Cerca

Caos Forza Italia

Silvio Berlusconi, un Bisignani brutale: "Chi sono i fedelissimi che hanno fatto fuori il Cav"

6 Marzo 2018

11
Silvio Berlusconi, un Bisignani brutale: "Chi sono i fedelissimi che hanno fatto fuori il Cav"

Le chiama "le zavorre del Cav". Luigi Bisignani, sul Tempo, spiega chi e perché ha fatto perdere le elezioni a Silvio Berlusconi e il suo editoriale è una autentica bomba su Forza italia. Dito puntato sul "cerchio magico" che ha tenuto l'ex premier in un "regime di semilibertà che l'ha allontanato da tutti, soprattutto da quel mondo che nessuno come lui sapeva ammaliare".




In campagna elettorale, spiega Bisignani, è stato sbagliato tutto: "isolato tra Arcore e studi televisivi, mandato in onda fino alla nausea anziché solo nelle ultime settimane". Secondo punto: le liste elettorali, "terreno di ripicche e diktat, senza alcuna strategia. Una lotta, all'arma bianca, che ha finito per tener fuori candidati che avrebbero portato voti dal territorio e per dare all'elettore la percezione che Forza Italia fosse diventata terra di conquista di piccoli clan senza storia e senza voti". Terzo, la gestione tragica della legge elettorale, "fortemente voluta dagli strateghi di Arcore per favorire, come è avvenuto, la Lega di Salvini che ha fatto poi man bassa dei collegi più sicuri, ridimensionando anche i coraggiosi patrioti di Fratelli d'Italia e la cosiddetta Quarta Gamba nata amputata". Berlusconi "ha dato il massimo come un vero leone in battaglia", ma ha sbagliato nel non tenere duro su idee che ha lanciato lui per primo, cedendone poi inspiegabilmente la bandiera a Salvini, dai rimpatri dei clandestini alla flat tax, pur recuperandola in extremis. 

Ultimo pensierino riservato proprio a quella classe dirigente che negli ultimi 5 anni "è stata solo a pensare a come farsi ricandidare a fine legislatura piuttosto che a lavorare a un'idea, a un progetto". Mentre "Salvini, Meloni, Di Maio, Di Battista e lo stesso strapazzato Renzi battevano l'Italia città per città, in pochissimi di Forza Italia si sono fatti vedere fuori dai palazzi a tastare il polso della gente". "Il partito è in coma, ma non sembra interessare a nessuno - è la sentenza tombale di Bisignani -. Sono tutti troppo vecchi per pensare al futuro. A loro basta il presente. E ancora una volta, nonostante tutto, se la sono cavata grazie a Berlusconi. Un partito evidentemente destinato a spegnersi insieme a lui". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lellac

    07 Marzo 2018 - 11:11

    Quei defic.enti che vomitano insulti su Berlusconi sono quelle zecche che hanno votato i 5stalle per avere un reddito a sbafo facendo nulla, ma vi accorgerete presto che la manna non può più piovere da l cielo perchè Gesù Cristo non è sceso in terra nei panni di di maio......babbei che non siete altro!

    Report

    Rispondi

    • vivaio

      14 Marzo 2018 - 01:01

      “Berlusconi è un vecchio malvissuto, pregiudicato e pluri prescritto, definito da una sentenza definitiva "delinquente naturale", che dal 1994 ha devastato l' Italia governandola per 9 anni da solo e per altri 3 in condominio col centrosinistra, con l' unico obiettivo - peraltro centrato - di non finire in galera, salvare le sue aziende dalla bancarotta e guadagnare sempre più soldi a spese nostre

      Report

      Rispondi

  • mareno.corti

    07 Marzo 2018 - 08:08

    purtroppo e' vero

    Report

    Rispondi

  • Chully

    06 Marzo 2018 - 18:06

    Capre, capre, capre, ex cav...... ma quanto vi ci vuole per assimilare una cosa così semplice. Il vostro padrone non è più cavaliere, ma semplice puttaniere, pregiudicato, vecchio e incipriato...Uno che pagava giovanissime prostitute e mafiosi. Ex cav.Ex cav.Ex cav,,, capre!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media