Cerca

Cambi di rotta

Grillo vira a destra? Il modello è la Le Pen

Il leader del M5S cambia registro e punta ai voti dei conservatori: guarda con ammirazione alla Francia e attende con ansia l'esame delle europee

Beppe Grillo

"Siamo populisti, nessuna vergogna". Beppe Grillo lo dice e nessuno storce il naso: che lui sia quello che meglio di tutti riesce a parlare alla pancia dell'Italia è chiaro, ma  ora il suo saper tradurre i sentimenti del Paese in proposte politiche preoccupa più la destra che la sinistra. Il populismo grillino, infatti, ricorda tanto quello in salsa francese di Marine Le Pen e le idee che vengono lanciate dal blog rischiano di affascinare, tanto, gli elettori che storicamente hanno affidato il loro futuro alla destra italiana. Ma non è che Grillo sia proprio conservatore? Se lo chiedono in tanti adesso e la risposta non è, affatto, negativa. 

"Italiani" - Con la tradizione populista sempre sullo sfondo, negli ultimi tempi il leader-comico ha lanciato alcune campagne marcatamente di destra. Il tema della sovranità nazionale contrapposta ai "soprusi" dell'Unine Europea ha indelebilmente segnato la campagna elettorale delle politiche, prima, e l'inizio della legislatura, poi. I temi sul tavolo grillino sono gli stessi che in Francia proprio la Le Pen rilancia quotidianamente e le differenze tra i due quasi non si vedono. Non solo. Grillo si è schierato anche contro l'amnistia e l'indulto facendo il verso alla storica destra italiana: "La maggior parte di chi verra scarcerato in pochi mesi tornerà in galera, ruberà ancora, minaccerà ancora, si macchierà degli stessi reati. Il richiamo per i delinquenti degli altri Paesi diventerà una sirena inarrestabile". 

Bossi-Fini - Il tema immigrazione, poi, è il più caldo fra tutti. Grillo è stato chiarissimo: cambiare la legge sull'immigrazione sull'onda emotiva delle tragedie del mare sarebbe sbagliato, quindi meglio lasciare le cose come stanno. La sua posizione coincide con quella della destra e della Lega Nord, ad esempio, e tutti quelli che da sinistra hanno virato sui 5 Stelle alle ultime elezioni si sono arrabbiati parecchio. Non credevano che fosse così Grillo, e invece dalle parti di Beppe funziona così. 

Destra - E allora il dubbio diventa lecito e la destra trema perché se Grillo dovesse davvero puntare verso la loro parte ecco che potrebbe fare incetta di voti, lasciando i reduci di An senza un briciolo di consenso. Il modello che Beppe studia è proprio la Le Pen francese che è riuscita a sconfiggere critici e pregiudizi portando avanti le sue battaglie con dedizione. Lui farà lo stesso. Il suo primo esame sarà in primavera, il secondo subito dopo: la campagna elettorale per le elezioni europee svelerà tanto sul nuovo Grillo; dove andrà a sedersi nel parlamento di Strasburgo dirà tutto sul suo futuro. Marine lo aspetta a braccia (se non tese) quanto meno aperte.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • al59ma63

    01 Novembre 2013 - 02:02

    ed e' capo di una mandria di battitori di tastiera e touch screen di smartphone cche purtroppo hanno..... DISCONNESSO il cervello!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    31 Ottobre 2013 - 20:08

    Qualcuno abbia la compiacenza di accompagnarlo a casa....fluidificando il sangue durante il percorso con nutrite bevute di acqua...

    Report

    Rispondi

  • cate28

    31 Ottobre 2013 - 18:06

    anch'io lo pensavo, anti ius soli, promotore dell'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, riduzione stipendio dei politici,, il top non ho avuto dubbi. Chi ha proposto e ottenuto l'abolizione del reato di clandestinità, il m 5s, le conseguenze si stanno già vedendo e in futuro saranno disastrose. Quindi non mi frega più.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    31 Ottobre 2013 - 17:05

    Tutto è meglio dei KattoKomunisti. Perciò, se fossi nei panni di Berlusconi, alle pros-sime elezioni inviterei gli elettori di centro destra a votare per il M5S. Con questa legge elettorale Grillo vincerebbe a mani basse. I KattoKomunisti si vedrebbero sfilare la vittoria da sotto il naso per l’ennesima volta. Silvio consumerebbe la sua vendetta nei confronti della Sinistra, di tutti coloro che l’hanno pugnalato alle spalle e persino della Culona. E poi fuori dalle balle gente come la Kyenge, la Boldrini, la Bindi, Grasso, Vendola, Casini ecc. Perduto per perduto, si toglierebbe una soddisfazione ORGASMICA!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog