Cerca

Fuori tutti

Buemi (Psi), disegno di legge per abolire la Camera

Lo schiaffo dei Senatori ai colleghi (e a Matteo Renzi): "Con un tratto di penna facciamo sparire Montecitorio. E' più conveniente..."

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Matteo Renzi è stato chiaro: il secondo punto dell'accordo del Nazareno con Silvio Berlusconi prevede la riforma delle Camere con l'abolizione del Senato. Il rottamatore ha fretta e così spinge sull'acceleratore, ed entro il 15 febbraio ha promesso di presentare un disegno di legge per cancellare Palazzo Madama. Tra i senatori è subito scoppiato il panico. In tanti, con un Parlamento dimezzato, rischiano di restare fuori dalle candidature per le prossime elezioni. Così ora i senatori passano al contrattacco. E proprio da Palazzo Madama arriva la risposta sotto forma di un disegno di legge costituzionale.

"Abolire la Camera" -
 Il titolo è eloquente: "Abolizione della Camera dei deputati". Una provocazione, certo, che tuttavia evidenzia le difficoltà che avrà il segretario del Pd a far votare ai senatori la propria auto-cancellazione. La proposta arriva da un senatore di centrosinistra, Enrico Buemi, eletto nelle fila democratiche in quota Psi. Il testo del disegno di legge parla chiaro: "Onorevoli senatori - scrive -, piuttosto che abolire il Senato, il cui regolamento ha già da tempo recepito le istanze di governabilità del paese, consentendo di gestire i lavori in modo assai meno conflittuale di quello della Camera, è preferibile convogliare le opportune istanze di risparmio della spesa pubblica, semplificazione dei processi decisionali e revisione del parlamentarismo in direzione della soppressione della Camera bassa, a composizione maggiore e quindi più ipertrofica e ingestibile".

Smontato il piano di Renzi - Buemi in sostanza smonta il progetto di Renzi che prevede l'abolizione del Senato in nome della spending review: "Anche sotto il profilo del rapporto numerico tra parlamentare e popolazione il Senato è assai più vicino agli standard esteri". E poi fissa il tetto delle spese del futuro Senato allo 0,1% del bilancio dello Stato, pari a circa 528 milioni di euro. "Un risparmio di 1,3 miliardi rispetto al costo attuale del Palazzo che ammonta a circa 1,8 miliardi", sottolinea. Ma il progetto di Buemi va oltre ed è molto più drastico di quello del segretario del Pd. Il socialista infatti vuole l'abolizione totale della Camera, lasciando il ruolo di rappresentante delle istanze degli enti locali al Cnel, che verrebbe trasformato in "Consiglio Nazionale delle autonomie". Il disegno di legge di Buemi è un avvertimento per Renzi. I senatori dem difficilmente accetteranno l'abolizione di palazzo Madama. Paradossale, ora, la situazione in Parlamento: con una Camera che chiede la chiusura dell'altra. E viceversa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio_collarin

    04 Luglio 2014 - 05:05

    fuori entrambi !!! commissariare il Bel Paese per salvarlo dal naufragio!!! lavoro per tutti con stipendi dignitosi non da rapina!!!). questa sarebbe equita' remunerativa!!! chi "pretende" di piu', espatri!!! faccia l'emigrato in paesi dove per emergeré devi avere una professionalita' certa e non un pezzo di carta come diploma o laurea italiani!!!

    Report

    Rispondi

  • anco marzio

    06 Febbraio 2014 - 12:12

    peggio dei bambini

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    06 Febbraio 2014 - 11:11

    eliminiamo camera e senato e già che ci siamo anche il governo tanto napolitano fa tutto lui,potremmo risparmiare un sacco di soldi.A parte gli scherzi se al senato ci sono queste persone intelligenti credo sia meglio eliminarlo oppure teniamo il senato,ma non i senatori a vita,un senato che mandi a casa le regioni e faccia lui il lavoro delle regioni,un senato che non debba legiferare ma eventualmente proporre al governo.

    Report

    Rispondi

  • matteodaversa

    06 Febbraio 2014 - 09:09

    l'Harakiri è una soluzione che gli restituirebbe dignità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog