Cerca

Fronti trasversali

Effetto Le Pen sul centrodestra italiano: moderati contro falchi dentro Lega Nord e Forza Italia, i nomi

Effetto Le Pen sul centrodestra italiano: moderati contro falchi dentro Lega Nord e Forza Italia, i nomi

C'è confusione sotto il cielo del centrodestra. Tutta colpa di Marine Le Pen, la cui presenza a Milano ha sconvolto gli schieramenti mescolando le carte. La leader del Front National, ormai ex estrema destra francese ma più semplicemente aspirante forza di governo, ha esercitato un'attrazione trasversale tra gli esponenti di Lega Nord e Forza Italia, come il pranzo a casa di Daniela Santanchè (con Matteo Salvini e Giorgia Meloni) testimonia. Ma lo scenario è complesso, perché gli uomini più vicini a Silvio Berlusconi continuano a temere una deriva a destra che lasci per strada i voti, decisivi, dei moderati.

Il rebus Circo Massimo - Lo stesso Family Day a Roma ha ulteriormente complicato le cose, tra chi non c'era (dentro Forza Italia, Mara Carfagna e Nunzia De Girolamo, oltre al Cav; nella Lega il divorziato Salvini ha evitato di presenziare) e chi c'era (Brunetta e Gasparri, il più combattivo, e poi Meloni protagonista assoluta). A Roma c'erano, in veste istituzionale, anche i governatori di Liguria Giovanni Toti (Forza Italia) e Lombardia Roberto Maroni (Lega), mentre quello del Veneto Luca Zaia (leghista) ha mandato una delegazione. 

I fronti trasversali - Dalla Le Pen al Family Day, Forza Italia rischia di dividersi su molti punti. Da un lato, come ricorda anche il Corriere della Sera, ci sono i moderati che vorrebbero ricucire con Ncd (Toti, Paolo Romani e Mariastella Gelmini), dall'altro i "lepenisti" alla Santanchè. E pure la Lega vive nell'eterna disputa trai falchi (Salvini) e le colombe (Maroni), con sullo sfondo i candidati sindaco che vorrebbe Berlusconi ma a cui il segretario della Lega ha detto no.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    31 Gennaio 2016 - 20:08

    è Berlusconi che mette in crisi i moderati, chissà se si è accorto il Cavaliere azzurro, come se si è accorto che la gente non ne può più di un governo abusivo, di un Presedente della Repubblica abusivo. Berlusconi se vuole che FI sopravviva si affidi a Salvini, tanto pure i moderati voteranno in gran parte la Lega, Silvio se ne faccia una ragione.

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    31 Gennaio 2016 - 17:05

    Più che preoccuparsi di ricucire con i rappresentanti di NCD, Forza Italia dovrebbe avere ed esprimere (se capace) idee aggreganti. Perché, alla fine, al voto andranno gli elettori. A meno che non si sia convinti che i rappresentanti politici di NCD detengano e condizionino i voti che li hanno eletti in FI. Ma questa potrebbe essere una visione un po' camorrista o, forse, vera?

    Report

    Rispondi

  • mauro iacomelli

    31 Gennaio 2016 - 16:04

    forza pitonessa detta danielo garnero avanti così ... e matteo da rignano con la maria elena in compagnia di beppe il grillo ringraziano per i voti che gratuitamente e stupidamente questa serpente pitonata sta donando con le sue apparizioni. Gia molti anni fa un SERPENTE rovinò l'Umanità ora questa rovina Forza Italia, e tutto il CD. ... Forza ITALIA 1994 !!! ... questa stava con il MSI !!!

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    31 Gennaio 2016 - 16:04

    Mettetevi l'anima in pace, il centro destra è solo la Lega e Salvini e raccoglierà anche i voti dei moderati, l'importante è votare.

    Report

    Rispondi

    • demaso

      31 Gennaio 2016 - 20:08

      miraldo forse hai le idee un pò confuse, il centro destra non è un partito del 10 o 15% ma tutti quelli che si definiscono tali per salvare il lavoro e la vita degli italiani e non dei bergamaschi o dei veneti. E poi non mi sembra che durante l'ultimo comizio della lega si sia vista una bandiera italiana che riunisce tutti gli italiani, ed infine, la parola prima il nord deve essere cancellata!

      Report

      Rispondi