Cerca

C'è chi è più uguale degli altri

Pubblico impiego, stop agli aumenti. Ma non vale per i giudici

D'Alia gela gli statali: "Aumenti solo nel 2015". Toghe e prefetti sono però esclusi dal blocco

Pubblico impiego, stop agli aumenti. Ma non vale per i giudici

Che differenza c’è tra un magistrato e un prof della scuola statale? Nessuna verrebbe da dire. Nel senso che entrambi svolgono una funzione di utilità pubblica e sono inseriti, come categoria si intende, nel mare magnum della Pa. Vero, ma solo in parte. Perché per gli insegnanti, che detto per inciso guadagnano in media molto di meno, dal 2010 è scattato il blocco degli aumenti contrattuali. Mentre per i giudici la crisi e la spending review non sono mai esistiti.  «Tutto merito - ci spiega il segretario confederale della Uil Antonio Foccillo - della riforma del 1993 che ha escluso alcune figure dalla contrattazione della Pa». Di chi stiamo parlando? «Dei magistrati, appunto, ma anche dei prefetti, dei professori universitari e degli addetti al consolato dalla segreteria in su». Che negli ultimi tre anni non hanno subito nessuna decurtazione in busta paga. A differenza di chi lavora nella sanità, negli enti locali, nella scuola, nell’università (ad eccezione ovviamente dei professori), nella ricerca, nello Stato e nel parastato. Insomma, sono tutti statali, ma qualcuno è più statale degli altri. «C’è una forte disparità - continua Foccillo -  tra chi è protetto dalla legge, pur guadagnando bene, e chi nonostante i bassi salari non ha potuto incrementare di un solo euro il proprio salario individuale».

La vicenda torna di forte attualità nel giorno delle dichiarazioni del ministro della Funzione pubblica, Gianpiero D’Alia, che toglie qualsiasi speranza a chi puntava su uno sblocco dei contratti della Pa a partire dal 2014 (sono fermi dal 2010 come detto). Niente da fare. Se ne riparlerà tra due anni, forse, e solo se l’economia tornerà a correre. 


Leggi l'articolo integrale di Tobia De Stefano
su Libero in edicola oggi, mercoledì 29 maggio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elenasofia

    elenasofia

    22 Ottobre 2013 - 22:10

    Allora fatemi ricapitolare: i giudici no, quelli di bankitalia no, i parlamentari no... solo i pensionati devono subire il blocco?

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    29 Maggio 2013 - 20:08

    vera casta politicizzati e fuori dalla costituzione speriamo arrivi una nuova bastiglia allora vedremo i signori con ermellino come si giustificheranno

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    29 Maggio 2013 - 19:07

    In questa situazione italiana dove non si vuol dire ma TUTTO è allo sbando compreso la magistratura è giusto che proprio questa venga mantenuta altrimenti come andremo a finire in "m...."? Gente innetta, impreparata, politicizzata, nullafacente questi solo il fior fiore della legalità.

    Report

    Rispondi

  • marcello marilli

    29 Maggio 2013 - 17:05

    sono loro la vera castav da abbattere !!!!! in tutti i sensi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog