Cerca

Il dramma

Roma, padre e figlio tornano a casa dopo la partita: travolti da un'auto e uccisi

Roma, padre e figlio tornano a casa dopo la partita: travolti da un'auto e uccisi

Una tragedia ha scosso Roma nella serata di ieri, al termine della partita tra la squadra giallorossa e il Bayern Monaco. Stefano De Amicis, 38 anni, e il figlio Cristian, di soli 7 anni, sono morti in un incidente stradale, in via Nomentana: i due stavano tornando a casa in scooter, proprio dallo stadio Olimpico. Per circostanze ancora da chiarire, un cittadino romeno incensurato, di 40 anni, alla guida di un'Opel Tigra ha travolto lo scooter. Sul luogo dell'incidente sono subito accorsi carabinieri e ambulanze del 118: il piccolo Cristian è morto sul colpo, mentre il padre Stefano è deceduto all'alba, all'ospedale Sant'Andrea. Sono in corso indagini sul romeno alla guida dell'Opel Tigra, che comunque si è fermato appena dopo lo schianto. La sua auto sportiva è rimasta distrutta dall'impatto.

Una famiglia distrutta - Stefano De Amicis lavorava come steward allo stadio Olimpico, e spesso accompagnava il figlio a vedere le partite della Roma. Cristian conosceva già l'inno della Roma, e a Trigoria aveva già conosciuto i suoi idoli, a partire da capitan Totti. Ieri sera il dramma: Stefano De Amicis lascia la moglie e un'altra bambina, più piccola di Cristian.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog