Cerca

Il Pd prende tempo

Bersani: "Governo di cambiamento". Alleanze: più Grillo che Berlusconi

Bersani: "Governo di cambiamento". Alleanze: più Grillo che Berlusconi

"No al governissimo". Insomma, più Grillo che Berlusconi. Pierluigi Bersani parla per la prima volta pubblicamente dopo il flop delle elezioni politiche e, senza dirlo chiaramente, apre le porte a un possibile governo "allargato". con il Movimento 5 Stelle, certo, ma pure al Pdl. Peccato che un paio d'ore dopo arrivi il no convinto del segretario azzurro Angelino Alfano.


"Siamo delusi" - "N
on ci sfugge la drammaticità della situazione", è il primo messaggio lanciato dal segretario del Partito democratico, che parla del "distacco, disaffezione e rifiuto" che hanno portato al successo del Movimento 5 Stelle. "Ora ribadiamo la volontà di essere utili al nostro paese, abbiamo consegnato da queste elezioni la maggiore responsabilità. Siamo la coalizione maggioritaria per seggi e voti alla Camera e per seggi al Senato: il bicchiere va letto nei due lati, non siamo noi il problema, noi siamo stati un punto di tenuta. Certo, siamo delusi, non abbiamo vinto ma siamo arrivati primi quindi la prima parola tocca a noi".


"Governo di cambiamento" - Messo in chiaro questo, Bersani pensa a un "governo di combattimento e cambiamento", non "di scopo" o "pro tempore". Chiaro, però, che i numeri parlano di una futura sofferenza dell'esecutivo. E quando snocciola i temi da eventuale premier, Bersani lancia l'amo a Grillo: "R
iforma delle isituzioni, nuova legge sui partiti e sul finanziamento, fondi per la ricerca, impegno per una nuova politica europea del lavoro". E poi, a domanda diretta sulle possibili alleanze, diventa esplicito: "Legalità, moralità, sobrietà, pari condizioni del mercato, grandi temi sociali. Chi può rispondere positivamente a questi temi? Non so il Pdl, non so i 5 Stelle. Fin qui hanno detto sempre tutti a casa. Ora dicano cosa vogliono fare per questo paese". Al di là delle schermaglie dialettiche (e degli insulti, mai mancati nell'ultimo mese di campagna elettorale), dunque, Bersani chiama i 5 Stelle. Si attende la risposta. Ma nel frattempo, una replica è arrivata proprio dal Pdl: "Bersani ha svolto un discorso serio, da persona seria, consapevole della difficoltà della situazione, un discorso che interpella tutte le forze politiche rappresentate in Parlamento e che hanno a cuore il futuro dell’Italia", è il commento dell'azzurro Sandro Bondi. Un'apertura presto smontata, come detto da Alfano.

"Non lascio la barca Pd" - In tanti, a sinistra, hanno pensato che con Matteo Renzi vincitore delle primarie dello scorso dicembre la storia sarebbe stata diversa. E altrettanti hanno ipotizzato le dimissioni immediate del segretario Pd. "Non ci ho pensato, non sono uno che abbandona la nave, posso starci da capitano o da mozzo ma non l'abbandono", è la risposta tra il piccato e l'imbarazzato di Bersani, con un'espressione che su Twitter ha già scatenato il sarcasmo dei commentatori, in stile "Bersani nove settimane e un mozzo". In ogni caso, chiude l'abbacchiato Pierluigi, "non vorrei che con questo dibattito si oscurasse un dato più profondo, il problema va visto come tale, c'è una questione europea e un problema di impoverimento che la politica, non solo italiana, non riesce a gestire". E con quel problema, ora, Bersani vorrebbe andare al governo. Per quanti mesi, non si sa.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • teomondo scrofalo

    27 Febbraio 2013 - 14:02

    Io ho visto la conferenza stampa, ma non era per nulla balbettante. Era il solito Bersani, calmo e riflessivo. Ha espresso le proprie opinioni, che non coincidono con quelle di berlusconi (e, quindi, con le vostre)ma tutto ciò non giustifica il dileggio. Non vi dimenticate che sono stati i vostri articoli, che sono anadati ultra petita rispetto agli ordini di berlsuconi, che hanno fatto perdere l'appoggio di Monti (una quarantina di deputati alla destra facevano comodo) e la possibilità di dialogare con Grillo. La prossima volta pensateci bene di insultare sul piano personale i vostri avversari. Ci sieti riuscito con Fini (ma quello puzzava già di cadavere). Questi non sono pane per i vostri denti. Sotto con l'accetta.

    Report

    Rispondi

  • encol

    27 Febbraio 2013 - 11:11

    Perchè a te non sembra che la mega-truffa MPS la stiano "tombizzando" come già fecero per Telekom Serbia, UNIPOL, IRI, Cirio, Bassolino, Penati, Lusi ecc? potrei anche continuare un bel po'- Gli italiani che sono tutt'altro che scemi si ricordano e puntualmente castigano. NON tutti purtroppo-

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    27 Febbraio 2013 - 10:10

    Bersy chiede a Grillo di dire cosa vuole. Va bene essere disinformati, anche se per un aspirante leader è piuttosto grave, ma io mi domando se ci è o se ci fa, perché quello che vuole Grillo lo ha predicato e ripetuto per due mesi in tutte le piazze d'Italia e se non lo avesse sentito, basta che vada sul suo blog e si legge i 13 punti del programma grillesco. Qualcuno dica al Bersani di svegliarsi dal suo torpore e di essere più realista e pragmatico se vuole essere un vero leader.

    Report

    Rispondi

  • Cosean

    27 Febbraio 2013 - 09:09

    Il crollo del PD è dovuto maggiormente proprio per lo scandalo MPS. Di che dimenticatoio stai parlando? Il tuo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog