Cerca

Il Carroccio all'attacco

Salvini contro la Kyenge: "Simbolo di una sinistra buonista"

Il leghista contro l'esponente del Pd: "Faremo opposizione totale al suo ministero". Quindi sulle donne del Pdl: "Ma che c'entrano ad Agricoltura e Sanità?"

Matteo Salvini e Cecilie Kyenge

Matteo Salvini e Cecilie Kyenge

Tra gli arrabbiati dopo la nascita del governo c'è la Lega Nord che subito dopo l'elezione del presidente della Repubblcia si è collocata all'opposizione. Il primo a commentare la lista dei ministri è stato Matteo Salvini, segretario del Carroccio in Lombardia. Nel mirino innanzitutto il primo ministro di colore della storia repubblicana, Cecile Kyenge, a cui a sorpresa è stato affidato il ministero dell'Integrazione. 

"Sinistra buonista" - Salvini ha dichiarato: "Siamo pronti a fare opposizione totale al ministro per l’Integrazione, simbolo di una sinistra buonista e ipocrita, che vorrebbe cancellare il reato di clandestinità e per gli immigrati pensa solo ai diritti e non ai  doveri". Uno dei primi atti annunciati della neo-ministro è, infatti, proprio la cancellazione di questo reato, e i suoi trascorsi nel mondo delle Ong a favore degli immigrati lasciano immaginare una rapida proposta legislativa in tal senso da parte della Kyenge. 

Contro gli azzurri - Ma il dirigente della Lega ne ha anche per il Pdl e, in particolare, Beatrice Lorenzin  e Nunzia De Girolamo, nominate rispettivamente ministro della Salute e delle Politiche Agricole: "Il presidente Letta mi spiega cosa c'entrano le (pur simpatiche) ministre De Girolamo e Lorenzin, con l’Agricoltura e la Salute?", chiede Salvini. "E il sindaco di Padova Zanonato, cosa c'entra con lo Sviluppo? Mi pare un Governo fatto estraendo i numeri al Lotto", ha chiosato. Sono "orgoglioso di una Lega che non prende parte a questi giochini", ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stefano1972

    06 Maggio 2013 - 20:08

    Allora sfatiamo alcuni "luoghi comuni": gli extracomunitari non rubano il lavoro, fanno i lavori che gli italiani non vogliono più fare, facendo molti figli svecchieranno l'Italia che ha troppi vecchi, ci pagheranno le pensioni: se questi "slogan" fossero veri avremmo (salvo rare eccezioni) famiglie numerose con (uno o raram. due)stipendi bassi e welfare da pagare a go-go alla tutta la numer. famiglia. Poi crescendo i figli=altri giovani disoccupati...all'Italia servono invece nuovi denari, nuove imprese, lavoro e non altri in fila al collocamento o con micro-imprese (che poi evadono le tasse come o più degli italiani) o abusivi o fiorai notturni. Poi c'è la delinquenza e il fondamentalismo..ma non ne parlerò

    Report

    Rispondi

  • isabarini

    05 Maggio 2013 - 00:12

    non solo 'buonista', ma che vuole essere gradita e votata dagli stranieri che oramai fanno numero! Per mantenere il potere ci svendono... E' tempo di emigrare noi!!!

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    02 Maggio 2013 - 14:02

    ma rispeditela in congo a pedate... ci mancava solo questa a comandarci di accogliere tutti i pezzenti del globo.

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    01 Maggio 2013 - 16:04

    e il suo le pare un argomento convincente? ma la smetta per favore.....se può farla contenta possiamo parlare dello sterminio della millenaria cultura egizia....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog