Cerca

Congresso in autunno

Civati guida la faida Pd
"Se Epifani e Cupierlo segretari
ci facciamo il nostro partito"

Il parlamentare lombardo e i "ribelli" democratici contro la corsa alla segreteria monopolizzata dagli ex-Ds

Pippo Civati

Pippo Civati

La fronda filo-grillina del Pd è in fermento. Dopo la reunion al Teatro Eliseo con Sel e parte del M5s, la corrente guidata da Pippo Civati è pronta allo strappo. L'occasione è quella dell'Assemblema del 7 maggio, quando dovrebbe essere eletto il nuovo reggente del Pd o, molto più probabilmente, il nuovo segretario, con pieni poteri. La corsa, con Matteo Renzi che si è chiamato fuori, è a due: il dalemiano Gianni Cuperlo e il bersaniano Guglielmo Epifani

Il ritorno dei dimissionari - Due esponenti della sinistra ex-diessina, così da bilanciare il potere degli ex-popolari che ora hanno in mano le redini del governo, che però non rappresentano in alcun modo le istanze della fazione guidata da Civati. La cui chiave di lettura della sfida, anzi, è fortemente critica (eufemismo): "I vertici del Pd non cambiano strada. Anzi, vogliono rimanere al vertice del Pd. Semplice, no?", attacca sul suo blog. E ancora: "Come dimissionari, sono parecchio attivi, non trovate? Chi non è andato al governo, di quel gruppo dirigente, si candida a rinnovarsi alla guida del partito. Così facciamo bingo".

La minaccia di scissione -  Un ritorno in campo di quel pezzo di Pd, sostiene Civati, uscito con le ossa rotte dalle elezioni e dal successivo tentativo, miseramente fallito, di agganciare il M5s, culminata nella mancata elezione di Stefano Rodotà al Quirinale. Un analisi come al solito impietosa, quella di Civati, che stavolta però minaccia la scissione: "Vorrei che fosse chiaro: se faranno davvero così, il Pd ci toccherà farlo da un’altra parte. Perché questo non è più il Pd, aperto e inclusivo che ci eravamo raccontati: è più o meno il suo contrario. Ed è la prosecuzione (con gli stessi mezzi) di quello che abbiamo visto al lavoro negli ultimi venti giorni". La pacificazione del partito, insomma, è durata poco meno di una settimana. I filo-grillini hanno apertamente imbracciato l'ascia di guerra. La resa dei conti è questione di giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arianna76

    06 Maggio 2013 - 19:07

    Premetto che sono una liberale convinta, ma questo PDL così com' è non ha nulla da dire. La nomina della Biancofiore parla da sola. Ma dove vogliamo andare con personaggi del genere. Pietà!!!! Io, come molti trentenni, che come me hanno sempre votato a destra, tranne l 'ultima volta, guardano, oltre che con simpatia, con interesse a persone come Civati. Possibile che nel PDL non ci sia nessuno che non sappia parlare se non seguendo una scaletta. Tutte con lo stasso taglio di capelli, stesso modo di vestire, stesso tono di voce, stesso falso sorriso...... Per non parlare dei vari Gasparri o Verdini!!! P.S. Non è che Civati ha un parente da prestarci?!

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    05 Maggio 2013 - 14:02

    perchè parla, parla, parla e non agisce mai??? Se è scontento di questo Pd( anch'io lo sono ma io sono di CDX)perchè non se ne va da un'altra parte??? Penso che grillo ed i suoi grilletti lo accoglierebbero a braccia aperte, peccato, per loro, che sposterebbe ben pochi voti!!!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    05 Maggio 2013 - 09:09

    se vanno a lavorare allora e' una buona notizia. Se invece restano a mangiare i soldi degli altri Italiani allora e' una brutta notizia.

    Report

    Rispondi

  • tacos

    04 Maggio 2013 - 16:04

    Un nuovo partito di sinistra ci mancava.Avanti Popolo!

    Report

    Rispondi

blog