Cerca

In Iraq continua lo scempio

dei siti archeologici

In Iraq continua lo scempio
Nel cuore dell’Iraq, sotto la polvere e l’argilla, sono sepolti i tesori e la storia della cultura occidentale. Eppure, dall’invasione del 2003, oltre al dramma della guerra, l’immensa eredità culturale dell’Iraq ha subito un saccheggio a dir poco ‘barbarico’. Negli ultimi due anni, poi, la depredazione è stata così scellerata da ridurre, a livello visivo, il suolo dell’antica Mesopotamia a una specie di gruviera. Si tratta di una razzia incontrollabile, talmente fuori controllo da permettere che alcuni dei manufatti finiscano, addirittura, in vendita su Ebay per meno di 100 dollari. Basta una piccola ricerca nel sito di aste online per trovare, senza particolari difficoltà, alcune tavolette con incise le gesta eroiche di Gilgamesh. Eppure, nessuno sta muovendo un dito per fermare questo sciacallaggio. Senza che nessuno intervenga, si distruggono i siti archeologici dove sono state erette le prime città, si cancellano dalla memoria collettiva i luoghi dove l’uomo ha scrutato per la prima volta il cielo e dove ha cigolato la prima ruota. Si annichilisce in maniera indelebile lo spazio dove nascevano la legge, i numeri e le prime forme di scrittura. E la cosa peggiore è che non si tratta di un ‘segreto’ ma di una situazione che, già da diversi anni, è sotto agli occhi di tutti.

“Catastrofe incontrollabile” - Già nel 2005, infatti, dopo un sopralluogo nel sito archeologico di Babilonia, il responsabile per l’istituzione culturale britannica dell’antico e vicino oriente, John Curtis, denunciava la drammatica devastazione artistico-culturale del paese. Secondo la ricostruzione di Curtis, in questi sei anni, la coalizione ha usato un sito tra i più antichi e preziosi del mondo come base militare, devastando il lastricato vecchio di 2000 anni con il passaggio dei mezzi pesanti. Lo studioso aveva, inoltre, già denunciato l’utilizzo dei frammenti preziosi da parte dei soldati per riempire i sacchi di sabbia e l’uso improprio di alcune pietre, sfruttate per rinforzare le barriere di sicurezza dell’accampamento militare. Da quel soppraluogo poi, la situazione in Iraq  non solo non è migliorata ma è talmente peggiorata che persino diverse aree del sito di Babilonia sono state ricoperte di ghiaia e di terra, cancellando per sempre ogni futura possibilità d’indagine agli studiosi e agli esperti. “Continuo a trovare incredibile il fatto che tutto questo sia potuto accadere”, afferma, con grande sconforto, Clemens Reichel, archeologo e professore di civiltà mesopotamiche all’università di Toronto. “Da quando è iniziata la guerra il mio lavoro come archeologo in quei siti è cambiato per sempre e la portata di questa catastrofe non potrà nemmeno essere ridimensionata”.

Il mercato nero delle opere d’arte - Il passaggio dei soldati ha anche agevolato l’opera di ladri e ricettatori di opere d’arte. Infatti, sono migliaia i reperti, come tavolette con iscrizioni cuneiformi, sigilli, fregi, statue e ornamenti, inseriti illegalmente nei mercati dell’antiquariato di contrabbando di Londra, Ginevra e New York. Dalla caduta del regime di Saddam poi anche il museo di Baghdad ha subito un saccheggio devastante. “Il museo di Baghdad era un polo d’eccellenza – sostiene Mario Fales, professore di storia del vicino oriente antico all’università di Udine –  e la coalizione è arrivata senza una preparazione specifica rispetto a quello che avrebbero trovato”. E aggiunge “In Iraq c’era la capacità e la competenza per fare un buon lavoro di conservazione, ma non è stato fatto e non viene fatto tuttora, con una media di 1000 reperti che scompaiono ogni giorno”. Del resto, se non ci si affretterà ad intervenire attivamente per salvare il patrimonio culturale dell’Iraq, la perdita di queste preziose testimonianze toglierà per sempre ai ricercatori la possibilità di ricostruire, con esattezza, il mosaico intricato della storia del pensiero umano, dell’arte e della civiltà occidentale.  

Carlotta Clerici

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    23 Settembre 2009 - 20:08

    Tutto questo è semplicemente vergognoso ed è una gravissima perdita per tutta l' umanità

    Report

    Rispondi

blog