Cerca

Il retroscena

La profezia de L'Espresso: "Pietro Grasso sostituirà Napolitano"

Secondo il settimanale di De Benedetti, il presidente del Senato ha "l'identikit perfetto per il dopo Re Giorgio". E a quanto pare in largo del Nazareno sono già a lavoro

Pietro Grasso

Pietro Grasso

C'è una figura che nellla "grande tribolazione" del governo e della maggioranza di questi giorni, appare serafica e sorridente: Pietro Grasso. Il presidente del Senato si è ritagliato un ruolo defilato. E' meno rumoroso della Boldrini, sa centellinare le sue entrate a gamba tesa sul governo, passa le sue giornate a mandare messaggi e telegrammi a tutti i famigliari di chi scompare o alle associazioni che stanno vicino ai più deboli. Grasso studia da leader silenzioso. Dopo aver dismesso i panni del magistrato, col doppiopetto si trova a suo agio.

Il vice-Re Giorgio detta l'agenda -  Nei giorni scorsi, subito dopo la sentenza della Cassazione che ha inchiodato il Cav sul muro del processo Mediaset, Grasso, ignorando la imparzialità istituzionale che il suo ruolo gli impone ha iniziato a dettare l'agenda al governo, quasi come fosse un portavoce di Napolitano. "Bisogna cambiare la legge elettorale, la riforma della giustizia può attendere". E ancora: "Il parlamento e il governo devono agire subito per una legge sulle unioni civili e lo ius soli". E infine la bordata: "Se cade il governo sono possibili altre maggioranze". Le sue uscite sono quelle di un  premier. Da presidente del Senato ha solo la poltrona, per il resto parla poco, ma quando lo fa ha la pretesa di essere ascoltato come un presidente del Consiglio.

Grasso Capo dello Stato -  Ed è in questo quadro che da l'Espresso, settimanale di De Benedetti e vox del Pd che arriva una proposta che ha il sapore di un retroscena già scritto: "Pietro Grasso potrebbe sostituire Giorgio Napolitano al Quirinale, se il Capo dello Stato dovesse dimettersi". Insomma per lo storico settimanale "rosso", a quanto pare in Largo del Nazareno stanno già preparando il terreno per lanciare l'ex magistrato al Colle. "Così, rarefatto tra le nuvole degli ideali, l'ex giudice di Licata aspetta, come recita il motto siciliano, chi passa la china, che passi la tormenta degli eventi, quasi equidistante dal suo Pd (che per correttezza istituzionale ignora), da Berlusconi (cui non dispiace certo il non esser disturbato, di questi tempi), ma perfino dal M5S. L'identikit perfetto per un dopo Napolitano, nel caso che le vicende di casa precipitino all'improvviso, portando Re Giorgio a dimissioni anticipate", racconta l'Espresso. Per Grasso sarebbe un doppio salto mortale in poco meno di dodici mesi. Dalla toga alla poltrona più alta senza nemmeno prendere un voto, grazie al Porcellum. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • worse9

    26 Agosto 2013 - 11:11

    ha costruito un quartiere di Milano, ha creato la TV commerciale, che evidentemente i sinistrorsi non guardano, migliaia di posti di lavoro, mentre i rossi facevano solo chiacchiere esaltando il comunismo di Stalin finchè non gli è crollato in testa il muro di Berlino.

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    26 Agosto 2013 - 09:09

    ANCORA COMUNISTI ALLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA??? E' UNA VERA SVENTURA PER QUESTO POVERO PAESE ORAMAI ALLO SBANDO. POPOLO DEL CENTRO-DESTRA SVEGLIATEVI. SIAMO STANCHI DI QUESTA MELMA, RIVOGLIAMO LA VERA "DEMOCRAZIA" QUELLA CON LA D MAIUSCOLA E NON QUELLA COMUNISTA CHE LA STORIA E' RICCA DEI DANNI CHE HA PRODOTTO QUELLA DEMOCRAZIA COMUNISTA. IN ITALIA QUESTO CANCRO DEVE E RIPETO DEVE SCOMPARIRE. SIANO UN POPOLO A MAGGIORANZA CATTOLICO E NON ATEO E IMBECILLE.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    20 Agosto 2013 - 14:02

    Ma attenti a quello che si vuol fare, una simile azione potrebbe veramente procurare conseguenze tragiche visto poi che il soggetto non è per niente persona gradita alla stragrande maggioranza degli italiani. Non portate sondaggi. I sondaggi sono la cosa più falsa in questo paese. Presidente Napolitano già ha fatto delle "cazzate" ora non esageri.

    Report

    Rispondi

  • mariannadescalzi

    20 Agosto 2013 - 11:11

    sui sinistri lei scrive di "bassezza morale e intellettuale".... AHAHAHAHAHAHA !!!! Detto da uno che idolatra il più conosciuto cialtrone, bugiardo, malfattire e disturbato sessuale del mondo occidentale fa scompisciare dalle risate. HAHAHAHAHA !!! So che lei non proverà ne vergogna ne paura del ridicolo perché voi berlusconiani siete solo dei fanatici analfabeti e senza morale. Dia retta, compri "Chi" e si dedichi alla vita e alle opere della fidanzatina del suo pompetta da arcore e alla triste storia della nipote di Mubarak. Sono argomenti più consoni alla sua demenza. Poveretto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog