Cerca

La promessa di Silvio

Imu, Berlusconi: "Non sosterremo il governo se non verrà abolita"

Silvio Berlusconi

 

"Non potremo essere parte di un Governo che non attuasse le misure sull'Imu. Non potremmo essere parte del Governo nè potremmo sostenerlo dall’esterno. Abbiamo preso questo impegno con i nostri elettori e vorremmo mantenerlo". Parole chiare e limpide, che il Cav ripete ormai da mesi, ma che sembrano lasciare indifferenti i dirigenti del Pd. Le guerre intestine che da tempo lo stanno logorando, infatti, ora rischiano di avere serie ripercussioni sulla tenuta del governo di Enrico Letta (il quale ha precisato: sull'Imu vale quanto ho detto alla Camera).  Alla sinistra non è bastato il triste spettacolo offerto agli italiani negli ultimi due mesi e continua con la guerra per bande. Questo governo, nato su impulso di giorno Napolitano che ha richiamato tutti alla corresponsabilità, rischia di affondare per i loro giochi di potere, fatti sulla pelle degli italiani. 

I frondisti del Pd - Il punto nodale è quello sull'abolizone dell'Imu, unica condizione posta dal Pdl per dare il via ad un governo con il Pd, che a tal proposito ha avuto precise garanzie da Letta, che evidentemente ha sottovalutato la fronda dei suoi: in soli due giorni Rosy Bindi, Dario Franceschini e Graziano Del Rio si sono opposti all'abolizone della tassa sulla casa, nonostante Letta l'avesse dichiarato pubblicamente in aula pochi minuti prima. 

Abolire l'Imu - Ma per il Pdl la questione fiscale è un punto centrale, un punto su cui il Pdl si gioca la credibilità con i propri elettori, a cui Silvio Berlusconi ha promesso non solo di abolirla. Bisogna ricordare che se il Pdl si è imbarcato in questa avventura del governo di larghe in tese lo ha fatto per puro senso di responsabilità. E sini dall'inizio. E questo nonostante in molti, tanti, all'interno del Pdl vedano come fumo negli occhi l'alleanza con la sinistra: da Maurizio Gasparri a Renato Brunetta, da Augusto Minzolini a Carlo Giovanardi. Ma il Cav, sposando il discorso di Napolitano in Parlamento, è riuscito a placare i mal di pancia interni. Ma su un punto non transige: il fisco e in particolare L'Imu sulla prima casa, la cui abolizone era al primo punto nel rpogramma con cui si è rpesentato davanti agli elettori in campagna elettorale.  

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    05 Maggio 2013 - 07:07

    PAROLE SANTE. E COMUNQUE, CARO PRESIDENTE BERLUSCONI, NON CI DELUDERE ANCORA UNA VOLTA. SII FERMO E DECISO O RISCHIERAI DI SFASCIARE IL PDL. L'IMU VA ABOLITO E LA PRIMA CASA DEVE ESSERE "INTOCCABILE E NON IPOTECABILE". QUESTA PROMESSA NON SOLO VA MANTENUTA, MA NON DEVE ESSERE PROCRASTINATA ALLE "CALENDE GRECHE". VA SUBITO ATTUATA PERCHE' QUANDO SI VUOLE VERAMENTE I SOLDI SI TROVANO. IL bidello monti NE E' PRATICISSIMO.

    Report

    Rispondi

  • operalnero

    02 Maggio 2013 - 13:01

    Ma perché,invece che a Berlusconi, non rivolgete le vostre richieste e non elargite consigli al vostro partito?Secondo voi quello dell'IMU non è problema prioritario,ma da qualcosa bisogna pur cominciare. Voi date ascolto alle proposte della binda e siate felici.

    Report

    Rispondi

  • alverman58

    02 Maggio 2013 - 10:10

    Ma il Mago di Oz non aveva proclamato che sarebbe andato di corsa a Berna a firmare un trattato da 4 miliardi di euro con la Svizzera??!! Prelevando dai depositi bancari riconducibili a residenti in Italia? Povera Italia .... credulona ... Meno male che almeno l'Irap è riuscito a togliercela!!...

    Report

    Rispondi

  • ziocosimo

    02 Maggio 2013 - 09:09

    ma ci vuole uno scenziato per far capire a berlusconi che iproblemi non è solamente l'imu?? vuoi capirlo oppure no?? se vuoi altre votazioni falle, oppure affronta i veri problemi che sono tasse ruberie nel pubblico sperpero di danaro publico ed altro ancora, berlusconi ora basta sei sempre il solito testardo basta!!..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog