Cerca

Il retroscena

Il piano di grillini e Pd
per far fuori Berlusconi
e far governare Rodotà

Il democratico Civati lavora nell'ombra per creare un fronte trasversale pronto a consegnare il Paese all'ex candidato al Colle. Ma Letta deve cadere

Stefano Rodotà

Stefano Rodotà

"Professore, le piacerebbe farci da premier?". Il professore è Stefano Rodotà, ex candidato quirinalizio per il Movimento 5 Stelle. La domanda gli è stata rivolta mentre si trovava a Berlino per un convegno. La risposta? Tutt'altro che negativa. Sì, sarebbe pronto a farlo, il premier. Ma per chi? Per una parte di grillini e per il Partito democratico. Il retroscena viene rivelato sulle pagine de La Stampa da Andrea Malaguti, giornalista vicino al Movimento 5 Stelle, che dà conto del cosiddetto piano "D'Alema 2.0". In estrema sintesi si tratta di un progetto per far fuori Silvio Berlusconi e il Pdl: un piccolo pezzo del Pd e una componente minoritaria dei grillini, quelli che si vogliono ribellare alla dittatura del capo Beppe, tramano per portare a compimento la loro "opera" politica.

Il "grillino" Civati - L'idea, nelle scorse settimane, pareva un sogno, una boutade, ma via via si è fatta più concreta. L'antefatto risale ai giorni dell'elezione del presidente della Repubblica, quando Massimo D'Alema, si sussurra, chiese a Pier Luigi Bersani di sostenere Rodotà. L'obiettivo: appoggiare la candidatura per poi governare con i pentastellati. La risposta dell'allora segretario democratico fu secca: "Mai e poi mai". Ma le cose evolvono, la politica è mutevole. Anche dopo il "niet" di Bersani, infatti, un gruppo di democrat ha continuato a cercare i grillini "dialoganti". A guidare la pattuglia democratica, ovvio, c'è Pippo Civati, piddino di strettissimo rito antiberlusconiano e sedotto dalle sirene del populismo grillino. Civati si è mosso nell'ombra, attirando l'attenzione di diversi esponenti del M5s e del suo stesso partito. 

Se Letta cade... - Il cerchio, insomma, si è allargato. Se inizialmente Civati reputava impossibile la caduta del governo Letta, poiché sostenuto da Giorgio Napolitano, col passare del tempo si è convinto che ci siano margini di manovra: ha allargato le basi del consenso interno e i grillini "dialoganti", quelli in rotta col duce Beppe, crescono di settimana in settimana. Gli strappisti pentastellati si sono contati: quelli pronti ad appoggiare il Pd sarebbero venti alla Camera e quindici al Senato. E' a questo punto che viene contattato Rodotà, che scalda i motori nel caso in cui il governo Letta dovesse cadere. Civati spiega: "Berlusconi sappia che se fa cadere il governo in modo strumentale, o ci costringe a prendere le distanze dall'esecutivo, potrebbero esserci conseguenze non banali. C'è un fronte in Parlamento, e ancor più nel Paese, che non ha nessuna intenzione di regalargli l'Italia". Quel fronte, che unisce Pd e M5s, sarebbe pronto a consegnare l'Italia a Rodotà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • solerosso34

    27 Maggio 2013 - 22:10

    CIVATI E' UN BELLOCCIO SENZA CERVELLO, FARA' LA FINE DI GIANFRANCO FINI.E' BELLOCCIO SI PAVONEGGIA ,LO CHIAMANO PER FARGLI DIRE LE STUPIDAGGINI, IO PENSO CHE NON LO VOTA NEMMENO LA MADRE. POTRA' CONVINCERE GLI INGENUI DEL 5S, COME FINI CONVINSE I 40 SCILIPOTI A PASSARE CON LUI. POI TUTTI SPARITI.MA CIVATI FUORI DAL PD CHI LO VOTA!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Techedge

    25 Maggio 2013 - 13:01

    Che imbecilli, che dementi, che idioti che siete, gentaglia del pdl...magari fosse vero, e non credo neanche tanto al fatto che grillo non sia d'accordo. Ben venga la caduta di berlusconi, un uomo che ha fatto dell'italia lo zimbello del mondo, che è amico di mafiosi (non lo dico io, ma la sentenza dell'utri per esempio...), che ha fatto del parlamento una macchina per evitare il carcere (lo dicono le leggi) e ripulire capitali di dubbia provenienza (scudo fiscale). Peggio di così non è possibile, quindi state zitti e pregate che avvenga quello che dice l'articolo, altrimenti meglio che andate in Sudan, dove tra poco staranno meglio di noi.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    24 Maggio 2013 - 20:08

    In Veneto ti chiamerebbero mona, dubito però che possa capirlo.

    Report

    Rispondi

  • giseppe

    24 Maggio 2013 - 19:07

    ma cosa vuole sto avanzo di minestra riscaldata vai al ricovero con flores d cazz

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog