Cerca

La Cosa Rossa

Nasce Sinistra Italiana, Fassina: "Renzi fa il gioco della destra". D'Attorre: "Almeno altri 10 parlamentari Pd verranno con noi"

Nasce Sinistra Italiana, Fassina:

"Ci hanno detto Così fate il gioco della destra. No il gioco della destra lo fa chi fa la destra. Con il jobs act, la scuola, la Rai, l'Italicum, con una visione del Senato e con la Rai. Noi siamo Sinistra Italiana". I fuoriusciti del Pd Stefano Fassina e Alfredo D'Attorre (in attesa di capire cosa farà Pippo Civati) lanciano così la nuova "Cosa rossa", un misto di Sel e dissidenti piddini anti-renziani che rischia, a livello elettorale, di ottenere lo stesso risultato della Lista Tsipras alle europee 2014: poco o nulla.

"Renzi cancella la sinistra" - Al Teatro Quirino va in scena la presentazione del progetto alternativo al Pd, tra veleni, rivendicazioni di campo e ideologia e qualche ospite bizzarro (cosa ci fa lì il repubblicano ed ex berlusconiano Giorgio La Malfa, per esempio?). Nei giorni scorsi anche l'ex segretario del Pd Pierluigi Bersani, pur critico contro Renzi, aveva sottolineato che è sbagliato andarsene da Pd e che senza il Partito Democratico non c'è il centrosinistra. I leader di questa Sinistra italiana, ovviamente, non la pensano così: "Comprendo il tormento e il dolore di Pierluigi, ma le cose giuste che lui dice nel Pd oggi sono impossibili", spiega Alfredo D'Attorre. "Sta nascendo qualcosa di nuovo, c'è una nuova sigla ma soprattutto inizia un cammino, la costruzione della Sinistra". "Non ci vogliamo rassegnare al fatto che l'Italia sia l'unico Paese in Europa in cui la sinistra viene cancellata. Noi vogliamo costruire una realtà politica vera, costruire un partito". "Oggi da un lato la sinistra sembra fuori gioco e dall'altro le trasformazioni del capitalismo ci dicono quanto bisogno c'è di sinistra".

"In fuga dal Pd" - "Se vogliamo evitare che il nostro popolo guardi al Movimento 5 Stelle - aggiunge D'Attorre - abbiamo il
dovere di ricostruire la sinistra", ed evitare "i tentativi in atto di cancellarla nel Paese". Nomina Grillo, l'ex deputato dem, ma l'avversario vero è il suo ex partito. "Vedo qui oggi tanti iscritti al Pd, sarà sempre più così, perché la battaglia nel partito a causa della radicalità della deriva renziana non è più possibile". "C'è almeno una decina di parlamentari del Pd che si sta interrogando - rivela poi -. Li ho sentiti, c'è una riflessione ancora in corso. Immagino ci siano in futuro altre adesioni. Soprattutto nei territori". Il richiamo è a un simbolo storico del comunismo italiano: "Onesta, sobrietà, trasparenza, non a
chiacchiere ma con testimonianza di vita. Per noi Berlinguer non è un pezzo museale ma eredità vivente". E anche "generosità: basta liberismi e individualismi. Abbiamo un'altra idea della politica, siamo una squadra e una comunità. Prima viene il progetto e poi le ambizioni individuali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquino del3mi

    07 Novembre 2015 - 22:10

    Ma che bisogna fare per mandare a casa tutta questa banda di, tarati mentali, il Pd ne crea tutti giorni, spero che la gente inizi a prenderli a calci, altro che stipendi benefici per non fare un bene amato C..... oltre che aver rovinato questo paese

    Report

    Rispondi

  • patriota_destra

    patriota_destra

    07 Novembre 2015 - 22:10

    raba da 2% di elettori = aria fritta=s.e.l = plasticità comunista

    Report

    Rispondi

  • pierinod

    07 Novembre 2015 - 15:03

    Eccoli qua ! Questi sono i rappresentanti del paleolitico che periodicamente escono dalle caverne per riempire la testa della gente con un mucchio di fandonie sconclusionate ed utopiche che hanno portato al bel risultato di creare otto milioni di italiani con un reddito sotto la soglia di povertà o con pensioni da fame ! Questa non è la nuova Sinistra Italiana, questi sono i Soliti Idioti !!!

    Report

    Rispondi

blog