribuisce a Renzi molto più potere di quello che realmente ha: infatti, buona parte del'operato di Renzi è imposto da chi gli vota le leggi al senato o da certe lobby pronte ad affondarlo al primo accenno di ribellione. Fosse solo per lui farebbe meglio... o peggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog