Cerca

L'ora della verità

Elezioni 2013, ecco gli exit poll

I primi dati, gli instant pool. Al Senato il centrosinistra con 169 rappresentanti, ma in Lombardia è testa a testa

Elezioni 2013, ecco gli exit poll

Urne chiuse, è il momento della verità. Pd e Sel in vantaggio, Pdl secondo partito, Grillo boom e Monti flop. I primi risultati sono gli instant pool di SkyTg24 e la fotografia del voto è piuttosto caotica. Tra qualche ora arriveranno la prima proiezione del Senato e di seguito quella della Camera. Ecco come sono andate le cose analizzando le interviste post voto all'uscita dal seggio. Per le coalizioni i risultati dicono che Pd e Sel, alla Camera, sono a quota 34,5%, Pdl a 29, Grillo a 19, Monti a 9,5. Stando così le cose, a Montecitorio il centrosinistra conterebbe su 340 deputati contro i 140 di Pdl e Lega, i 91 di Grillo e i 46 di Monti.




Il verdetto al Senato
 - Al Senato: Pd e Sel al 37%, e se come sembra il centrosinistra sarà davanti in Lombardia i suoi rappresentanti a Palazzo Madama potrebbero essere 169 (158 rappresentanti è il numero minimo per la governabilità). Pdl e Lega sarebbero al 31%, mentre il Movimento 5 Stelle si fermerebbe al 16,5%. Mario Monti, Fini e Casini sono un pelo sopra la soglia dello sbarramento (8%), con un misero 9 per cento. Non ce la fa, come prevedibile, Rivoluzione Civile di Ingroia: 3 per cento.


Lo speciale di Libero - Lo spoglio in diretta su Liberoquotidiano - Durante la giornata e durante tutta la serata potrai seguire i risultati live, minuto per minuto sul nostro sito cliccando sullo
Speciale Elezioni Politiche2013. Lì verrranno aggiornati i dati costantemente grazie ai dati ufficiali che arrivano dal Viminale. Ricordiamo inoltre che lo spoglio per elezioni regionali comincerà domani. 


L'affluenza 
- I dati sull'affluenza, complici le intemperie (e l'antipolitica dilagante) segnano un calo dei votanti: il 55,17% degli aventi diritto contro il 62,55% del 2008 (- 7,38%). In controtendenza, invece, il dato per quel che concerne le regionali: l'affluenza è stata del 55,7% contro il 46,86% della precedente tornata elettorale. Nel dettaglio, in Lombardia alle 19 aveva votato il 51,23% degli aventi diritto (rispetto al 37,61 della precedente tornata). In Lazio forte aumento: affluenza al 45,48% rispetto al 33,74% precedente. Infine il Molise, dove l'affluenza si aggira al 29,20%, rispetto al 27,09% della precedente tornata. 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • coruncanio

    26 Febbraio 2013 - 22:10

    della trambata beccata da Fini, Bocchino, Granata ed altri della loro specie, ho avuto un orgasmo che, alla mia età, non avevo da tempo. Grazie a questi figuri per avermi dato questa inattesa soddisfazione.

    Report

    Rispondi

  • marco gladiatore

    26 Febbraio 2013 - 17:05

    Bene Berlusconi, bene la sconfitta di bersani ma soprattutto grande soddisfazione per: FINI fuori dai coglioni , CASINI resta solo se ripescato, vergogna, mi dimetterei fossi lui (ma lui non è me) fuori DI PIETRO , Pannella , Bonino, e pure il traditore col loden ritorna un modesto professore di questa minchia ... Insomma NON È ANDATA MALE

    Report

    Rispondi

  • liberoblog

    25 Febbraio 2013 - 19:07

    speriamo che alla fine FLI e UDC spariscano definitivamente, quindi Monti sotto il 10%. E se se ne va anche quel giuda robotizzato tanto meglio.

    Report

    Rispondi

  • mina2612

    25 Febbraio 2013 - 17:05

    Bersani insiste di voler supertassare i proprietari dei grandi immobilì e, come gli ha fatto notare il direttore Belpietro, è lo 0,22%, ossia un nessuno! Ma per Bersani l'importante è mandare a gambe all'aria Berlusconi con tutte le sue attività e i suoi 150 mila che sfama...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog